CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« In memoria di Massimo CastriAscesa e rovina del "Pi... »

Se Eliza non fa che strillare "camurria"

Post n°663 pubblicato il 23 Gennaio 2013 da arieleO
 

Non si potrebbe immaginare una trama più nota. Eliza Doolittle, una ragazza furba ma rozza e ignorante, sbarca il lunario vendendo fiori davanti al Covent Garden. E si esprime in un orribile «cockney», il dialetto dei quartieri popolari e diseredati di Londra. Finché un bel giorno si ritrova a sfoggiare maniere da gran signora e a parlare forbitamente la lingua di Shakespeare, grazie alle lezioni che le ha impartito il professor Higgins, un tipo eccentrico che aveva scommesso con un altro studioso di fonetica, il suo amico colonnello Pickering, di riuscire nella disperatissima impresa.
   Sì, parliamo di «My Fair Lady», il celebre musical che Alan Jay Lerner e Frederick Loewe trassero dalla commedia di Shaw «Pigmalione» e che adesso è tornato all'Augusteo, sempre con la regia di Massimo Romeo Piparo, a distanza di quattordici anni dalla sua prima apparizione. Ebbene, in tutto questo tempo Piparo non ha cambiato idea: nel senso che insiste ad attribuire a Eliza smaccate cadenze siciliane, con tanto di «camurria» sparata ad ogni pie' sospinto. E siccome tutto il resto (appunto la trama e la sua ambientazione a Londra) rimane immutato, ne conseguono reiterate e piuttosto fastidiose incongruenze: per esempio, quando sia Higgins che la stessa ragazza parlano dell'inglese come della «madrelingua» di Eliza o quando quest'ultima conversa con suo padre Alfred, che, invece, del siciliano non ha neppure il più vago accento.
   Che so, ci voleva tanto, data e non concessa la scelta di Piparo, a fare di Eliza un'immigrata al seguito del genitore espatriato in cerca di lavoro? E ci voleva tanto ad apportare ai dialoghi le leggere modifiche del caso?
   Ma non stiamo a romperci inutilmente la testa: i misteri del teatro di oggi sono troppi e, nella maggior parte dei casi, del tutto insolubili. Conviene limitarsi ad esaminare l'aspetto formale dell'allestimento, per rilevare che la sua cosa migliore sono le coreografie di Roberto Croce. E per quanto riguarda gl'interpreti, aggiungo solo che i due protagonisti - Vittoria Belvedere e Luca Ward, ovviamente nei ruoli di Eliza e Higgins - si aggrappano l'una alla grazia e l'altro alla dizione perfetta che gli viene dall'attività di doppiatore.
   Il più bravo, senz'alcun dubbio, è il veterano Aldo Ralli (settantotto anni!) nei panni di Alfred Doolittle. Osservatene i tempi, la misura e l'espressività. Queste sono doti che non si acquistano con la bacchetta magica, sono il frutto di una navigazione di lunghissimo corso sulle acque difficili di quello che - con assoluta miopia - si continua a definire teatro leggero.

                                                    Enrico Fiore

(«Il Mattino», 23 gennaio 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom