Creato da lukyll il 19/08/2008
GIRO INTORNO AL MONDO IN BARCA A VELA
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

skipper101marcoupugiovanniliberatoritroccaioli.manuelaligny64vivicoppcodinobaggio1roberto.dellattelukyllperte46melongeo.agigipentagiuvesempreavanti2009casumarcello2005
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« NEW ZEALAND -- ISOLE FIJINEW ZEALAND -- ISOLE FIJI »

NEW ZEALAND -- ISOLE FIJI

Post n°67 pubblicato il 22 Giugno 2009 da lukyll
Foto di lukyll

VENERDI’ 19 Giugno

 

Turno leggero ieri sera: dalle 21 alle 24. 15-20 nodi di vento e la barca sugli 8-9 nodi. Filava come una “scheggia”! Usciva l’acqua dalla poppa con grande rumore ed un vorticoso rimescolamento con spruzzi da tutte le parti. Un motoscafo! Sembrava quasi si facesse la discesa delle rapide del fiume Colorado. Che barca !! Intanto mi sentivo Billie Holliday, mi piaceva così tanto che sono rimasto di guardia mezz’ora in più.

Stamani mi sono alzato alle 9,30, bagno, mi sono preparato la colazione, e poi Sven mi ha detto che ha visto un grosso pesce, forse un tonno, che gli ha strappato il suo polipino rosso. Vado allora a vedere alla mia canna, tiro su e non c’è nemmeno il mio pesciolino nuovo. Che si sia mangiato anche quello!? Spero proprio che gli sia andato di traverso … di plastica e con due ancorette … la digestione sarà lenta! A meno che non lo abbia sputato ….!  Non mi sembrano poi mica così tanto tonni !!! Pazienza, ne ho un altro, speriamo che sia più fortunato e che serva allo scopo. Parlavo di pesce sfiga? Ecco … appunto!!

Ieri pomeriggio mi è finita la carica della batteria del computer e quindi l’ho chiuso e, visto che tutti leggevano grandi libroni,  mi sono messo a leggere l’unico libro che ho portato. L’evoluzione della fisica  di Einstein e Infeld. Un libro che ho comprato due anni fa ma che attende un momento di pace e di tranquillità per la sua lettura. Soprattutto perché me lo voglio gustare piano piano.

Parla della fisica da Galileo fino al 1938, quando il libro è stato scritto, ma assolutamente senza formulazioni  o dimostrazioni matematiche. Non c’è scritta nemmeno una sola legge! Perché lo scopo non è quello di raccontare la fisica con le sue leggi ma quello di seguire i ragionamenti, e quindi solo con le parole e l’uso dell’intelletto, che hanno portato, date certe conoscenze scientifiche e prove di laboratorio, alle teorie che sono ancora oggi in vigore ed alle rivoluzioni scientifiche.

Enrico Bellone, famoso fisico e filosofo della scienza italiano ha riportato due affermazioni di Einstein nella sua introduzione al libro:

“Tutta la scienza non è altro che un affinamento del senso comune” cioè l’affinamento è formato da una serie di ragionamenti che stabiliscono una correlazione tra le osservazioni quotidiane e le teorie.

La seconda:”la scienza senza filosofia è arida e la filosofia senza scienza è vuota”.

Einstein racconta l’evoluzione della fisica come se fosse un libro giallo, dove l’ispettore (lo scienziato) trova delle prove che a prima vista sono insignificanti e non relazionabili o collegabili fra di loro. Poi, si mette in poltrona a fumare la pipa, e ragiona, ed arriva l’intuizione, quando meno te lo aspetti, il lampo di genio che tutto ordina e sistema. Allora gli indizi acquistano senso e significato e tutto diventa chiaro. Anzi, l’ispettore può addirittura prevedere nuovi avvenimenti e ricercare nuove conferme che porteranno alla soluzione del delitto. Unica avvertenza al lettore di Einstein: in un libro giallo possiamo saltare la parte centrale ed andare a leggere chi è l’assassino alla fine del libro, qui è impossibile, bisogna seguire tutti i ragionamenti pagina per pagina.

Ho iniziato a leggerlo con una tale gioia e gusto che mi sono procurato una penna ed un foglio su cui scrivere appunti, frasi famose riportate e farmi uno schema dei ragionamenti seguiti. Mai fatto con i libri di scuola, e sarebbe proprio questo il metodo migliore per studiare! Ma quando le cose si fanno con piacere …

 

Vento 30 nodi, 3 mani di terzaroli e la trinchetta, così si viaggia più tranquilli. Sven leggeva il suo libro, adesso dorme, Jola legge il suo ed io prima ho fatto il dettato in inglese della 12° lezione e poi mi sono messo a scrivere queste righe. Tempo nuvoloso e triste. Peter ancora non si è rimesso: passa tutto il tempo a dormire o in cuccetta o fuori nel pozzetto. Bella batosta !!

Io niente, lavo piatti e cucino a turno con Jola ma senza problemi nonostante non sia neozelandese ma nativo della Chiana!

Domani arriveremo e sicuramente dormiremo tranquilli fino al mattino di domenica. Saremo anche ai tropici ….. ma il clima non mi sembra proprio quello!! Speriamo per il futuro!

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog