CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Addio a Mariangela Melato"Canta o sparo", musicot... »

Un utero in affitto per la Marturano

Post n°657 pubblicato il 13 Gennaio 2013 da arieleO
 

Margherita Mainolfo decide, per duecentomila euro, di dare il proprio utero in affitto alla diva della televisione Irena Seminova e a suo marito Tommaso Sogliana, allenatore di calcio sistematicamente esonerato; ma poi, sopraffatta dall'invincibile richiamo della maternità, cambia idea e decide di tenere per sé il bambino che sta per nascere, anche nel dubbio che non sia frutto dell'inseminazione artificiale, bensì dei normali rapporti fra lei e il consorte Faustino.
   Ecco, in breve, la trama di «Questo bimbo a chi lo do?», la commedia di Eduardo Tartaglia che l'Ente Teatro Cronaca ripropone al Cilea. E si tratta, senz'alcun dubbio, di una classica farsa napoletana, tramata di tutti gli espedienti canonici del genere: a cominciare, ovviamente, dagli equivoci (Faustino che parla del prelievo di sangue e Tommaso che intende quello dello sperma), dagli scambi di parole (i mitili che prendono il posto dei mirtilli) e dagli slittamenti di senso (il terminale offensivo del calcio che diventa «'nu povero malato ca sta' murenno e ca ghiastemma cu 'o duttore»).
   Ciò che, però, distingue il testo di Tartaglia da un semplice prodotto di routine è la sua capacità di approdare ad iperbolici nonsense surreali: e su questa strada si parte dai Lassie e Rin Tin Tin che Faustino mette a «secutare», in quanto cani, i Varenne e Ribot in quanto «cavalli» del motore del suo gommone per arrivare, addirittura, all'assimilazione di Margherita a Filumena Marturano. E insomma, siamo di fronte a un'ottima dimostrazione di come il teatro cosiddetto leggero possa divertire anche senza ignorare i problemi scottanti della società e del presente.
   È un risultato a cui, si capisce, concorre, per la regia dello stesso Tartaglia, la non meno persuasiva prova di una compagnia che, accanto all'autore (Faustino) e a un'eccellente Veronica Mazza (Margherita), schiera - insieme con i più giovani Helene Nardini (Irena), Peppe Miale (l'agente di Irena) e Stefano Sarcinelli (Tommaso) - due esponenti della grande scuola di Luisa Conte quali Anna Fiorelli (la madre di Faustino) e Tullio Del Matto (il ginecologo professor Bastone). Che volete di più?

                                              Enrico Fiore

(«Il Mattino», 13 gennaio 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom