CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Telemaco fra Ulisse e lo spreadRivieccio nel piano bar ... »

Un travet fra l'evaso e Pippo Baudo

Post n°628 pubblicato il 01 Novembre 2012 da arieleO
 

È tornato fra noi quell'artigiano del teatro, e tanto appartato quanto provetto, che risponde al nome e cognome di Benedetto Casillo. È tornato fra noi nel senso che, chiudendo - almeno per il momento - le orecchie ai richiami delle sirene che pretendono di fargli fare tutto (Beckett, con ottimi risultati) e il contrario di tutto (Ruccello, con risultati pessimi), è tornato a fare quello che sa fare meglio e che, del resto, fa da una vita: la buona vecchia farsa napoletana.
   Così, ha aperto la stagione del Sannazaro con «Il settimo si riposò», una commedia di Samy Fayad tenuta a battesimo, nel 1969, nientemeno che da Nino Taranto e che applica uno schema abituale di quell'autore: se, poniamo, all'avvocato Russolillo, il tranquillo protagonista de «Il papocchio» appassionato della vita dei santi, capita nello studio uno spiritato grande invalido a caccia dell'amante della moglie, ad Antonio Orefice, innocuo travet di null'altro desideroso che di trascorrere in pace (anch'essa santa) la domenica, capita in casa tal Capurro, un altrettanto esagitato evaso dal carcere di San Vittore.
   Ora, in quanto adattatore del testo originale, Casillo si preoccupa di rinverdirlo con invenzioni gustose, come quella di Antonio che, da poco nata la televisione, pronostica che in un paio di settimane di Pippo Baudo non si sentirà più parlare; e, in quanto regista, si preoccupa con efficacia di conferire allo svolgimento della trama il ritmo veloce che per la resa di prodotti drammaturgici del genere è obbligato.
   Infine - in quanto interprete nei panni, naturalmente, del malcapitato Antonio Orefice - Benedetto Casillo mette in campo tutta l'impagabile comicità sorniona che lo distingue. E fra gli ottimi suoi comprimari, vanno citati almeno Patrizia Capuano (Gemma), Gennaro Morrone (Capurro), Manila Aiello (Teresa) e Marco Lanzuise (Pinchi Pinchi). Da vedere, il divertimento è assicurato.

                                                  Enrico Fiore

(«Il Mattino», 1 novembre 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacinefortunato.calvino
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom