CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2013 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Messaggi del 29/10/2013

Biagio Izzo allucinato nel Sahara

Post n°736 pubblicato il 29 Ottobre 2013 da arieleO
 

 Un turista napoletano si ritrova solo nel bel mezzo del Sahara, dopo che l'aereo su cui viaggiava è stato costretto a un atterraggio di fortuna e i soccorritori berberi non si sono accorti di lui, rimasto semistordito nella toilette forse per aver battuto la testa. Ed ecco che, mentre sproloquia tra sé e sé, gli si presentano in rapida successione tutta una serie di miraggi e allucinazioni: per esempio, crede di vedere odalische sinuose e strambi personaggi (dal comandante dell'aereo a un vu cumprà) che hanno, immancabilmente, la faccia del suo amico Francesco.
   Questo, in sintesi, il plot di «Esseoesse», lo spettacolo di Bruno Tabacchini e Biagio Izzo che ha aperto, per la regia di Claudio Insegno, la stagione dell'Augusteo. E si capisce, dunque, che siamo di fronte a uno schema che alterna, sistematicamente, i monologhi dello stesso Izzo alle scenette fra lui e Francesco Procopio e ai balletti: il tutto, beninteso, in chiave di cabaret e nel più inconfondibile stile televisivo mutuato, che so, da «Zelig» o «Made in Sud».
   Volete sapere quali sono i risultati? Il discorso sulla proverbiale pigrizia dei napoletani si traduce nel seguente commento di Biagio Izzo ai piedi della piramide: «E chillo pirciò 'o faraone sta dint' 'o museo. Quanno vedette chella scala, dicette: e i' avess'a saglì fino a llà 'ncoppa? A chi? Nun ce vengo manco muorto!»; e tanto per proporre solo un altro assaggio, c'è l'indiano, debitamente munito di penne e frecce, che avverte: «Mò m'aggio 'a mettere 'a crema... so' pellerossa».
   Ma ci sono pure una stoccata allo Stato che non procede alle indispensabili bonifiche nella Terra dei Fuochi e un appello contro lo sfruttamento degli extracomunitari. E finisce con un capovolgimento di prospettiva: il nostro malcapitato e allucinato turista, che aveva cominciato rimpiangendo per disperazione i familiari disagi della sua Napoli («Voglio 'o burdello, voglio 'o burdello!»), al termine grida convinto («I' so' vivo, i' so' vivo!!!») che sta meglio nella pace del deserto.
   Il resto, ovviamente, è affidato al mestiere e alla simpatia dei due protagonisti, appunto Biagio Izzo e la sua «spalla» Francesco Procopio. E non scarseggiano, di conseguenza, le risate e gli applausi a scena aperta. Così… «È l'intreccio terminato / Lieto fine ha il dramma mio / E contento qual son io / Anche il pubblico sarà» (Felice Romani, «Il Turco in Italia», scena ultima).

                                                    Enrico Fiore

(«Il Mattino», 29 ottobre 2013)

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

00leo00marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom