Creato da Ladridicinema il 15/05/2007
 

CINEMA PARADISO

Blog di cinema, cultura e comunicazione

 

 

Film nelle sale da ieri

Post n°14781 pubblicato il 07 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

 
 
 

Il Grinch

Post n°14780 pubblicato il 07 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 
Tag: trailer

 
 
 

Bohemian Rhapsody

Post n°14779 pubblicato il 07 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 
Tag: trailer

 
 
 

È morto l’attore Ennio Fantastichini da ciakmagazine

Post n°14778 pubblicato il 07 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 
Tag: news

È morto Ennio Fantastichini, a soli 63 anni: l’attore si è spento a Napoli per le conseguenze di una grave forma di leucemia. L’ultimo film di Fantastichini risale appena all’anno scorso: è Una famiglia di Sebastiano Riso, preceduto nel 2016 da La stoffa dei sogni di Gianfranco Cabiddu per il quale, nel ruolo del direttore di un carcere, ha guadagnato due candidature ai David di Donatello e ai Nastri d’Argento come migliore attore non protagonista. Ma lo scorso febbraio Fantastichini è anche comparso nel film Rai dedicato a Fabrizio De André, Il principe libero, nei panni di Giuseppe, il padre del cantautore.

Nella sua carriera ha lavorato con i più importanti registi italiani e non solo, come Gianni Amelio (in I ragazzi di via Panisperna e poi Porte aperte, a fianco di Gian Maria Volonté), Paolo Virzì (nell’indimenticabile Ruggero di Ferie d’agosto), Ferzan Ozpetek (in Saturno contro e Mine vaganti, per il quale ha vinto il David di Donatello come miglior attore non protagonista), Carlos Saura (in Io, Don Giovanni), Marco Risi (Fortapasc), i Manetti Bros (L’arrivo di Wang). Ha avuto ruoli centrali anche nelle prove da regista di molti colleghi, come Ciliegine diretto da Laura Morante e La mossa del pinguino di Claudio Amendola.

La sua popolarità è cresciuta fin dagli anni ’90 anche in tante serie televisive, come La piovra 7 – Indagine sulla morte del commissario Cattani, Il caso Dozier di Carlo Lizzani, Il testimone di Michele Soavi e Paolo Borsellino di Gianluca Maria Tavarelli, nel quale interpretaca il ruolo di Giovanni Falcone.

 
 
 

Tre volti

Post n°14777 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Titolo originale: Three Faces

 

Tre volti è un film di genere drammatico del 2018, diretto da Jafar Panahi, con Behnaz Jafari e Jafar Panahi. Uscita al cinema il 29 novembre 2018. Durata 100 minuti. Distribuito da Cinema Distribuzione.

Poster

La famosa attrice Behnaz Jafari riceve un video in cui una giovane ragazza chiede il suo aiuto per sfuggire alla morsa di una famiglia conservatrice. Behnaz abbandona le riprese del suo film e si rivolge al regista Jafar Panahi per avere aiuto e risolvere il mistero dei problemi della ragazza. I due viaggiano in auto verso il villaggio della ragazza nelle remote montagne del nord ovest dell'Iran, dove ancestrali tradizioni continuano ancora a dettare legge nella vita locale.


CURIOSITÀ SU TRE VOLTI:

In concorso al Festival di Cannes 2018

IL CAST DI TRE VOLTI:

 
 
 

Se son rose

Post n°14776 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Se son rose è un film di genere commedia del 2018, diretto da Leonardo Pieraccioni, con Leonardo Pieraccioni e Elena Cucci. Uscita al cinema il 29 novembre 2018. Durata 90 minuti. Distribuito da Medusa Film.

Poster

Cosa succederebbe se qualcuno mandasse di nascosto alle tue ex dal tuo cellulare: "Sono cambiato. Riproviamoci!"..? 
E' quello che accade a Leonardo Giustini (Leonardo Pieraccioni) giornalista che si occupa di tecnologia e innovazione per il web. Sua figlia, stanca di vedere il padre campione di un'inarrestabile rincorsa al disimpegno, decide di mandare il fatale messaggino. E come zombie usciti dalle tombe dell'amore, alcune delle ex incredibilmente rispondono all'accorato appello e quella che era nata come l'innocua provocazione di un'adolescente si trasforma in una macchina del tempo. Per Leonardo, barricato nel fortino delle sue pigre certezze tra divano, involtini primavera e computer, sarà un emozionante e divertente viaggio nel passato e nel presente.

FRASI CELEBRI:

 

Dal Trailer del Film:

Yolanda (Mariasole Pollio): Goodmorning...c'è il babbo?
Ginora (Elena Cucci): Yolanda!
Leonardo Giustini (Leonardo Pieraccioni): No, ma che è domenica oggi?!

Yolanda: È la prima volta in sei anni che ti vedo con una donna!

Leonardo: È una mia amica, è venuta a trovarmi, ma ora va via!

Signora Coscia (Nunzia Schiano): A te te piace sempre de pazzia', eh!

Yolanda: Ma tutte le tue altre fidanzate che cosa avevano che non andava?

Leonardo: Tornassi indietro, sarei più paziente, le saprei apprezzare! Ora son cambiato!

Yolanda: Pronto, nonna, tu ti ricordi i nomi delle fidanzate del babbo? Le voglio tutte!

Fabiola (Claudia Pandolfi): Yolanda vorrebbe che tu ti completassi con l'amore con la "A" maiuscola

Leonardo: Cosa t'ha detto il cervello di mandare un messaggino a tutte le mie ex!
Yolanda: Volgio un selfie per ogni incontro!

a Elettra (Gabriella Pession): Vieni, vieni entra! Ed ecco qui davanti a voi il prototipo dell'uomo ritornante!

Leonardo: Signore, io lo so che ci sei! E se ci sei, fa che non sia lei!

Benedetta (Caterina Murino): Il primo anno avevi un po' di entusiasmo, ma poi due coglioni infiniti!

Leonardo: La prima volta che si è fatto l'amore, era anche la prima volta per tutte due si faceva l'amore
Angelica (Micaela Andreozzi): No, io la prima volta lo feci co' il Burgassi e poi mentre si stava insieme col Belcivegni!

Leonardo: Ma dopo tanto tempo, ci si può rimettere insieme come se niente fosse?!

Benedetta: Da quattro mesi faccio anche assistenza sessuale, mi vuoi aiutare?

 

IL CAST DI SE SON ROSE:

 
 
 

Ride

Post n°14775 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Ride è un film di genere drammatico del 2018, diretto da Valerio Mastandrea, con Chiara Martegiani e Renato Carpentieri. Uscita al cinema il 29 novembre 2018. Durata 95 minuti. Distribuito da 01 Distribution.

Poster

Ride è un film drammatico diretto e co-sceneggiato da Valerio Mastandrea.
Una domenica di maggio, a casa di Carolina (Chiara Martegiani) si contano le ore.
Il lunedì successivo bisognerà aderire pubblicamente alla commozione collettiva che ha travolto una piccola comunità sul mare, a pochi chilometri dalla capitale.

Se n'è andato Mauro Secondari, un giovane operaio caduto nella fabbrica in cui, da quelle parti, hanno transitato almeno tre generazioni. E da quando è successo Carolina, la sua compagna, è rimasta sola, con un figlio di dieci anni, e con una fatica immensa a sprofondare nella disperazione per la perdita dell'amore della sua vita. Perché non riesce a piangere? Perché non impazzisce dal dolore? Sono passati sette giorni ormai e per lei sembra non essere cambiato nulla.
Nonostante gli sforzi, non riesce ad afferrare quello strazio giusto, sacrosanto e necessario a farla sentire una persona normale. Manca un giorno solo al funerale e tutti si aspetteranno una giovane vedova devastata. Carolina non può e non deve deludere nessuno, soprattutto se stessa.

Il film segna l'esordio nella regia cinematografica di Valerio Mastandrea
Presentato in anteprima al Torino Film Festival 2018

FRASI CELEBRI:

 

Dal Trailer del Film:

Carolina (Chiara Martegiani): Io ho sempre pianto prima di tutti, sempre e adesso non ci riesco, non mi viene naturale, che volete?

Sonia (Silvia Gallerano): Quando ho visto la notizia ho pensato "magari non è lui, magari è uno che ha lo stesso nome"!

Bruno (Arturo Marchetti): C'è molta gente oggi per salutare Mauro Secondari, non si è mai viasto qui a Nettuno un funerale così pieno di gente

Paolo (Giordano De Plano): Condoglianze!
Carolina: Eh?
Paolo: Condoglianze!
Carolina: Ah
Ada (Milena Vukotic): Al funerale non piangere, tu non devi smettere di essere una donna perché ti è morto il marito

Morbido (Giancarlo Porcacchia): Io lo so chi ha permesso 'sta stronzata de riapri' subito, so gli stessi che domani gonfieranno er petto, che pensano che basta anna' co'e bandiere al funerale per rompeglie er cazzo come glielo rompevamo noi!

Nicola (Stefano Dionisi): Succede anche nelle migliori famiglie: muore sempre il figlio sbagliato

Cesare (Renato Carpentieri): A me ne sono morti due di figli, no uno!
Carolina: Vuoi sapere come sto? Così sto!
Bruno: Quando mi chiedono "come sta mamma?", dovrei rispondere "mamma ride"

 

IL CAST DI RIDE:

 
 
 

Ovunque proteggimi

Post n°14774 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Ovunque proteggimi è un film di genere drammatico del 2018, diretto da Bonifacio Angius, con Alessandro Gazale e Francesca Niedda. Uscita al cinema il 29 novembre 2018. Durata 94 minuti. Distribuito da Ascent film.

Poster

Ovunque proteggimi, il film diretto da Bonifacio Angius, è la storia di Alessandro (Alessandro Gazale) che indossa la sua camicia porta fortuna, luccicante, una bomba. Non li sente i suoi cinquant’anni. Dopo aver cantato per un pubblico poco riconoscente, come tutti i sabato notte, fa mattina al Blu Star Disco. E quando all'alba si vede rifiutare da sua madre i soldi necessari per fare il gradasso con delle ragazzine, Alessandro perde la testa.
Dopo una vita sprecata davanti ad una slot-machine a pontificare sbronzo dalla mattina presto e sperare nella fortuna di un gratta e vinci, non avrebbe mai immaginato che l'amore potesse tornare a fargli visita. In una corsia d'ospedale. È qui, che il nostro Alessandro incontra Francesca (Francesca Niedda). Grandi occhi verdi, malinconici e luminosi, i modi spontanei di una bambina. I biglietti della nave in tasca, per lei e per Antonio, cinque anni appena, e una faccina da pubblicità del cioccolato al latte.
Ad agosto la Sardegna è un'esplosione di luce bianca, di cemento rovente, di campagne dorate, di mare che luccica in lontananza. Alessandro e Francesca sono finalmente fuori dall'ospedale, in viaggio verso un'ultima occasione.



 
 
 

Isabelle

Post n°14773 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Isabelle è un film di genere drammatico del 2018, diretto da Mirko Locatelli, con Ariane Ascaride e Samuele Vessio. Uscita al cinema il 29 novembre 2018. Durata 90 minuti. Distribuito da Strani Film in collaborazione con Mariposa Cinematografica .

Poster

Isabelle, film diretto da Mirko Locatelli, è la storia di un’astronoma francese - interpretata da Ariane Ascaride - che vive in una grande villa circondata da vigneti, in prossimità di Trieste. Il paesaggio è un vero paradiso: da un lato la campagna illuminata dal sole, dall'altro il mare che si infrange contro la scogliera a pochi chilometri di distanza.
Come ogni estate suo figlio, Jérôme (Robinson Stévenin), va a trovarla in questo piccolo locus amoenus per trascorrere un po' di tempo con lei. Isabelle è molto affezionata al ragazzo ed è pronta a fare qualsiasi cosa per lui, ma a complicare questo rapporto madre-figlio arriverà Davide (Samuele Vessio).
Quest'ultimo è un giovane incontrato dall'astronoma che sta attraversando un momento difficile e che Isabelle si sente in dovere di aiutare. Ma il forte il legame instaurato con Davide complicherà il rapporto tra lei e il figlio Jérôme, tanto che la donna si ritroverà di fronte a una scelta, che inevitabilmente si rivelerà dolorosa.


 
 
 

Il Grinch

Post n°14772 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Titolo originale: The Grinch

 

Il Grinch è un film di genere animazione, commedia, family, fantasy del 2018, diretto da Peter Candeland, Yarrow Cheney, Matthew O'Callaghan, con Alessandro Gassmann e Benedict Cumberbatch. Uscita al cinema il 29 novembre 2018. Durata 90 minuti. Distribuito da Universal Pictures.

Poster

Dopo aver lanciato la moda dei "cattivissimi" Minion, Illumination Entertainment torna con un film d'animazione dedicato a uno dei villain più dispettosi della letteratura per l'infanzia.
Quando si sfrega le lunghe dita pelose e alza lo sguardo iniettato di rosso, gli abitanti di Chinonsò se la danno a gambe. Il malefico Grinch (Benedict CumberbatchAlessandro Gassmann nella versione italiana), protagonista del racconto in rima scritto da Theodor Geisel, in arte Dr. Seuss, nel 1957, ama mettere sgambetti e rubare pacchetti, e non si lascia intenerire nemmeno dal più tenero dei piccoli Nonsochi, anche se ha gli occhioni supplicanti della dolce Cindy Chi Lou. Ma insomma, da dove salta fuori tutta questa cattiveria? Il film esplora le origini dello scorbutico mostro verde e del suo piccolo cuore inaridito, prima che diventi lo spauracchio dei Picchi di Punta Boh, e che, travestito da uno sghignazzante Babbo Natale, cerchi di rubare i preziosi simboli della festività.


 

Sono trascorsi 61 anni da quando Theodore Geisel, nome d'arte "dr.Seuss", pubblicò "How the Grinch Stole Christmas" (in italiano "Il Grinch"), un libro illustrato, una fiaba ambientata nell'amato mondo dei Chi, bizzarri esseri da lui stesso ideati graficamente. Il mondo dei Chi era già apparso in "Ortone e i piccoli Chi" ("Horton Hears a Who", 1954) ed era la rilettura fantasiosa del nostro mondo, con personaggi vagamente scimmieschi e spilungoni, disegnati con l'identificabile stile di un grafico pubblicitario nonché vignettista politico passato alla storia della cultura americana.
"Il Grinch" è stato adattato in forma d'audiovisivo innumerevoli volte: se in tanti ricordano Il Grinch di Ron Howard del 2000, con uno scatenato Jim Carrey,gli appassionati di animazione conoscono bene lo special televisivo di Chuck Jones datato 1966: molto fedele al libro, proponeva anche la canzone "You're a Mean One, Mr. Grinch", scritta dallo stesso dr. Seuss, che supervisionò da vicino quest'incarnazione, impreziosita anche dalla voce di Boris Karloff.
Il produttore Chris Meledandri ha da sempre un legame molto sentito con le opere del dr.Seuss: quand'era ancora alla Blue Sky, avviò il progetto di Ortone e il Mondo dei Chi (2008, di Jimmy Hayward e Steve Martino), conquistando la fiducia degli eredi di Geisel. Proprio in virtù di questo buon lavoro, quando ha fondato in seguito l'Illumination Entertainment dei Minions, ha trasposto Lorax - Il guardiano della foresta (2012, di Chris Renaud e Kyle Balda) e adesso quella che è forse l'opera più famosa dello scrittore.
Il nuovo Grinch si avvale della voce originale di Benedict Cumberbatch, doppiato in italiano da Alessandro Gassmann, e della regia di Yarrow Cheney(già coautore di Pets) e Scott Mosier, attivo tra cinema dal vero e animazione.
Come sempre quando si parla delle relativamente parsimoniose produzioni dell'Illumination di Meledandri, il film è costato "solo" 75 milioni di dollari, con ideazione e impostazione americane e realizzazione pratica dell'animazione presso gli studi Mac Guff di Parigi. Nel film si ripropone in versione hip hop proprio "You're a Mean One, Mr. Grinch".

 

Dal Trailer Italiano del film:

Bambino: Lei è cattivo, signore!

Grinch: So che cosa fare! Mi inventerò un modo per rubare il loro Natale!

Grinch: Ammirate il biscotto, questo è il nostro nemico! No, no, no, noi dobbiamo...ah, resistere!

Grinch: Faremo cadere la slitta dal tetto, ok?! Forza truppa!

Grinch: È la neve più rumorosa che abbia mai sentito in vita mia!

Grinch: Se devo diventare Babbo Natale, devo prima entrare nel personaggio

Grinch: Max, ti ho promosso! Sarai tu a tirare la mia slitta stanotte!

Grinch: Max, conosci le regole: tu dormi nel tuo letto e io dormo nel...gli hai insegnato tu a fare gli occhioni?!

 


  • MONTAGGIOChris Cartagena
  • MUSICHEDanny Elfman
  • PRODUZIONE: Illumination Entertainment, Perfect World Pictures (Beijing), Universal Pictures

 
 
 

Bohemian Rhapsody

Post n°14771 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Bohemian Rhapsody è un film di genere biografico, drammatico, musicale del 2018, diretto da Dexter Fletcher, Bryan Singer, con Rami Malek e Mike Myers. Uscita al cinema il 29 novembre 2018. Durata 106 minuti. Distribuito da 20th Century Fox.

Poster

Bohemian Rhapsody, il film diretto da Bryan Singer e Dexter Fletcher, è una coinvolgente celebrazione dei Queen, della loro musica e del loro leggendario frontman Freddie Mercury (Rami Malek), che sfidò gli stereotipi e infranse le convenzioni, diventando uno degli artisti più amati al mondo.
Il film ricostruisce la meteorica ascesa della band attraverso le sue iconiche canzoni e il suo sound rivoluzionario, la sua crisi quasi fatale, man mano che lo stile di vita vita di Mercury andava fuori controllo, e la sua trionfante reunion alla vigilia del Live Aid, quando Mercury, afflitto da una gravissima malattia, condusse la band in una delle performance più grandiose della storia del rock.
Facendo questo, il film cementa l'eredità di una band che è sempre stata più di una famiglia e che continua ancora oggi a ispirare gli outsider, i sognatori e gli appassionati di musica.
Oltre a Rami Malek nei panni di Freddie Mercury, il film vede nel suo cast Lucy Boynton, nel ruolo di Mary Austin, grande amore di Freddie, Gwilym Lee nei panni di Brian May, chitarrista dei Queen, Ben Hardy in quelli del batterista Roger TaylorJoe Mazzello interpreta il bassista John Deacy DeaconAidan Gillen è invece John Reid, primo manager del gruppo, Aaron McCusker ha il ruolo di Jim Hutton, a lungo il ragazzo di Mercury e Mike Myers nei panni di Ray Foster della casa discografica EMI.

 

Dal Trailer Italiano del Film:

Voce off: Devi rallentare, Fred!

Voce off: Fallirai se fingerai di essere qualcuno che non sei!

Voce off: Nessuno si ricorderà più dei Queen!

Brian May (Gwilym Lee): Dovevamo metterci in tiro, Fred? Sembri una lucertola incazzata!
Freddie Mercury (Rami Malek): Io voglio fare colpo, tesoro!

John Reid (Aidan Gillen): Su, ditemi, cos'hanno i Queen di diverso da tutte le altre aspiranti rockstar che incontro?
Freddie Mercury: Glielo dico io cos'abbiamo...siamo quattro emarginati, male assortiti, che suonano per altri emarginati...i reietti in fondo alla stanza che sono piuttosto certi di non potersi integrare, noi apparteniamo a loro

Bomi Bulsara (Ace Bhatti): Adesso anche il cognome non ti sta più bene?
Freddie Mercury: L'ho cambiato legalmente, non guardo indietro!

Brian May: Serve un po' di sperimentazione!

Kenny Everett (Dickie Beau): Io ho pagato per questo disco e mi spetta l'ultima parola!

Brian May: Non vogliamo creare sempre le stesse canzoni!
Freddie Mercury: No, possiamo fare di meglio!

Giornalista: Freddie, può dirci qualcosa sui pettegolezzi riguardanti la sua sessualità?

Voce off: Insomma, i Queen quanto possono durare ancora?!

Roger Taylor (Ben Hardy): Non prendi decisioni per la band!

Voce off: Avrai una vita davvero difficile!

Freddie Mercury: Siamo una famiglia! Tu credi in me e io in te, è la cosa più importante!

Voce off: Noi faremo delle cose straordinarie!

Voce off: Siamo tutti leggende!

Voce off: Qualcosa in cui la gente troverà un senso di appartenenza!

 

 

Vita, carriera di Freddie Mercury

Sono tante le ragioni per cui ancora oggi Freddie Mercury continua ad essere considerato uno dei pilastri della storia della musica.
Nato a Zanzibar nel 1946Farrokh Bulsara - questo il suo vero nome - iniziò a suonare il pianoforte a sette anni e a tredici entrò nella sua prima band, The Hectics, iniziando a farsi chiamare Freddie.
Passando da Zanzibar a Mumbai, per poi approdare in Inghilterra nel 1964, si laureò in arte e contemporaneamente continuò ad esibirsi con diversi gruppi, prima di formare nel 1970, insieme agli amici Brian May, Roger Taylor e John Deacon, quella che sarebbe poi diventata una delle più importanti rock band del secolo scorso.
Per loro scelse il nome Queen, perché suonava "molto regale e superbo, un nome forte, universale e immediato", e disegnò quello che sarebbe poi diventato il celebre logo del gruppo: una combinazione dei segni zodiacali dei quattro componenti, due leoni (Deacon e Taylor), un granchio per rappresentare il Cancro (May) e due fate per la Vergine (Mercury).
Già da quel logo così altisonante si poteva presagire il loro futuro, ma fu la voce e lo stile di Mercury a sancire definitivamente la fama del gruppo. Aveva un range vocale impressionante che superava le quattro ottave, un'invidiabile talento compositivo e sul palco sapeva muoversi con ipnotica naturalezza. Tanti suoi colleghi lo hanno lodato negli anni, come ad esempio David Bowie, che durante il celebre Freddie Mercury Tribute Concert, tenutosi al Wembley Stadium di Londra nel 1992, disse: "Di tutti i più teatrali performer rock, Freddie è quello che è andato più lontano... ha superato il limite. Lo vidi solo una volta in concerto, ma come si dice, lui sapeva davvero tenere il pubblico sul palmo della mano”.
Roger Daltrey degli Who, lo ha invece definito: "il più virtuoso musicista rock 'n roll di tutti i tempi, capace di cantare in qualsiasi modo, cambiando stile di strofa in strofa con una semplicità unica".
Le canzoni dei Queen, infatti, non si possono racchiudere in un solo genere: sono una mistura ben equilibrata tra elementi della disco, di progressive rock, di gospel, e persino di metal. Nel corso della loro lunga e prosperosa carriera, hanno pubblicato delle hit ormai di culto come "Bohemian Rhapsody", "We Are The Champions", "We Will Rock You" e "Another One Bites The Dust", esibendosi in ben 700 concerti in giro per il mondo, suonando per primi negli stadi del Sud America ed entrando nel guinness dei primati per la quantità di persone presenti al Morumbi Stadium di Sao Paulo nel 1981.
Purtroppo, però, il virus dell'AIDS ci ha portato via Mercury a soli 45 anni di età. Dopo una lunga battaglia con la malattia, il leggendario cantante si è spento nella notte del 24 Novembre 1991. Il video di "These Are The Days Of Our Lives", registrato a maggio del 1991, rappresenta la sua ultima apparizione di fronte ad una telecamera.
Non fu mai pubblicato prima del suo decesso, perché Mercury non voleva che la gente e i media capissero quanto fossero precarie le sue condizioni.
Fu girato in bianco e nero, proprio per evitare che si vedessero i segni dell'AIDS sulla sua pelle. Durante le sessioni di registrazione dell'album da cui è tratto il brano, "Innuendo", Mercury si dimostrò come sempre felice e desideroso di cantare, come ha raccontato Brian May: "Mi diceva 'scrivine altre, scrivimi delle tracce. Voglio cantarle, così quando non ci sarò più, tu le finirai'". "Mother Love" fu l'ultima canzone che registrò nella sua vita, una canzone che esprimeva tutto il suo desiderio di amore, di pace e di quiete.

 


 
 
 

Le Ninfee di Monet - Un incantesimo di acqua e luce

Post n°14770 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Le Ninfee di Monet - Un incantesimo di acqua e luce è un film di genere documentario del 2018, diretto da Giovanni Troilo, con Elisa Lasowski. Uscita al cinema il 26 novembre 2018. Durata 80 minuti. Distribuito da Nexo Digital.

Poster

Le Ninfee di Monet - Un incantesimo di acqua e luce, il film diretto da Giovanni Troilo, condurrà il pubblico a Parigi, tra il Musée Marmottan,il Musée de l’Orangerie e il Musée D’Orsay, a Giverny con la Fondation Monet, la casa e il giardino dell’artista, e tra i magnifici panorami di Étretat.
A guidare gli spettatori alla scoperta dei luoghi, delle opere e delle vicende del maestro, ci sarà Elisa Lasowski, mentre la consulenza scientifica sarà affidata allo storico e scrittore RossKing. Tra gli altri interventi preziosi che getteranno nuova luce sulla figura di Monet e del suo lavoro anche quello della fotografa fiamminga Sanne De Wilde e quello della giardiniera della Fondation Monet, Claire Hélène Marron. La colonna sonora originale del film è firmata da Remo Anzovino.



 
 
 

Red sparrow

Post n°14769 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Dominika Egorova è la prima ballerina del Bolshoi e la figlia di una donna sola e ammalata, di cui si prende cura con affetto e devozione. Quando un brutto incidente pone bruscamente fine alla sua carriera sulle punte, minacciando la sussistenza economica della madre, Dominika accetta la proposta dello zio Vanja, potente vicedirettore del SVR, di servire il governo di Mosca divenendo una Sparrow: un'agente pronta a tutto, un'arma di seduzione letale. Dentro di sé, però, la ragazza disprezza i metodi del governo e coltiva un piano segreto.

Tratto da un romanzo di spionaggio di grande successo, esordio letterario dell'ex agente della CIA Jason Matthews, nelle mani del regista di tre Hunger Games e della loro eroina, Red Sparrow ci guadagna su due fronti opposti e contraddittori, divenendo un film più magnetico e accattivante, da una parte, ma anche molto più scoperto e ingenuo dall'altra, il ché non è esattamente una qualità in materia di spie e spionaggio.

Il magnetismo è prerogativa assoluta di Jennifer Lawrence: l'obiettivo del regista si pone totalmente al suo servizio, ammaliato come ogni personaggio sulla sua strada; ne illumina e scandaglia il corpo e la mente, finendo per arrendersi al mistero di entrambi, al termine di ogni scena, e per restituire una perfetta sincronia tra i movimenti della trama, numerosi e ben articolati, e il "balletto" psicologico della protagonista. 
A guastare il piano ben congegnato è, però, la fretta con la quale il personaggio della Lawrence individua nel collega americano la sua via di salvezza. Una fretta che appare tutta ideologica e troppo smaccata per servire un racconto che si regge (o dovrebbe reggersi) sul mantenere fino all'ultimo il mistero riguardo le reali intenzioni dei personaggi. Se si aggiunge che è già presente una scelta di cast che divide piuttosto smaccatamente i "buoni" filoamericani e i "cattivi" pseudo russi, un tentennamento di servizio, o anche solo la parvenza di un dubbio, avrebbe fatto gioco. Perché la verità - e il motivo per cui non arriviamo a desiderare che Dominika Egorova segua il destino seriale di Jason Bourne- è che Red Sparrow è un film più triviale e sguaiato di quel che appare di primo acchito. Ci confonde con le luci del teatro, i cappotti di pelliccia, il biondo perfetto dei capelli, lo slancio delle gambe, ma è solo una copertura. Come il campo di addestramento di Charlotte Rampling, di gran lunga più simile ad una "scuola per prostitute" (come ammette Dominika stessa) che ad un'accademia militare, il film di Francis Lawrence, per quanto di efficace intrattenimento, è irrimediabilmente sprovvisto di eleganza, nudo di fronte al ricordo di un Allied o di un La talpa.

 
 
 

Il Sindaco Italian politics 4 dummies

Post n°14768 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Il Sindaco Italian politics 4 dummies è un film del 2018, diretto da Davide Parenti, Claudio Canepari. Uscita al cinema il 26 novembre 2018. Durata 90 minuti. Distribuito da Medusa Film.

Poster

Italian politics, il film diretto da Davide Parenti e Claudio Canepari, segue la vera storia di Ismaele, arrivato quarto alle elezioni comunali nel giugno 2017 a Palermo, la città che ha esportato la mafia in tutto il mondo. Gli ‘attori’ inconsapevoli di questo film sono i politici italiani, quelli che hanno comandato l’Italia sino a ieri e quelli che la stanno comandando oggi. In mezzo a tutti questi documenti reali scorre una commedia, la vita di un ragazzo e della sua ingombrante madre italiana, ambientata in una città che è un set a cielo aperto. Di questa avventura ognuno si farà la propria idea. A Ismaele è servita a capire che la politica in fondo è un mondo semplice. Non importa saper fare quel che prometti, importa prometterlo bene. Non importa da dove arrivano i voti, importa che arrivino. Non importa se dici una cosa e ne fai un'altra, e soprattutto non importa che sia vero. Importa dirlo tante volte. E poi se qualcuno ti dà quel che vuoi, tu gli dai quello che vuole. Se lo fai con un boss è voto di scambio, se lo fai con chi è dentro il sistema non si chiama più così. Si chiama accordo politico.

 
 
 

Un giorno all'improvviso

Post n°14767 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Un giorno all'improvviso è un film di genere drammatico del 2018, diretto da Ciro D'Emilio, con Giampiero De Concilio e Anna Foglietta. Uscita al cinema il 29 novembre 2018. Durata 90 minuti. Distribuito da No.Mad Entertainment.

Poster

Un giorno all'improvviso, il film diretto da Ciro D'Emilio, racconta la storia di Antonio (Giampiero De Concilio), diciassettenne con un sogno: essere un calciatore in una grande squadra. Vive in una piccola cittadina di una provincia campana, una terra in cui cavarsela non è sempre così facile. A rendere ancora più complessa la situazione c’è la bellissima Miriam (Anna Foglietta), una madre dolce ma fortemente problematica che lui ama più di ogni altra persona al mondo. Inoltre Carlo (Fabio De Caro), il padre di Antonio, li ha abbandonati quando lui era molto piccolo e Miriam è ossessionata dall’idea di ricostruire la sua famiglia.


 
 
 

Film nelle sale da giovedi scorso

Post n°14766 pubblicato il 03 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

 
 
 

Bohemian Rhapsody, un incredibile successo in tutto il mondo

Post n°14765 pubblicato il 03 Dicembre 2018 da Ladridicinema
 

Bohemian Rhapsody (guarda la video recensione) stravince il weekend con un incasso complessivo di 5,4 milioni di euro, 1,8 dei quali ottenuti ieri, in una domenica in cui ha portato al cinema quasi 250mila persone. Il biopic sui Queen sta incontrando un incredibile successo in tutto il mondo e il nostro mercato non è stato da meno. Bohemian Rhapsody dovrebbe reggere tranquillamente in sala fino alla fine delle festività natalizie e, complice il fatto che questa settimana non ci sono uscite forti, potrebbe superare i 10 milioni di euro già entro la fine della prossima domenica. 

La battaglia per il secondo posto la vince Il Grinch (guarda la video recensione), che ieri ha staccato Se son Rose. Il totale del film animato è di 1,8 milioni di euro, mentre Pieraccioni si difende bene con 1,6 milioni, che diventa il miglior esordio italiano di stagione. Ottima domenica e ottimo weekend anche per Animali Fantastici - I Crimini di Grindewald (guarda la video recensione), che raggiunge 11,7 milioni di euro, a mezzo milione da Hotel Transylvania 3 - Una vacanza mostruosa, che dovrebbe essere raggiunto e superato entro la fine del prossimo weekend. Meno eccitanti i dati degli altri film: Robin Hood (guarda la video recensione) si avvicina ai 2 milioni di euro, Troppa Grazia (guarda la video recensione) al milione, mentre Lo Schiaccianoci e i quattro regni (guarda la video recensione) chiude con un totale di 9,1 milioni di euro ma non riuscirà a passare i 10 milioni. 

Chiudono Tre Volti (guarda la video recensione), che ottiene dati lusinghieri, Morto tra una settimana (guarda la video recensione) e Ride. Il boxoffice rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso ha fatto segnare questa settimana un ottimo +33%, segno che quando ci sono film forti, il pubblico va in sala, ma il computo su base annua è ancora nettamente negativo con -5,8%.

Questa settimana ColetteIl Castello di vetroLa casa delle bamboleNon ci resta che vincere (campione d'incassi in Spagna) e il documentario di Nanni Moretti Santiago, Italia. Nulla insomma che possa scalfire la presenza sul podio delle tre new entry uscite venerdì scorso. 

 
 
 

The 33 da bastabugie.it

Post n°14764 pubblicato il 20 Novembre 2018 da Ladridicinema
 

Tra breve arriverà nelle sale cinematografiche il film The 33, che narra la vicenda dei trentatré minatori cileni rimasti intrappolati sottoterra cinque anni fa e salvati in extremis in diretta mondiale. La loro odissea, trasmessa in tempo reale, commosse il pianeta e papa Ratzinger, che inviò una sua benedizione speciale. Il film, della pluripremiata regista messicana Patricia Riggen, conta su un cast stellare: Antonio Banderas, Juliette Binoche, Lou Diamond Phillips, Josh Brolin, Gabriel Byrne. 

COME MAI?
Ma come mai si è mossa Hollywood per una storia toccante, sì, ma tutto sommato uguale a tante altre? Non è il primo dramma minerario della storia, né sarà l'ultimo, almeno finché i robot non saranno in grado di sostituire l'uomo anche nel cuore della terra. Il fatto è che questa storia è davvero speciale, sia per l'happy end, sia per il suo svolgersi, che ebbe realmente del miracoloso. L'ha raccontata per l'agenzia Aleteia.org la scrittrice americana Patty Maguire Armstrong, la quale è andata a intervistare colui che tale miracolo rese possibile. Riassumiamo intanto la vicenda. Nell'agosto del 2010 un gigantesco cedimento sotterraneo intrappola a diverse centinaia di metri di profondità trentatré lavoratori nella miniera cilena di oro e rame di San José. Si attiva la macchina dei soccorsi ma ci si accorge subito che quelli non hanno speranza. 
Le mappe della miniera sono imprecise, non si sa esattamente dove sono i minatori. Hanno, sì, un rifugio di sicurezza per le emergenze ma questo è dotato di viveri per soli tre giorni. Non si sa nemmeno se siano riusciti a raggiungerlo. La roccia da perforare è durissima e solo poche ditte al mondo hanno l'attrezzatura adatta. Di una di queste è titolare il texano Greg Hall, che viene contattato dal governo cileno. Quello arriva, ispeziona, capisce la gravità della situazione. I trentatré disgraziati possono essere bloccati da qualche parte tra i 400 e gli 800 metri in basso, e a 800 metri le trivelle non arrivano. Anticipiamo subito che il primo a parlare di miracolo è stato proprio Greg Hall, titolare della Drillers Supply International, perché, visto il successo cileno, la sua ditta è stata chiamata altre quattro volte, qua e là nel mondo, a ripetere l'exploît, ma ha sempre fallito. Tranne che in Cile. 

RIPRENDIAMO IL NOSTRO RACCONTO
Trivellando quasi alla cieca, finalmente si incontra il vuoto. A 650 metri sotto. Il rifugio. I minatori sono riusciti a raggiungerlo. Sì, ma sono lì da diciassette giorni, a quaranta gradi di temperatura. Razionando allo spasimo il cibo, sono tuttavia ancora vivi. Battono sulla trivella, si fanno sentire. Dal buco può calare cibo e acqua. Ma non c'è mezzo di tirare fuori loro. Passano i giorni, Greg Hall forse è il solo a sapere come stanno davvero le cose. Ma Greg Hall è un diacono della comunità cattolica di Cypress, vicino a Houston. E pure i minatori sono cattolici. Nel buco vengono calati trentatré rosari inviati personalmente dal Papa e da quel momento la preghiera scandisce il tempo e l'incessante lavoro di salvataggio. 
Greg Hall fa venire le attrezzature provviste della tecnologia più avanzata disponibile, ma anche così è un'impresa disperata, perché tale tecnologia prevede l'immissione di liquidi e questi farebbero annegare i minatori. Niente, bisogna farne a meno. Hall continua a trivellare con cocciutaggine e riesce ad arrivare a soli trenta metri dagli uomini intrappolati. Ma a questo punto le macchine si bloccano, non ce la fanno più. Hall, anziché buttare la spugna, si rivolge a quel Cristo Redentore che dà il nome alla parrocchia in cui è diacono. Gli dice, in sostanza, questo: io sono arrivato fin qui e di più non posso, adesso tocca a Te. 
E, proprio quando ha finito di pregare, ecco che la trivella, d'incanto, si riattiva. Non si fermerà più e, dopo quasi settanta giorni di angoscia, i trentatré rivedranno la luce. Uno ad uno. Ci vogliono due giorni per tirarli fuori tutti. L'ultimo è il loro capo, la cui testa emerge dal buco il 13 ottobre 2010. I cattolici Greg Hall e Patty Maguire Armstrong notano che il 13 ottobre è l'anniversario dell'ultima apparizione della Madonna a Fatima. Ogni minatore salvato ha al collo il rosario del Papa, i cui grani avevano punteggiato l'interminabile attesa sottoterra.

 
 
 

Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald, superati i 6 milioni di euro al box office

Post n°14763 pubblicato il 20 Novembre 2018 da Ladridicinema
 

Animali Fantastici - I Crimini di Grindelwald (guarda la video recensione) ha vinto nettamente il weekend, ottenendo altri due milioni di euro ieri e quasi 6 dal giorno della sua uscita nelle sale, un bel colpo per Warner, che conferma quanto il franchise di Harry Potter sia ancora forte nel nostro paese. 

Il secondo miglior incasso della settimana è stato Lo Schiaccianoci e i quattro regni (guarda la video recensione), che da noi ha funzionato e ha raggiunto un ottimo totale di 8,2 milioni. Difficile che riesca ad arrivare a 10 milioni, ma i 9 sono un traguardo possibile. A livello mondiale, quello italiano si è rivelato uno dei migliori mercati per il film. Poco entusiasmanti i dati delle altre new entry settimanali: la migliore è stata Widows, che ha ottenuto poco più di mezzo milione di euro, mentre hanno deluso Cosa fai a Capodanno? e Red Zone - 22 miglia di fuoco, finiti sotto la soglia del mezzo milione. Da segnalare che Gli Incredibili 2 (guarda la video recensione) è finalmente riuscito a superare la soglia dei 12 milioni. 

Coda della classifica tutta appannaggio di vecchie conoscenze: Il Mistero della casa del tempo (guarda la video recensione), Ti Presento Sofia (guarda la video recensione) e First Man (guarda la video recensione), che hanno incrementato di poco i rispettivi totali. Il weekend è andato bene: +21% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, ma il dato generale resta negativo con un -6,5% su base annua, oramai difficilmente recuperabile. 

Questa settimana l'unica uscita forte (nonché unica in contemporanea con le ricche uscite statunitensi, ma lì c'è da festeggiare il Giorno del Ringraziamento) è Robin Hood. Difficile quindi che i vari UpgradeTroppa grazia (guarda la video recensione), Morto tra una settimana (o ti ridiamo i soldi)A Private WarBlack TideConta su di me e Il vizio della speranza (guarda la video recensione) possano incidere in modo evidente sul box office. 

 
 
 

Giorgia: svelata la tracklist di Pop Heart, il suo nuovo album di cover da 105.net

Post n°14762 pubblicato il 20 Novembre 2018 da Ladridicinema
 

«Le canzoni sono strade che portano al cuore», aveva scritto presentando il progetto: ecco quali ha scelto
Giorgia svela la tracklist di "Oronero Live"

Dopo un'anticipazione (Le tasche piene di sassi di Jovanotti) e qualche annuncio, Giorgia ha condiviso la tracklist completa di Pop Heart, la sua antologia di cover di classici del pop italiano e internazionale, prodotta da Michele Canova e in arrivo in streaming e nei negozi il prossimo 16 novembre.

«Le canzoni sono strade che portano al cuore», aveva scritto Giorgia su Facebook, e quelle che ha scelto sono strade molto diverse tra loro, ma tutte decisamente stimolanti, per lei dal punto di vista canoro, per noi da quello sentimentale. Nel disco ci sono anche due duetti (quello con il suo amico Tiziano Ferro per Il conforto e quello con Ainé per Stay) e ci saranno due «cameo», Elisa su Gli ostacoli del cuore ed Eros Ramazzotti per Una storia importante.

Questa la tracklist completa di Pop Heart.

Le tasche piene di sassi
Una storia importante – Cameo di Eros Ramazzotti
Lei verrà
Gli ostacoli del cuore – Cameo di Elisa
Dune mosse
Il conforto feat. Tiziano Ferro
Sweet dreams
L’ultimo bacio
I will always love you
I feel love
Anima
Open your heart
L’essenziale
Vivere una favola
Stay feat. Ainé

 
 
 
Successivi »
 

sito   

 

MONICELLI, SENZA CULTURA IN ITALIA...

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

tutto il materiale di questo blog può essere liberamente preso, basta citarci nel momento in cui una parte del blog è stata usata.
Ladridicinema

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Ladridicinema
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 34
Prov: RM
 
Citazioni nei Blog Amici: 29
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

FILM PREFERITI

Detenuto in attesa di giudizio, Il grande dittatore, Braveheart, Eyes wide shut, I cento passi, I diari della motocicletta, Il marchese del Grillo, Il miglio verde, Il piccolo diavolo, Il postino, Il regista di matrimoni, Il signore degli anelli, La grande guerra, La leggenda del pianista sull'oceano, La mala education, La vita è bella, Nuovo cinema paradiso, Quei bravi ragazzi, Roma città aperta, Romanzo criminale, Rugantino, Un borghese piccolo piccolo, Piano solo, Youth without Youth, Fantasia, Il re leone, Ratatouille, I vicerè, Saturno contro, Il padrino, Volver, Lupin e il castello di cagliostro, Il divo, Che - Guerrilla, Che-The Argentine, Milk, Nell'anno del signore, Ladri di biciclette, Le fate ignoranti, Milk, Alì, La meglio gioventù, C'era una volta in America, Il pianista, La caduta, Quando sei nato non puoi più nasconderti, Le vite degli altri, Baaria, Basta che funzioni, I vicerè, La tela animata, Il caso mattei, Salvatore Giuliano, La grande bellezza, Indagine su di un cittadino al di sopra di ogni sospetto, Todo Modo, Z - L'orgia del potere

 

ULTIME VISITE AL BLOG

paolovendittisandra.cacciamalitotodibenedetto2karma580rodesia1cicciuottamariamiglioratominoediliziaDNL23markino99matteucci2oroturimonchiensarasvathi64annapalermo1
 

TAG

 
 

classifica 

 
 
Template creato da STELLINACADENTE20