Creato da crazyluke81 il 23/11/2005
Pensieri liberi
 

 

«  stupendo ;-)Messaggio #476 »

L'insostenibile costo di Fede

Post n°475 pubblicato il 15 Maggio 2008 da crazyluke81


Fede costa agli italiani 350.000 euro al giorno. Dal primo gennaio 2006, con effetto retroattivo. La Corte di Giustizia Europea ha condannato l'Italia a una multa di circa 130 milioni di euro all'anno se Rete 4 non cederà a Europa 7
le frequenze che Testa d'Asfalto ha in concessione dallo Stato. Per
l'Europa l'assegnazione delle frequenze in Italia non rispetta la
libera prestazione dei servizi e non ha criteri di selezione obiettivi.
La sentenza europea è la terza a favore di Europa 7 dopo quelle della Corte Costituzionale e del Consiglio di Stato. Testa d'Asfalto toglie l'ICI, ma introduce il canone Fede.
Non ci sono conflitti di interessi? Perchè gli italiani devono pagare
per guardare Fido Bau ogni sera? Se il concessionario pubblico di tre
reti nazionali Testa d'Asfalto non sposterà Rete 4 sul satellite gli
italiani alla fine del suo prossimo glorioso quinquennio pagheranno
circa UN MILIARDO di euro di multa considerando gli arretrati.
Testa
d'Asfalto è un genio, oltre alla concessione pubblica, la pubblicità a
pagamento su tre reti avute in eredità da Craxi, avrà anche il
finanziamento pubblico. Il ministero delle Comunicazioni non c'è più. In realtà non c'era neppure prima. Gentiloni potrà dedicarsi di più al tennis con Ermete invece di passare lunghi week end ad Arcore.
L' Agcom
con il supporto del PD e della Repubblica e della Finocchiaro e di Topo
Gigio è impegnata a tempo pieno sul pericoloso Travaglio. Se pò fà. Con i nostri soldi se pò fà.
Per
sapere quanto stiamo versando al Presidente del Consiglio per non
applicare le sentenze su Rete 4 scaricate e diffondete il banner. E'
bello contribuire al successo economico di Testa d'Asfalto con le nostre tasse.



tatto da:www.beppegrillo.it

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Dove trovarmi

Contatta l'autore

Nickname: crazyluke81
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 39
Prov: TV
 

spaccacuore

 
 

Area personale

 

Ultime visite al Blog

emanuelapizzameba.ramelladani_ifrim_95lbgreppi.00Donato45lolloc1francesca.r1990Jung73redcherry27spadaro.giuliakikka2dgl4cora.daniloangelica.moranelliANGYangela.puglisialessietta9823
 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Tag

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 16
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

Buona Pasqua! :)
Inviato da: DolcissimaChiara
il 11/04/2009 alle 12:35
 
Se non sbaglio in questi giorni cade il tuo...
Inviato da: volpina832
il 28/06/2008 alle 13:35
 
Non aggiorni mica più?
Inviato da: DolcissimaChiara
il 15/06/2008 alle 16:26
 
E' tanto che non passo di qui, ma oggi è un giorno un...
Inviato da: solespento.bb
il 12/06/2008 alle 17:08
 
^^ Grazie mille per esserti ricordato di farmi gli auguri!...
Inviato da: DolcissimaChiara
il 18/05/2008 alle 20:20
 
 
 
Era d'Agosto ed un povero uccelletto
ferito dallo sparo di un moschetto
andò, per riparare l'ala offesa,
a finire all'interno di una chiesa.
Dalla tendina del confessionale
il parroco intravide l'animale
mentre i fedeli stavano a sedere
recitando sommessi le preghiere.

Una donna che vide l'uccelletto
lo prese e se lo mise dentro il petto.
Ad un tratto si sentì un pigolio:
ciop ciop, cip cip ciop

Qualcuno rise a 'sto cantar d'uccelli
e il parroco, seccato, urlò: Fratelli!
Chi ha l'uccello mi faccia il favore
di lasciare la casa del Signore!

I maschi, un po' sorpresi a tal parole,
lenti e perplessi alzarono le suole,
ma il parroco lasciò il confessionale
Fermi - disse - mi sono espresso male!

Tornate indietro e statemi a sentire,
solo chi ha preso l'uccello deve uscire!
A testa bassa e la corona in mano,
le donne tutte uscirono pian piano.

Ma mentre andavan fuori gridò il prete:
Ma dove andate, stolte che voi siete!
Restate qui, che ognuno ascolti e sieda,
io mi rivolgo a chi l'ha preso in chiesa!

Ubbidienti in quello stesso istante
le monache si alzaron tutte quante
e con il volto invaso dal rossore
lasciarono la casa del Signore.

Per tutti i Santi - gridò il prete -
sorelle rientrate e state quiete.
Convien finire, fratelli peccatori,
l'equivoco e la serie degli errori:

Esca solo chi è così villano
da stare in chiesa con l'uccello in mano!
Ben celata in un angolo appartato,
una ragazza col suo fidanzato,

in una capelletta laterale,
ci mancò poco si sentisse male,
e con il volto di un pallore smorto
disse: Che ti dicevo? Se n'è accorto!