CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Se Eliza non fa che stri...Lui, lei e l'altra: ogg... »

Ascesa e rovina del "Pirata" Pantani

Post n°664 pubblicato il 25 Gennaio 2013 da arieleO
 

«E c'era il sole sul mare... con quell'argento che ti imbarbagliava gli occhi... e in quella luce Marco andava con la mia bicicletta che volava». La battuta - pronunciata dalla madre del «Pirata», e bellissima anche sotto il profilo linguistico - compare in posizione fortemente icastica, nella prima pagina del copione. E dunque lascia immaginare che «Pantani», lo spettacolo in scena al Nuovo su testo e per la regia di Marco Martinelli, si fondi e si sviluppi sul piano di una fusione della cronaca con la poesia.
   Ma si rimane ben presto delusi: quella fusione avviene solo in qualche momento, sicché ci tocca parlare di uno spettacolo che per la gran parte non mantiene le promesse e le cui ambizioni, per dirla tutta, si rivelano inversamente proporzionali ai risultati.
   Come si sarà intuito, siamo di fronte a una ricostruzione della vicenda complessa e amara di quel Marco Pantani, soprannominato per l'appunto il «Pirata», che, accusato di doping, precipitò dai trionfi al Giro d'Italia e al Tour de France nell'abisso della cocaina, sino a morire per overdose, il 14 febbraio del 2004, in un grigio residence di Rimini. E il testo di Martinelli si schiera senza dubbi di sorta, e con accenti fermissimi, a favore dell'innocenza del campione cesenate.
   Ma il punto non è questo. Il punto è che appare un attimino (si dice così, no?) azzardato, o semplicistico, il tentativo di trasformare la parabola di Pantani in una cartina di tornasole di tutte le magagne, di tutte le ambiguità e di tutte le compromissioni del Belpaese, oltre che, si capisce, degli autentici delitti perpetrati dal solito e non meglio precisato Potere. Per una simile strada si arriva al manifesto e al comizio, due cose che, da sempre, al teatro sono assolutamente antitetiche.
   Non a caso, infatti, la messinscena si lancia, per quanto riguarda l'aspetto formale, in un triplo salto mortale senza rete che vorrebbe mettere insieme, addirittura, la tragedia greca (vedi i reiterati interventi del coro), il dramma didascalico brechtiano (vedi i titoli dei capitoli proiettati sul fondale a mo' dei famosi cartelli) e l'istruttoria processuale alla Weiss (vedi le arringhe dietro il leggìo del giornalista-pubblico ministero).
   Forse, invece, bisognava ricordarsi, circa l'intreccio fra mito e quotidianità, de «Il dio di Roserio» di Testori. E l'ascesa e la rovina (per parafrasare proprio Brecht) del ciclista Pantani non vivono, dunque, che delle belle prove degl'interpreti, primi fra tutti Ermanna Montanari e Luigi Dadina nei panni dei genitori di Marco.

                                           Enrico Fiore

(«Il Mattino», 24 gennaio 2013) 

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Ficone1400leo00marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.ricco
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom