CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Jennifer "deportato" tra...Se il ventre materno è un baobab »

Il gemello americano di Adolf Hitler

Post n°550 pubblicato il 02 Marzo 2012 da arieleO
 

«Questo dramma va rappresentato in stile grandioso, perché gli avvenimenti acquistino quel risalto che purtroppo loro compete; se possibile, con chiare reminiscenze del dramma storico elisabettiano». E ancora: «[...] va evitata la pura e semplice parodia, e anche in chiave di grottesco non deve mai venir meno l'atmosfera di orrore».
   Sono alcune delle raccomandazioni premesse da Brecht a «La resistibile ascesa di Arturo Ui», la parabola, scritta nel 1941 durante l'esilio finlandese, in cui descrive la marcia verso il potere di Hitler ambientandola a Chicago e, dunque, assimilando il dittatore nazista ad Al Capone. E direi che l'allestimento di quel dramma proposto al Bellini da Emilia Romagna Teatro e Teatro di Roma le applica come meglio non si sarebbe potuto, con una precisione non disgiunta dall'inventiva.
   Davvero «grandioso», nel senso della complessità tecnica e della multiformità linguistica, si dimostra infatti questo spettacolo, che accoglie, insieme, gli stilemi della rivista, del circo e del Kabarett espressionistico tedesco. E la regia di Claudio Longhi, mentre sottolinea i rimandi al dramma storico elisabettiano con la citazione per intero del discorso di Antonio dal «Giulio Cesare» di Shakespeare, che nel testo di Brecht compare solo in parte, provvede a rendere esplicite - mediante scritte proiettate sulla sommità dell'arco scenico - le corrispondenze fra la metafora statunitense e la realtà dei tragici eventi che si verificarono in Germania negli anni Trenta.
   Vedi, per fare solo un esempio, la scritta riferita all'incendio del Reichstag che accompagna lo svolgersi della scena relativa a quello del magazzino di Hook. Ma l'ironia tagliente di Brecht si spinge sino al punto di trasformare le predette reminiscenze del dramma storico elisabettiano nella configurazione di Hitler/Arturo Ui come un vero e proprio teatrante. E qui si determina, poi, la prova straordinaria fornita da Umberto Orsini.
   Lui è Hitler, il gangster Arturo Ui (alias Al Capone) e l'attore che dà a Ui lezioni di dizione e portamento: e incarna, quindi, l'esasperazione sino all'iperbole della finzione (ad un tempo morale e ideologica) che connotò l'ascesa maledetta di cui si parla.
   Accanto a Orsini vanno citati almeno Lino Guanciale (Ernesto Roma) e Luca Micheletti (Giuseppe Givola). Insomma, uno spettacolo che riporta il teatro a un salutare impegno civile.

                                         Enrico Fiore

(«Il Mattino», 2 marzo 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom