Creato da fessure il 18/08/2008

Attraverso

Dove Donna Ombra diventa Fessure

Fessure.
Che lasciano colare il piacere.
Che fanno grondare il dolore.
Che suturano lacrime.
Che ci dipingono di sole
Che ci accarezzano di ombra.
Che filtrano la luce.
Che urlano il buio.
Che soffiano il vento.
Che ti modellano di creta e melodia.
Come il mare gli scogli.
Che ti rendono unico.
P
er ogni istante che ti hanno regalato.

 

 
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 

ULTIMI COMMENTI

Citazioni nei Blog Amici: 14
 

 

« Vita ( 3^ parte )Manifesto della Donna Manager »

Post N° 9

Post n°9 pubblicato il 13 Ottobre 2008 da fessure

Un barlume di coscienza la sorprese sul pavimento di un loft sconosciuto. Troppo alcool, ne aveva perso l’abitudine, ma era inaspettatamente seducente quel peso su di lei e seducente quella voglia di lasciarsi andare naufraga a una bocca morbida e incalzante. Si sentiva presente per caso su un campo di battaglia assistendo alla sua imminente sconfitta senza memoria di alcuna guerra. Il “no” appena mormorato era riuscito solo a incrinare il fragile cristallo della sua volontà. Frammenti di luce accecavano il guerriero in lei e si mescolavano ad una tenerezza che la impregnavano e l’ammorbidivano come burro. La sua vita sarebbe stata facile d’ora in poi, bastava rimanere su quel pavimento a farsi accarezzare, a farsi baciare, a farsi prendere, come avrebbe potuto atterrarla quell’uomo se anche lei non ne avesse condiviso i disegni? Si poteva forse ricominciare da capo, in modo più semplice, senza dover sempre dimostrare quanto era brava nel suo lavoro, senza dover lavorare il doppio di un uomo per riuscire a sopravvivere. Il modo più semplice in fondo ce l’aveva a portata di mano, anzi, ce l’aveva sopra, ed era infallibile da secoli.  Ma il languore della  troppa vodka le portò alla superficie la scena di un film visto mesi prima: “ Si avvicina il tempo in cui dovremo decidere fra ciò che è facile e ciò che è giusto.” Sentenziava un vecchio mago dalle dita adunche.

E il diniego si fece più forte, la sua bocca più dura e le mani più decise. Il taxi aspettava  fuori alla porta, proprio come in un film americano, e tornò in albergo più lucida di come era mai stata, ed in barba al luogo comune che “ l’occasione fa l’uomo ladro”, aveva scelto ciò che riteneva giusto. Il prezzo da pagare l’avrebbe scoperto l’indomani dopo il terzo caffè ma a differenza del solito, non l’avrebbe pagato da sola.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog