Creato da crazyluke81 il 23/11/2005
Pensieri liberi
 

 

« un giorno speciale!riascoltata oggi dopo un... »

Post N° 459

Post n°459 pubblicato il 14 Novembre 2007 da crazyluke81

La Teoria dei Vincoli (TOC) nasce alla fine degli anni 70 dagli studi del fisico israeliano Eliyahu M. Goldratt. Grazie alla sua completezza concettuale e alla rigorosità, la Teoria dei Vincoli (TOC) è considerata l’unica filosofia manageriale alternativa a quella sviluppata nel secondo dopoguerra in Giappone e nota con il nome di Lean Manufacturing (vd. Toyota Production System - Just in Time). Da anni, essa è materia obbligatoria nelle facoltà di Ingegneria ed Economia americane in cui si studiano Gestione della Produzione e Business Administration. La Teoria dei Vincoli (TOC) è l’insieme di filosofia manageriale, misure economiche, algoritmi di gestione, strumenti logici ed abito mentale, sviluppati da E. Goldratt per permettere a manager ed imprenditori di estrarre il massimo valore possibile dagli asset umani e fisici della propria azienda e di trasformarlo velocemente in denaro.

Il concetto di velocità di generazione di valore (denaro nel caso di organizzazioni ‘profit’) è, appunto, il concetto fondante la Teoria.

La Teoria dei Vincoli (TOC) guarda all’impresa come ad un Sistema, ovvero ad una catena di processi interdipendenti. Essa prende le mosse da due considerazioni di Sistema fondamentali:

  • i risultati di un Sistema sono sempre determinati dalla prestazione di un fattore limitante, detto, appunto, Vincolo (o Constraint).
  • è matematicamente dimostrabile che, in presenza di variabilità, un Sistema con Vincolo ha maggiore capacità di generare valore di un sistema perfettamente bilanciato.

Il Vincolo è l’elemento che determina il ritmo (quantità e velocità) con il quale l’azienda genera denaro attraverso la vendita di ciò che essa produce. Poiché in un Sistema un fattore limitante esiste sempre, la Teoria dei Vincoli (TOC) insegna ad individuarlo e gestirlo con algoritmi che permettono di estrarne il massimo valore possibile.

Individuare e gestire il Vincolo significa controllare la velocità con cui l’intero Sistema genera denaro. La Teoria dei Vincoli (TOC) è, dunque, una teoria sistemica che fornisce soluzioni per generare valore attraverso la gestione del constraint fisico ed il superamento dei fattori umani che ne limitano la crescita.

..............In realtà, proviamo a domandarci: cosa è che determina la forza di una catena? Il suo peso? No.
La forza della catena è determinata dalla forza del suo anello più debole. Se si migliora un altro anello (ossia, non quello più debole), la catena, nel suo complesso, non si sarà rafforzata di nulla!! Non siamo riusciti ad incidere sulla sua resistenza!
Ecco: spostare l’attenzione dal peso della catena alla sua forza coincide con spostare l’attenzione dal mondo dei costi al “mondo dei ricavi”, e questo rappresenta un deciso cambio di rotta rispetto alla visione tradizionale.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Dove trovarmi

Contatta l'autore

Nickname: crazyluke81
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 39
Prov: TV
 

spaccacuore

 
 

Area personale

 

Ultime visite al Blog

emanuelapizzameba.ramelladani_ifrim_95lbgreppi.00Donato45lolloc1francesca.r1990Jung73redcherry27spadaro.giuliakikka2dgl4cora.daniloangelica.moranelliANGYangela.puglisialessietta9823
 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Tag

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 16
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

Buona Pasqua! :)
Inviato da: DolcissimaChiara
il 11/04/2009 alle 12:35
 
Se non sbaglio in questi giorni cade il tuo...
Inviato da: volpina832
il 28/06/2008 alle 13:35
 
Non aggiorni mica più?
Inviato da: DolcissimaChiara
il 15/06/2008 alle 16:26
 
E' tanto che non passo di qui, ma oggi è un giorno un...
Inviato da: solespento.bb
il 12/06/2008 alle 17:08
 
^^ Grazie mille per esserti ricordato di farmi gli auguri!...
Inviato da: DolcissimaChiara
il 18/05/2008 alle 20:20
 
 
 
Era d'Agosto ed un povero uccelletto
ferito dallo sparo di un moschetto
andò, per riparare l'ala offesa,
a finire all'interno di una chiesa.
Dalla tendina del confessionale
il parroco intravide l'animale
mentre i fedeli stavano a sedere
recitando sommessi le preghiere.

Una donna che vide l'uccelletto
lo prese e se lo mise dentro il petto.
Ad un tratto si sentì un pigolio:
ciop ciop, cip cip ciop

Qualcuno rise a 'sto cantar d'uccelli
e il parroco, seccato, urlò: Fratelli!
Chi ha l'uccello mi faccia il favore
di lasciare la casa del Signore!

I maschi, un po' sorpresi a tal parole,
lenti e perplessi alzarono le suole,
ma il parroco lasciò il confessionale
Fermi - disse - mi sono espresso male!

Tornate indietro e statemi a sentire,
solo chi ha preso l'uccello deve uscire!
A testa bassa e la corona in mano,
le donne tutte uscirono pian piano.

Ma mentre andavan fuori gridò il prete:
Ma dove andate, stolte che voi siete!
Restate qui, che ognuno ascolti e sieda,
io mi rivolgo a chi l'ha preso in chiesa!

Ubbidienti in quello stesso istante
le monache si alzaron tutte quante
e con il volto invaso dal rossore
lasciarono la casa del Signore.

Per tutti i Santi - gridò il prete -
sorelle rientrate e state quiete.
Convien finire, fratelli peccatori,
l'equivoco e la serie degli errori:

Esca solo chi è così villano
da stare in chiesa con l'uccello in mano!
Ben celata in un angolo appartato,
una ragazza col suo fidanzato,

in una capelletta laterale,
ci mancò poco si sentisse male,
e con il volto di un pallore smorto
disse: Che ti dicevo? Se n'è accorto!