CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Janara e il giacobino ne...L'ambiguo rapporto fra ... »

Se delitto e vendetta sono monologhi

Post n°634 pubblicato il 22 Novembre 2012 da arieleO
 

I proiettori li illuminano alternativamente, Raffaello Beggiato e Silvano Contin. E alternativamente essi raccontano la propria storia. Condannato all'ergastolo per aver ucciso la moglie e il figlio di Contin durante una rapina effettuata con un complice, Beggiato s'ammala di cancro e, allo scopo di ottenere la grazia, chiede il perdono di Contin. E Contin glielo concede allo scopo di ottenere dalla madre di Beggiato il nome del complice del figlio, mai preso, e di poter compiere, così, la vendetta covata da sempre, ammazzando il contumace e la moglie.
   Avete capito, insomma. «Oscura immensità», lo spettacolo in scena al Bellini, è qualcosa di molto schematico e che, peraltro, sconta pesantemente la sua origine letteraria. Infatti, il testo, di Massimo Carlotto, si riduce a un riassuntino (dura meno di un'ora e mezzo) del suo romanzo «L'oscura immensità della morte». E il ponderoso tema proposto (chi è più colpevole, il carnefice di un momento o la vittima che a poco a poco diventa lei stessa carnefice?) s'arena, come s'è visto, in una sorta di partita di tennis fra i due monologhi in questione.
   In breve, e per usare un generoso eufemismo, qui di teatro vero ce n'è poco. E inutilmente la regia di Alessandro Gassmann (il quale, nel frattempo, ha deciso di ripristinare la doppia «n» del suo cognome autentico) tenta di attenuare - con proiezioni su un velatino d'immagini survoltate di commento, foto degli uccisi o, persino, granguignolesche colate di sangue - la monotonia di quei rimbalzi di dolori e rancori da un lato all'altro del palcoscenico e dall'uno all'altro degl'interpreti.
   Questi ultimi, poi, non mi pare che vadano assai oltre la professionalità e l'impegno. Comunque, meglio Claudio Casadio (Beggiato) che Giulio Scarpati (Contin). E pure con un simile dislivello c'entra il peso della letterarietà.
   Beggiato è un personaggio già definito, confitto in quel presente che, lo ripeto per l'ennesima volta, rappresenta l'unica opzione consentita al teatro. Contin, invece, è un personaggio in divenire, e dunque vive di flashback che, per l'appunto, sul palcoscenico risultano ingombranti. È un problema che dovette affrontare anche un certo Ibsen.

                                      Enrico Fiore

(«Il Mattino», 22 novembre 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom