**TEST**
 
Creato da paoloproietti.rnk il 02/12/2012
YOGA E ALTRE STRANEZZE

LA PRATICA DELLO HATHA YOGA - VIDEO

 

 

clicca sui titoli per visualizzare i videoclip:

NUOVI VIDEO:  

-  "THE DANCE OF THE GODS"

 - " LO YOGA DANZATO DEI SIDDHA"

 - " IL RESPIRO DELL'AQUILA"

 - "NATYA YOGA E QI GONG"

 - "MAYURASANA (LA POSTURA DEL PAVONE)"


 

 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

Area personale

 
 

Ultimi commenti

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 
« IL FIORE DELLA DEAPRATICA DEI BIJA MANTRA:... »

LA MAGIA DEI SUONI: PRATICA DEI BIJA MANTRA

Post n°49 pubblicato il 15 Maggio 2013 da paoloproietti.rnk
 

Nella pratica dello "yoga del suono" si fa vibrare OGNI PETALO DEI CAKRA".

riprendiamo l'esempio del viśuddha cakra (vedi in questo blog: "IL FIORE DELLA DEA"):

vishuddha

 

è rappresentato da un fiore a 16 petali.

Al centro, pericarpo, troviamo la sillaba हं haṃ.

Sui petali, in senso orario, sono invece scritte le sillabe 

aṃ - ā -  i -  ī -  u -  ū -  ṛ -  ṝ -  ḷ -  ḹ - e - ai -  o -  au -  a -aḥ

I petali indicano le nadi "principali" che  passano per il plesso della gola.

Le lettere invece "sono" le diverse  frequenze vibratorie, le "qualità". delle energie che scorrono nelle  diverse nadi.

facendole risuonare si stimolano tutti gli organi legati ad ogni singolo canale energetico (ogni singolo "petalo").

Nella pratica di viśuddha cakra (e di tutti gli altri cakra, come vedremo) prima di tutto si intona la sillaba sacra ॐ auṁ in quanto radice di tutti i suoni, quindi si attivano/aprono tutti i petali ripetando per 16 volte il bija mantra  haṃ visualizzandolo sui singoli petali, dal primo in alto all'ultimo a sinistra del primo:

auṁ

haṃ haṃ haṃ haṃ 

haṃ haṃ haṃ haṃ

haṃ haṃ haṃ haṃ

haṃ haṃ haṃ haṃ

Dopo di chesi ripete la sillaba sacra e si attivano le singole energie (sillabe) concludendo, ovviamente, con la sillaba sacra:

auṁ

aṃ - ā -  i -  ī -  

u -  ū -  ṛ -  ṝ -  

 -  ḹ - e - ai -

o -  au -  a -aḥ

auṁ

Con gli altri cakra si procede in modo analogo, ma prima occorre spiegare come si formano.

chakra


Abbiamo detto che ci sono tre potenze origiinarie: 

अ a - la "SUPREMA",

इ i - il "DESIDERIO/VOLONTA'",

उ u - la "ESPANSIONE".

 

La "SUPREMA" , अनुत्तर anuttaraè al tempo stesso una delle tre e "il nome" delle tre assieme".

Queste tre POTENZE (che hanno natura "SOLARE") scorrono ininterrottamente, oceano infinitamente profondo senza rive e senza tempo,  e il suono del loro fluire è una specie di muggito,  auṁ , una sillaba che è una specie di ibrido tra A ed U che noi possiamo riprodurre emettendo una specie di O chiusa e facendola vibrare nel naso.

Per qualche motivo per noi incomprensibile, queste potenze di tanto in tanto si "RIPOSANO".

Non è che si riposano veramente, diciamo che c'è un qualcosa, un qualche  principio di individualità che fissa l'attenzione su un particolare punto dell'Oceano senza sponde.

In quel "momento" (tra virgolette perchè tempo e spazio come li intendiamo noi  non sono ancora stati creati), nell'attimo in cui le tre potenze si riposano, insorgono le tre potenze lunari:

आ ā, la BEATITUDINE, l'Oceano cosciente di essere Oceano.

ई ī, la CAPACITA' CREATIVA, la consapevolezza dell'oceano di poter creare il ritmo delle maree.

ऊ ū, l'ONDA.

onda

 

La duplice e contemporanea tendenza al riassorbimento nel punto di prima dell'inizio e all'espansione/espressione, di cui il nascere e il morire dell'onda sono come una rappresentazione "artistica" produce due suoni:

 anusvāra, la consonante "m" o la consonante "n" nasalizzate, reso graficamente, in sascrito, con un punto in alto, ""(il cerchio punteggiato rappresenta la vocale che precede anusvāra )

ḥ visarga, la "h" aspirata, resa graficamente con due punti "".

Dall'unione con la potenza suprema "a", questi due suoni danno origine alla sillaba अः aḥ e alla sillaba अं aṃ, che esprimono sul "piano della manifestazione" il principio di invidualità:

अहम् aham, "IO", la prima persona singolare.

Questo principio di individualità, che racchiude in sé le opposte tendenze alla espressione (अः aḥ) e al riassorbimento(अं aṃ) e quindi alla luce e al buio, la bene e al male, alla vita e alla morte, assiste all'insorgere delle potenze lunari e al loro urtarsi, rincorrersi, sfuggirsi con le potenze solari grazie alla LUCE, la luminosità che emerge dal  gioco delle potenze, la "semivocale" र ra e prova STUPORE, la "semivocale" ल la. 

RA, la Luminosità, è la vibrazione fondamentale dell'elemento FUOCO

LA lo Stupore  che  blocca, raggela, metallizza, è la vibrazione fondamentale dell'elemento TERRA.

il suono ल la unito alla tendenza al riassorbimento  (sempre presente nella manifestazione) genera लम् la il bija mantra della terra, लम् la, pilastro della manifestazione e al tempo stesso lo "stampo" della manifestazione.

Dall'oceano di prima dell'inizio emerge la montagna sacra, il Monte Meru.

In alto il bija mantra della manifestazione in potenza  auṁ  e in basso il bija mantra della terra, suono della manifestazione attuata लम् la.

meru

 

I due suoni, vertice o pedice della montagna sacra  sono legati tra loro dalla rappresentazione delle potenze: l'energia che scorre nelle tre nadi principali piṅgalaiḍāsuṣumṇā.

Trai due poli  (alto/basso - manifestabile /manifesto) vanno a" posizionarsi":

1) il bija mantra del plesso della gola हं haṃ, proiezione del suono dell'efflusso delle potenze, il visarga, e sillaba centrale dell'individualità aham)

2) il bija mantra del plesso dell'ombelico रं raṃil Fuoco, la Luce che illumina la Terra e ci permette di percepire e amare la differenze.

Il processo della manifestazione a questo punto è inarrestabile:

dall'onda ऊ ū si produce il bija mantra del plesso genitale वं vaṃ e dalla capacità creativa ई ī  il bija mantra del plesso del cuore, यं yaṃ.

chakra

 

Il Bija mantra della gola, हं haṃ, nello schema dei cakra, rappresenta शिव śiva, il dio che dorme al centro dell'Isola delle Gemme (vedi in questo Blog: "SRI VIDYA")

isola delle gemme

 

Attorno a lui la Dea dispiega tutte le sue 16 forme, le Nitya, madri divine della manifestazione, in ordine di emissione e in senso orario:

a - ā - i - ī - u - ū - ṛ - ṝ - ḷ - ḹ -e - ai - o - au - aṁ  - aḥ

vishuddha

La Dea  a questo punto intona il "Canto del Risveglio" : Ka e ī la hriṃ....

Il primo suono,KA, eguale e contrario alla HA del Dio che dorme origina la prima classe di consonanti, le gutturali o kaṇṭhya: 

क ka - ख kha - ग ga - घ gha - ङ ṅa

 

Le gutrurali, che derivano direttamente dalla Potenza Suprema, rappresentano i "prototipi" di tutte le altre consonanti, cinque suoni che si "ripetono" cinque volte mandando l'aria in  cinque zone diverse del cavo orale.

Per esempio: ka gutturale fatta risuonare sul palato diventa  ca (pronuncia cia), prima delle palatali, rovesciando la lingua verso il palato molle diviene ṭa (pronuncia cda, come in "tram" pronunciato da un siciliano), prima delle Linguali, spinta verso i denti diventa ta, prima delle dentali, e spinta verso le labbra socchiuse diventa pa, prima delle labiali.

Le cinque gutturali nate dalla prima sillaba del mantra della Dea si dispongono intorno al bija mantra yaformando i primi cinque petali del loto del cakra del cuore, dall'alto in basso e in senso orario.

Risuonando con la yache è stata prodotta dalla Potenza del desiderio "i" vocale palatale, danno vita alle cinque consonanti palatali che formano cos' i successivi 5 petali:

ट ṭa - ठ ṭha - ड ḍa - ढ ḍha - ण ṇa

Dalla risonanza con la ṛ , vocale linguale "contenuta" nella pronuncia del bija mantra yanascono infine gli ultimi due petali del loto del cuore, le prime due linguali o retroflesse:

ट ṭa - ठ ṭha.

Ecco che si ottiene il loto del cakra del cuore o anāhata cakra:

 ka -  kha -  ga - gha - ṅa - ṭa -  ṭha - ḍa - ḍha - ṇa - ṭa - ṭha

 

anahata


La recitazione del bija mantra del cakra del cuore seguirà lo stesso schema di quella del cakra della gola; una ripetizione di yaṃ per ognuno dei dodici petali , seguita dalla sonorizzazione delle 12 sillabe :


 

auṁ

yaṃ yaṃ yaṃ yaṃ 

yaṃ yaṃ yaṃ yaṃ

yaṃ yaṃ yaṃ yaṃ


auṁ

 ka  kha ga gha 

ṅa ṭa ṭha ḍa 

ḍha ṇa ṭa ṭha

auṁ

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog