CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Addio alla Bianchi, Regi...Rossella O'Hara come Lady Gaga »

Quell'epopea di giugno sotto il Vesuvio

Post n°691 pubblicato il 07 Aprile 2013 da arieleO
 

Carlo Cecchi che nella piazza di Ottaviano mette in scena «'A morte dint' 'o lietto 'e don Felice» di Petito. Rafael Alberti che si confronta con Salvatore Esposito, per tutti semplicemente «'o poeta». Il ventenne Annibale Ruccello che propone a Marigliano un suo «Rottami» ispirato a Ionesco. Leo de Berardinis e Perla Peragallo che in piazza Trivio, a Somma Vesuviana, provocano con «Avit' 'a murì» addirittura lo sparo di un colpo di pistola. Gennaro Vitiello che presenta, col titolo «Padrone e sotto», una riscrittura in dialetto sangiuseppese de «Il signor Puntila e il suo servo Matti» di Brecht, con la parte corale affidata al gruppo contadino della Zabatta e le scene di Salvatore Emblema...
   È solo qualche esempio, naturalmente. E il fatto che il testo di «Padrone e sotto» sia qui pubblicato per la prima volta potrebbe bastare da solo a rendere interessante «Il Giugno Popolare Vesuviano», il saggio di Rosaria De Angelis edito dalla Libreria Dante & Descartes sotto l'egida del Centro Studi sul Teatro Napoletano, Meridionale ed Europeo presieduto da Antonia Lezza.
   La storia (dal '74 all'86) di quello che non fu un festival come gli altri, ossia una semplice vetrina di spettacoli, viene infatti ricostruita dalla De Angelis senza sterili nostalgie e senza alcuna retorica celebrativa, ma per l'appunto sulla base dei documenti. E dunque risalta con forza maggiore l'«unicum» costituito da una manifestazione che - nel solco della fusione creativa dei linguaggi del teatro, della musica, della poesia, della pittura e del cinema - perseguì l'interscambio (lo stesso praticato, giusto, dal Teatro di Marigliano di Leo e Perla) fra la cultura «alta» e quella «bassa» delle tradizioni locali.
   Avvenne, così, che - per intenderci - la carica sensuale della tammurriata e l'energia viscerale della sceneggiata si strinsero in un abbraccio tanto imprevedibile quanto fecondo con formazioni e artisti concettuali come, poniamo, l'Akademia Ruchu, il Teatro Odradek, Gardi Hutter, Rodrigue Tremblay e Bob Curtis.
   Poi quel libero e fantasioso cantiere multimediale venne chiuso. E però la sua stessa fine fornì una lezione, che dovrebb'essere ascoltata pure oggi: il Giugno Popolare Vesuviano morì non solo e non tanto per la mancanza di appoggio da parte degli enti locali, ma anche e soprattutto perché, anno dopo anno, prese a somigliare sempre di più alle rassegne colonialistiche a cui negli inizi s'era contrapposto.

                                             Enrico Fiore

(«Il Mattino», 7 aprile 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comp.robyelena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacine
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom