CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Necessità della parola n...Narcolettica e cleptoman... »

Ricci/Forte, l'impossibilità della fiaba

Post n°668 pubblicato il 03 Febbraio 2013 da arieleO
 

Assai più che quelle di Cappuccetto Rosso, Biancaneve e Cenerentola, tra le fiabe dei fratelli Grimm è importante, ancorché poco nota, quella di Tremotino, in cui si narra di una regina che sconfigge lo gnomo che la ricattava scoprendone il nome: poiché, secondo un'antichissima credenza, pronunciando il nome di una persona si può avere su di lei un potere magico.
   È a questo che rimanda «Grimmless» (ovvero, alla lettera, «senza i Grimm»), lo spettacolo di Stefano Ricci e Gianni Forte in scena al Bellini. Sicché, parafrasando una battuta del loro «Macadamia Nut Brittle» (la vita «è una sit-com a cui hanno tolto le risate»), potremmo adesso dire che la fiaba è una sit-com a cui hanno tolto le parole. E in breve, torniamo, inevitabilmente, alla frattura tra le parole e le cose incarnata una volta per tutte da Don Chisciotte.
   Infatti, non servivano forse le parole delle fiabe a mettere i bambini in grado di «possedere» il mondo che ancora non conoscevano? Ora, invece, la conoscenza implode soltanto, nell'evidenza insignificante delle cose in sé. Di qui i corpi di Ricci e Forte, nudi, esibiti, tatuati. E bellissima, oltre che decisiva, risulta l'immagine di quell'enorme membro maschile disegnato sul ventre e sul petto di una donna: il sesso, ormai, si è ridotto alla sua idea, non è più possibile, per l'appunto, nemmeno «chiamarlo» e, quindi, «agirlo».
   Di conseguenza, il testo - spesso scandito al microfono come un nevrotico e gelido rap - mescola i riferimenti alle più celebri delle fiabe in questione con la sfilaccia della cronaca, gli slogan della pubblicità e il privato degli attori improbabilmente rivisitato in chiave di thriller; e lo spettacolo - cupo ed ilare insieme, come soltanto il nostro tempo sa essere - si muove fra la clownerie, l'happening e un varietà tanto scalcagnato quanto inesauribile.
   Lo riassume ed esalta la sequenza finale. L'oro del ramo di Frazer si riduce alla vernice che i cinque bravissimi interpreti (Anna Gualdo, Valentina Beotti, Andrea Pizzalis, Giuseppe Sartori, Anna Terio) si spalmano addosso fino a trasformarsi in altrettante vittime di Goldfinger. E già. Nella migliore delle ipotesi, oggi il Principe Azzurro può essere solo James Bond.

                                                  Enrico Fiore

(«Il Mattino», 3 febbraio 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

asc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom