CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Se delitto e vendetta so..."Grease" e rock'n'roll... »

L'ambiguo rapporto fra Stalin e Bulgakov

Post n°635 pubblicato il 27 Novembre 2012 da arieleO
 

Relegato ai margini come cittadino e messo all'indice come narratore e drammaturgo, il 28 marzo 1930 Michail Bulgakov scrisse a Stalin una lettera in cui chiedeva che gli fosse restituita la libertà di scrivere o gli fosse concesso di espatriare o, almeno, gli fosse consentito di lavorare in teatro come regista o attore, ma anche come semplice comparsa o tecnico di scena. E il 18 aprile Stalin gli telefonò, per fargli la promessa, che mantenne, di un impiego al Teatro d'Arte. Da quel momento Bulgakov fu un solerte, leale e, soprattutto, assai prudente funzionario. Mentre Majakovskij aveva preferito spararsi un colpo di pistola.
   Ecco, il senso di «Lettere d'amore a Stalin» - la commedia di Juan Mayorga presentata nella Sala Assoli per la regia di Tommaso Tuzzoli - sta tutto nel titolo: l'autore, uno dei maggiori drammaturghi spagnoli di oggi, da un lato moltiplica la missiva citata e dall'altro evoca l'ambiguità del rapporto fra Bulgakov e il compagno Josif Vissarionovic. Non una sola lettera, infatti, scrive a Stalin il Bulgakov di Mayorga, ma centinaia, in un insopprimibile bisogno d'essere (appunto) amato e (contemporaneamente) stimato da lui. Un bisogno che lo porta addirittura a «vederlo», Stalin, e a farsene consigliare nella stesura di quelle lettere.
   Ha ragione, Mayorga. E per mio conto ricordo che Bulgakov arrivò a scrivere una commedia, «Batum», dedicata alla vita del giovane Stalin. Ma Stalin ne proibì la rappresentazione, osservando: «Tutti i bambini e tutti i giovani sono uguali. Non bisogna mettere in scena una commedia sul giovane Stalin». Almeno in quella circostanza, dunque, Stalin fu migliore di Bulgakov.
   Ebbene, direi che tutto questo Tuzzoli non avrebbe potuto sottolinearlo meglio. Non senza ironia, nel suo spettacolo Stalin funziona, insieme, come un «doppio», uno specchio e una sorta di «dàimon», lo spirito-guida socratico: pilota la mano di Bulgakov che gli verga quelle innumerevoli lettere, dà l'attacco delle battute a lui e alla moglie, imita, addirittura, il rumore dei tasti della macchina per scrivere. E non meno adeguati risultano gl'interpreti: Silvio Laviano (Bulgakov), Peppe Papa (Stalin) e Sabrina Jorio (Bulgakova).
   Alla fine, Bulgakov resta completamente nudo ad annaspare nel vuoto: inerme e arreso a un tempo. Mi sembra la metafora della condizione in cui languono (o si adagiano) molti degli intellettuali (e soprattutto dei teatranti) di oggi, divisi, per l'appunto, fra la penuria e l'ossequio o la condiscendenza verso il potere.

                                       Enrico Fiore

(«Il Mattino», 27 novembre 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacinefortunato.calvino
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom