CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2013 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Messaggi del 10/10/2013

Il dolente Giobbe di Nekrosius

Post n°728 pubblicato il 10 Ottobre 2013 da arieleO
 

«Giobbe, come la "Pietà Rondanini" di Michelangelo, è la maturità dell'incompiuto, la supremazia dell'abbozzo sull'immagine perfetta, del ruvido sulla superficie lisciata». Così un commentatore della statura di José Luis Sicre Díaz. E a questo ho ripensato mentre al Teatro Olimpico di Vicenza mi accingevo a vedere lo spettacolo di Eimuntas Nekrosius ispirato, per l'appunto, a «Il libro di Giobbe».
   Non c'è nulla di più incompiuto, di più imperfetto e di più ruvido della condizione in cui si dibatte l'uomo di oggi; e tuttavia proprio quella condizione può offrire lo stimolo a guardarsi dentro e a cercare delle risposte alla sofferenza e allo smarrimento. È a tale salvifico ossimoro che allude Giobbe quando dichiara: «Perciò rifiuto polvere e cenere, ma ne sono consolato»(42,6).
   Non a caso, d'altra parte, «Il libro di Giobbe», giudicato il capolavoro della letteratura biblica, è un vero e proprio testo teatrale e, per la precisione, uno dei più alti e risolti testi del teatro processuale: giacché verte, soprattutto, sui dialoghi fra Giobbe, che si ribella di fronte alle sue ingiuste sofferenze, e Dio, che lo invita a considerare quelle sofferenze come un mezzo per avvicinarsi alla verità - problematica ma esaltante - dell'esistenza umana nel mondo. E tanto senza dimenticare, naturalmente, i dialoghi fra Giobbe e i tre amici (Elifaz, Bildad e Zofar) venuti a confutare i suoi lamenti.
   Insomma, altro che il Giobbe del proverbio, a sua volta partorito da una preesistente novella popolare inglobata ma, poi, smentita dal testo biblico: nel quale Giobbe arriva a chiamare Dio «aguzzino dell'uomo» (7,20) e si chiede: «Quale sarà la mia fine se avrò ancora pazienza?» (6,11).
   Ma Nekrosius punta sparato sulla novella: tanto è vero che ne fa ripetere pari pari il racconto per ben tre volte, e non solo a Giobbe ma anche a Dio e a Satana. E con ciò, evidentemente e indubitabilmente, vuol sottolineare da un lato l'immutabilità della condizione umana e dall'altro la specularità fra bene e male all'interno di una visione della vita come patimento senza scampo e recriminazione senza sosta. In breve, il suo Giobbe si pone sotto specie di un autentico antieroe del dolore.
   Altrettanto evidentemente, siamo, dunque, al cospetto di un'interpretazione de «Il libro di Giobbe» piuttosto riduttiva. E questo, si capisce, a prescindere dalla capacità del maestro lituano di mettere in campo la potenza delle immagini che costituisce la sua dote precipua: basterebbe, al riguardo, l'esempio della danza in cui i cassetti di una scrivania vengono sventolati a mo' d'inutili ali per significare l'impotenza del sapere libresco rispetto ai misteri del Creato.
   Così pure, si confermano ancora una volta le straordinarie qualità espressive della Meno Fortas, l'ormai celebre compagnia di Nekrosius. Fra i suoi componenti in scena per l'occasione vanno citati almeno Remigijus Vilkaitis (Giobbe) e Salvijus Trepulis (Dio). Ma questo è tutto. L'insieme, come già mi capitò di osservare a proposito dei due allestimenti dedicati da Nekrosius alla «Commedia» di Dante, in fondo - più che suscitare il brivido connesso alle creazioni poetiche - desta l'impressione di un esercizio laboratoriale.

                                                          Enrico Fiore

(«Il Mattino», 10 ottobre 2013)

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom