CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Otello e Jago in giro su...Un utero in affitto per ... »

Addio a Mariangela Melato

Post n°656 pubblicato il 12 Gennaio 2013 da arieleO
 

«Tu per me sei la milonga / se sei un frocio non m'importa». Così nel '96, in «Tango barbaro» di Copi, il «macho» Cachafaz diceva all'amante Raulito, ermafrodito, transessuale o semplice travestito che fosse. Nei panni di Cachafaz c'era Toni Servillo, in quelli di Raulito c'era Mariangela Melato e la traduzione del testo era di Franco Quadri.
   Credo che si possa parlare della sintesi di un po' del meglio espresso dal teatro italiano della seconda metà del Novecento. Mariangela Melato, dopo una lunga malattia, si è spenta ieri mattina, a 71 anni, in una clinica romana. A Milano, dove nacque, era stata vetrinista alla Rinascente, per poi esordire, in «Piccola città» di Wilder, col Carrozzone di Fantasio Piccoli, una compagnia stabile ma girovaga di Bolzano. Pronunciava appena qualche battuta, ma fu l'inizio della strada che doveva portarla, appunto, al singolarissimo ruolo di Raulito: con il quale la Melato - riuscendo nella difficilissima impresa d'interpretare (lei donna!) un uomo che si finge donna - trasferì in un'aura mitica tutto l'alternarsi di tragico e di farsesco, di poetico e di comico, di surreale e di quotidiano, di sublime e di volgare che comunemente chiamiamo vita.
   Già, potrebbe bastare questo a dire della grandezza d'attrice di Mariangela. E adesso è quasi superfluo elencare le tappe della sua carriera incomparabile: cito a caso - senza contare, naturalmente, il leggendario «Orlando furioso» di Ronconi, in cui lei incarnò la bellezza, lancinante perché lontanissima, di Olimpia - «Settimo ruba un po' meno» con Fo e la Rame, «La monaca di Monza» di Testori diretta da Visconti, «El nost Milan» di Bertolazzi diretto da Strehler, «Alleluja, brava gente» di Garinei e Giovannini, «Medea» di Euripide, «La bisbetica domata» di Shakespeare, «La dame de chez Maxim» di Feydeau, «Fedra» di Racine, «Madre Courage e i suoi figli» di Brecht, «Chi ha paura di Virginia Woolf?» di Albee...
   Sì, Mariangela Melato o della versatilità. Ed è sufficiente, per sottolineare i vertici assoluti a cui condusse tale versatilità, ricordare che lei, sempre sotto la guida di Ronconi, fu capace di diventare sia la cantante pluricentenaria de «L'affare Makropulos» sia la bambina fra i sei e i nove anni di «Quel che sapeva Maisie». E la modestia, insieme: puntualmente - dopo ogni recensione che davvero non faceva fatica ad essere elogiativa - mi diceva per telefono: «Lei mi vizia troppo».
   Era la distanza che metteva fra sé e il teatro, fra la vita e la finzione. Mi ripeteva spesso che il mestiere dell'attore ha sempre meno senso. E per questo, evidentemente, in una pausa della malattia che poi l'ha uccisa volle portare in scena «Il dolore» di Marguerite Duras. Perché, nella nota introduttiva di quel diario, la Duras scrive: «Mi vergogno della letteratura».
   Fu, quella, una prova sontuosa come la rivolta, intima come lo smarrimento. E sempre a proposito della versatilità, bisognerà accennare anche al coraggio e alla dedizione che Mariangela Melato dimostrò nell'affrontare, lei che napoletana non era e proveniva da esperienze diametralmente opposte, il ruolo di Filumena Marturano nell'edizione televisiva del capolavoro eduardiano diretta da Massimo Ranieri.
   Ma penso, nel concludere questo ritratto, all'one-woman-show «Sola me ne vo...». A un certo punto vi si accavallavano la vita come un'ombra di Macbeth, la vita come un film di Vasco Rossi e la vita come un sogno di Prospero, mentre, rannicchiata in un angolo del proscenio, la Blanche Dubois di «Un tram che si chiama Desiderio» tornava a ripetere il suo lamento e la sua preghiera in nome dei deboli e degli sconfitti.
   C'era spazio, nell'eco di Giorgio Gaber, sinanche per chiedersi dove fossero finiti i comunisti. E in ultimo, Mariangela… il lampo biondo della sua zazzeretta, là in quel cono di luce che sembrava una proustiana intermittenza del cuore, compiva il miracolo di accendere per un attimo il ricordo di Marilyn.

                                               Enrico Fiore

(«Il Mattino», 12 gennaio 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom