CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Bernhard, Gould e le var...La barbona e il gangster... »

Se cadono gli aerei del sogno americano

Post n°698 pubblicato il 23 Aprile 2013 da arieleO
 

Joe Keller, un piccolo industriale, non ha esitato a fornire all'aviazione statunitense teste di cilindro difettose, facendo precipitare ventuno aerei e, per giunta, incolpando e mandando in galera il socio, padre di quella Annie ch'era fidanzata con suo figlio Larry, anche lui pilota d'aerei. Ed è perciò che Kate, la moglie di Joe, s'ostina a credere (o fa finta di credere) che Larry, ormai da tre anni (siamo nel 1947) dato per disperso in guerra, sia ancora vivo: convincersi (o dichiarare) che sia morto significherebbe ammettere che è stato ucciso dal padre.
   Questa, in breve, la situazione che s'accampa in «Erano tutti miei figli» di Arthur Miller. E appaiono subito evidenti due cose: il debito del drammaturgo newyorkese nei confronti di Ibsen (del quale si riprende qui l'inconfondibile procedimento per cui, al cospetto di un presente asfittico, viene rievocato, processandolo, il passato che condiziona quel presente) e la decisa somiglianza di Joe Keller con la Madre Courage di Brecht (della quale coltiva lo stesso lacero cinismo, alimentato dall'illusione di poter comunque trarre profitto dalla guerra e incattivito dall'indifferenza, sinanche, giusto, per la sorte dei propri figli).
   Dunque, basterebbero simili ascendenze a dimostrare che Miller è un autore datato: stante, peraltro, la sua ormai scontata constatazione del crollo del «sogno americano», che, non a caso, da «Erano tutti miei figli» passò nell'ancor più datato «Morte di un commesso viaggiatore». E tanto a prescindere dal fatto che, sotto il profilo formale, «Erano tutti miei figli» è il più bel testo di Miller. Siamo di fronte alla classica «pièce bien faite», con una struttura da romanzo poliziesco che avvicina il pubblico alla verità fornendogliene gl'indizi in crescendo e, con ciò, tenendo sempre viva la tensione e sempre sostenuto il ritmo.
   Ora, è a questa superficie che, com'era facile prevedere, si attiene Giuseppe Dipasquale, regista dell'allestimento di «Erano tutti miei figli» proposto al Mercadante dallo Stabile di Catania. Parliamo, quindi, di pura narratività, conseguentemente trapunta di tocchi realistici minuti: vedi le (d'altronde incongrue) trasmissioni radio in lingua originale. E in tale dimensione - nell'ambito di uno spettacolo professionalmente confezionato - si colloca la prova degl'interpreti, primi fra tutti Mariano Rigillo (Joe) e Anna Teresa Rossini (Kate).
   Fra i comprimari, Ruben, il figlio di Rigillo, nel ruolo di Chris Keller, e Silvia Siravo, la figlia della Rossini (compagna di Rigillo padre), in quello di Annie. E non c'è che dire, siamo al più vero del vero. «Erano tutti miei figli», appunto.

                                              Enrico Fiore

(«Il Mattino», 23 aprile 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom