CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Riecco Zorro, nello stil...Se delitto e vendetta so... »

Janara e il giacobino nel rito della nudità

Post n°633 pubblicato il 18 Novembre 2012 da arieleO
 

Ne «Il baciamano» - il bel testo di Manlio Santanelli che l'Erre Teatro presenta ancora oggi al Sancarluccio per la regia di Antonio Grimaldi - compaiono due personaggi che più diversi non potrebbero essere: una lazzara sanfedista dal nome emblematico di Janara e un gentiluomo giacobino portatole incaprettato dal marito affinché lei lo uccida, lo cucini e lo ammannisca come pranzo per la perennemente affamata truppa familiare.
   Li accomuna, però, il disperato tentativo di esorcizzare - imprigionandoli in una forma consolatoria per sempre data e per sempre riconoscibile, e imprigionandoveli attraverso un rito - il dolore e la degradazione della vita. Infatti, il gentiluomo (ricordate Sheherazade?) chiede a Janara di raccontargli una favola e Janara gli chiede, in cambio, di farle quella cosa che, una volta, vide fare davanti a Palazzo Reale da un signore raffinato ed elegante come lui a una signora bella - attenzione - «quanto Maria Vergine»: appunto il baciamano.
   Ebbene, il tema dello scarto tra la forma e la realtà - di ascendenza pirandelliana, ma che Santanelli sposta, come s'è visto, sul terreno dell'iperbole e del paradosso surreali (a partire, appunto, dalla riduzione dei giacobini a cibo consueto per i lazzari) - viene sottolineato dalla regia di Grimaldi con una lettura originale e fondata insieme.
   A Janara, prigioniera della fame, e al gentiluomo, destinato a diventare il suo pasto, restano solo la verità e la certezza del corpo. E dunque il rito di cui sopra coincide qui con un uso totalizzante ed esasperato di quest'ultimo, sempre spinto dalla tensione verso la nudità e spesso esposto, sullo sfondo di un'enorme cornice, su un tavolo che (naturalmente) fa venire in mente un altare.
   Non a caso, Janara perde l'equilibrio quando si riveste: lo perde poiché, rivestendosi, rientra nella «normalità» codificata ed esce dal cerimoniale in qualche modo onirico (simile a quello di conservare in una cassetta le ossa dei giacobini precedentemente divorati) dell'esibire, per l'appunto, la nudità del corpo. E forse è perciò che gl'interpreti - Annarita Vitolo e Vincenzo Albano - si possono apprezzare esclusivamente sul piano della fisicità.

                                            Enrico Fiore

(«Il Mattino», 18 novembre 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comp.robyelena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacine
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom