CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2012 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Messaggi del 24/10/2012

A scuola da Eduardo tra vita e teatro

Post n°622 pubblicato il 24 Ottobre 2012 da arieleO
 

In un'aula scolastica con tanto di lavagna, Eduardo insegna il teatro a quattro allievi, dandogli da recitare qualcuna delle sue poesie, recitandone egli stesso e interpretando con loro «Pericolosamente» e la scena della prova di «Uomo e galantuomo». Questo, in sintesi, l'impianto di «Eduardo 110 e lode», lo spettacolo che, per la regia di Gaetano Liguori, ha aperto la stagione del Bracco.
   Così, per esempio, si trascorre da «Io vulesse truva' pace» a «'O rraù», da «'O camionne» a «'O paese 'e Pulicenella». E in aggiunta ci sono un brano di «Non ti pago», «Uocchie c'arraggiunate», la canzone preferita di Eduardo, una sorta di rap con le più celebri battute di tutti i suoi più celebri testi (a partire, si capisce, dalla fatidica «Ha da passa' 'a nuttata») e un nutrito florilegio delle altrettanto note considerazioni eduardiane sul teatro e sulla vita.
   Tale antologia viene condita con le musiche di Antonio Sinagra, Enzo Avitabile, Lino Cannavacciuolo, Massimo Volpe e Mariano Bellopede. Ma - salvo l'immissione del monologo da «Peppino Girella» scandito dall'intercalare «È cosa 'e niente», una feroce bordata contro l'ignavia e il lasciar correre - l'insieme, come si sarà capito, risulta piuttosto scontato.
   Nel ruolo di Eduardo, sotto la guida del quale cominciò, Umberto Bellissimo è molto bravo. Però, come dire?, non inducono a salti di gioia i due giovinotti e le due giovinotte che lo affiancano. E poi, che c'entrano con Eduardo quei balletti da scombinato varietà televisivo?

                                        Enrico Fiore

(«Il Mattino», 24 ottobre 2012)

 
 
 

Ronconi, il teatro della conoscenza

Post n°623 pubblicato il 24 Ottobre 2012 da arieleO
 

Oltre che un maestro indiscusso e un didatta straordinario, è il sovvertitore implacabile di ogni tradizione, il sacerdote di un rito registico assolutamente inedito e innovativo, l'inventore di uno stile di recitazione unico, il rabdomante infallibile capace di estrarre preziose gemme drammaturgiche persino da testi di matematica e d'economia, l'autorevole direttore d'istituzioni prestigiose (ieri della Biennale Teatro di Venezia e degli Stabili di Roma e Torino, oggi del Piccolo di Milano), il realizzatore di progetti stratosferici (vedi il «Domani» varato nel 2006 per le Olimpiadi della Cultura), il mitico creatore di spettacoli dalla lunghezza «monstre» (pensiamo solo all'«Ignorabimus» di Arno Holz, dodici ore di durata), il rifondatore di uno spazio scenico finalmente sottratto all'immobilità, il Tiresia degli allestimenti collegati all'attualità.
   Ma lui, Luca Ronconi, settantanove anni e da quasi sessanta in palcoscenico (circa dieci come attore e poi come regista), respinge drasticamente non solo tutte le definizioni e tutti i titoli di cui sopra, bensì, addirittura, l'istanza primaria posta alla base del libro che adesso lo racconta: quel «Teatro della conoscenza» scritto insieme con Gianfranco Capitta e pubblicato da Laterza. Perché, dice Ronconi, «l'esperienza, interessante mentre la si fa, risulta generalmente arida quando la si ricorda».
   Non si tratta, però, di snobismo, né soltanto della ritrosia ch'è una componente di spicco del suo carattere. Ronconi dà prova, nella circostanza, di una lucidità perfettamente fusa con la saggezza. Sicché, ben a ragione, potremmo interpretare quanto afferma alla luce e della convinzione di Cardarelli («La speranza è nell'opera. / Io sono un cinico a cui rimane / per la sua fede questo al di là. / Io sono un cinico che ha fede in quel che fa») e del monito lanciato da Peter Brook quando, a Taormina, gli consegnarono nell'89 il Premio Europa per il Teatro («Bisogna sempre mettere una distanza tra sé e quello che si fa. E non bisogna essere innamorati del proprio mestiere, altrimenti non ci si accorge degli errori che si commettono nell'esercitarlo»).
   Il libro in questione offre nella prima parte un'intervista di Capitta con il regista, articolata nelle sezioni «L'invenzione del teatro», «Teatro come scuola» e «Lo spazio e altre dimensioni», e nella seconda l'elenco degli allestimenti firmati da Ronconi (più o meno centoventi titoli teatrali e cento opere liriche), accompagnato da puntuali schede informative e non meno precisi commenti critici. E davvero non c'è che l'imbarazzo della scelta nel pescare qualche esempio, sia fra le dichiarazioni dell'intervistato che fra gli spunti forniti dalle domande dell'intervistatore.
   Partendo dal titolo del libro, poniamo, Ronconi osserva che il mestiere del teatro («il più bello del mondo, e anche salvifico per chi ha bisogno di salvarsi») lo considera «un modo e un processo di conoscenza». E aggiunge: «Non amo fare cose perché so già come farle: mi piace farle per vedere se le so fare, e per scoprire cosa mi fa conoscere il fatto di farle. Il bello del teatro è sperimentare e scoprire, non applicare un metodo». E molto opportunamente, dal canto suo, Capitta sottolinea in proposito che appunto questa sensibilità e questo desiderio di conoscenza del mondo ha consentito tante volte a Ronconi di presentare uno spettacolo proprio nel momento in cui i suoi temi erano al centro degli interessi di tutti: come nel caso de «Gli ultimi giorni dell'umanità», dato al Lingotto di Torino esattamente nei giorni in cui esplodeva la prima guerra del Golfo.
   Eccolo, il Tiresia al quale ho accennato in apertura. E poi, gettando appena un rapido sguardo sulla mappa delle regie di Ronconi, non si può non rievocare almeno il celeberrimo «Orlando furioso» e, giù giù, «Orestea», «Utopia», «La torre», «Re Lear», «Lolita»... fino al vertiginoso «Infinities» del 2002, che metteva in scena, nientemeno, i cinque paradossi dell'astrofisico Barrow, dando allo spettatore la possibilità di ricominciare, per l'appunto all'infinito, il percorso fra gli episodi ad essi relativi. Però, commenta il regista con l'ultimo guizzo di una salutare autoironia, la deambulazione può anche servire «per guadagnare l'uscita, oltre che per seguire lo spettacolo».

                                          Enrico Fiore

(«Il Mattino», 24 ottobre 2012)                                 

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Ficone1400leo00marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.ricco
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom