CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Nekrosius, un "Paradiso...Autopsia di Eduardo per ... »

Un'Antigone paladina dell'eutanasia

Post n°614 pubblicato il 28 Settembre 2012 da arieleO
 

Dice il Legislatore: «Anche perduta nei boschi della follia o inabissata nelle profondità di un coma irreversibile la vita ha la sua dignità perché è vita accanto ad altre vite, è questo a darle significanza». Antigone, invece, sostiene che «vita e morte sono degne quando possono essere condotte autonomamente».
   È questo lo scambio di battute decisivo dell'«Antigone» di Valeria Parrella, la riscrittura della tragedia di Sofocle presentata al Mercadante nell'ambito della sezione autunnale del Napoli Teatro Festival Italia: contemporaneamente, dà conto, infatti, e del tema qui svolto (l'eutanasia) e della forma in cui viene calato lo svolgimento (una scrittura alta ed antica, tale, cioè, da neutralizzare ogni rischio di retorica derivante dalla connessione con l'attualità: sia quest'ultima il caso di Eluana Englaro o il film, «Bella addormentata», che ad esso ha dedicato Bellocchio).
   Dunque, la Parrella immagina che la (vietata dalle leggi correnti) sepoltura di Polinice da parte di Antigone consista nell'arrestare le macchine che lo tengono in vita, artificialmente, ormai da tredici anni. E il fatto che nella circostanza Creonte sia indicato, per l'appunto, solo come il Legislatore lo trasforma, da singolo personaggio dotato di passioni e impulsi, nell'astratta e fredda e immobile metafora della Società in generale e dello Stato in particolare.
   Mi pare che la regia di Luca De Fusco sottolinei con adeguata precisione tali pregi del testo. I personaggi, materializzandosi dal buio come soprassalti della coscienza, vengono sovrastati, in quanto corpi, dall'immagine dei loro volti proiettata in primo piano e, così, ricondotti alla propria natura d'idee. Fra gl'interpreti, intensi e giusti Gaia Aprea (Antigone) e Paolo Serra (il Legislatore), ma troppo realistici Antonio Casagrande (Tiresia) e Nunzia Schiano (la detenuta).

                                             Enrico Fiore

(«Il Mattino», 28 settembre 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comp.robyelena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacine
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom