CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Lui, lei e l'altra: ogg...Necessità della parola n... »

Un Edipo che è lo specchio di tutti noi

Post n°666 pubblicato il 27 Gennaio 2013 da arieleO
 

Il merito, davvero non trascurabile, dello spettacolo - il primo allestimento in assoluto, presentato al Carignano di Torino, de «La serata a Colono», l'unico testo teatrale di Elsa Morante - sta innanzitutto nell'essere il punto di approdo di un percorso registico improntato a una coerenza esemplare. Mario Martone nel 2004 mise in scena l'«Edipo a Colono» e adesso mette in scena questa che della tragedia di Sofocle è una riscrittura («parodia» la definisce non a caso l'autrice) radicalmente confitta nella contemporanea impossibilità del tragico.
   L'Edipo di Sofocle s'acceca non perché non vuole più vedere, ma perché vuole vedere oltre il limite dei significati dati: e in ciò, del resto, consiste il senso alto della sua morte, che - infatti - avviene, con i tempi e i modi di un vero e proprio rituale iniziatico, nel buio insondabile del bosco sacro alle Eumenidi, ossia in una dimensione «altra».
   La Morante, invece, sostituisce a quel bosco sacro un anonimo corridoio d'ospedale. E il suo Edipo - che vi giunge legato su una barella da cinghie di contenzione, con la fronte e gli occhi avvolti in garze insanguinate e accompagnato da un'Antigone che si presenta come una zingarella del basso Lazio «di mente un poco tardiva» - è un vecchio alcoolizzato, tossicomane, preda di continue allucinazioni visive e auditive oltre che di una logorrea tramata degli stereotipi di una letterarietà d'accatto infiorata di citazioni classiche.
   Insomma, non facciamo fatica a riconoscere, in lui, la metafora struggente della solitudine e dell'impotenza che toccano all'intellettuale (e, in genere, ad ogni persona pensante) di oggi. E il coro, composto dai ricoverati nel reparto psichiatrico dell'ospedale, scopriremo alla fine che non è altro che la proiezione moltiplicata dello stesso Edipo: una proiezione che, ancora non a caso, intona versi di quell'Hölderlin per il quale, appunto, «Tacere spesso dobbiamo, / mancano i Nomi Sacri».
   Ma ecco la coerenza di cui parlavo all'inizio. Se, alle prese con la tragedia di Sofocle, Martone costringeva gli spettatori a seguire, spostandosi, il percorso di Edipo dal principio alla fine, ora, alle prese con «La serata a Colono», costringe il coro, che la Morante nascondeva dietro un muro, a sciamare nella platea intorno agli spettatori immobili. Di modo che la splendida sostanza dell'allestimento viene a risiedere in una lancinante storicizzazione: quest'Edipo è lo specchio di tutti noi, smarriti e orfani delle domande.
   La messinscena, di conseguenza, realizza - in sintonia con le musiche di Nicola Piovani, che alternano, poniamo, rap e béguine - un'oltremodo significante fusione di concettualità e visionarietà, la quale ultima, ovviamente, discende dagli allucinogeni (nel testo si cita il peyote) di cui la Morante fece uso mentre scriveva «La serata a Colono».
   Allo spazio scenico popolato soltanto da casse acustiche (la nudità e la dilatazione della parola) e dagli strumenti dei musicisti (la riduzione della parola a puro suono) fanno dunque riscontro quei «matti» che in ultimo, appollaiati sul disco abbagliante del Sole, l'artefice del destino di Edipo, lo fanno oscillare, giusto, come il pendolo impassibile della vita.
   Sono due delle più belle e decisive invenzioni del teatro degli anni recenti. E superbo appare Carlo Cecchi nello spingere Edipo a perdersi tra dolore, invettiva e recita spudorata. Accanto a lui un'Antonia Truppo addirittura commovente, che fa di Antigone un animaletto impaurito, confuso e, pure, sorretto da un'invincibile fede nella dignità di esistere. Ma bravi sono anche tutti gli altri interpreti, nel quadro di uno spettacolo importante proprio perché, si sarà capito, va oltre lo spettacolo.

                                                   Enrico Fiore

(«Il Mattino», 27 gennaio 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom