GeapSunrise R.E.S.G.

Ristrutturazioni sullo Spirito

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 7
 

Messaggi del 29/06/2022

Potere Di Un Mala Di Preghiera – Di Dr. Schavi M. Ali

Post n°9276 pubblicato il 29 Giugno 2022 da childchild

Potere Di Un Mala Di Preghiera – Di Dr. Schavi M. Ali

La parola “mala” si traduce dal sanscrito all’italiano come “ghirlanda”. In sanscrito tibetano è conosciuto come “threngwa”.

Nel cattolicesimo è il “rosario”. I musulmani usano i grani “Dhiker”.

Nell’antico Medu Neter (la lingua sacerdotale kemetica) era conosciuto come “sha-sha” che si traduce come “fortuna”.

Nel corso dei secoli, l’umanità ha utilizzato perline sacre per la preghiera, la meditazione e la guarigione. Nell’antica scienza curativa dell’Ayurveda (“Scienza della vita”), i cristalli, le gemme, i semi e i legni erano noti per le loro frequenze vibrazionali perché tutto trasporta “energia” che è “forza vitale”.

Mala Di Ambra

Le correnti di energia di queste sostanze sono state studiate e insegnate, cosa che si fa ancora in questo “Ora” o era moderna. La scienza utilizza i cristalli e vari tipi di gemme in alcuni tipi di tecnologia.

Il “mala” più antico è uno “sha-sha” di oltre 40.000 anni, scoperto nelle rovine dell’antica Kemet.

Le Scritture bibliche parlano delle varie pietre preziose che si trovavano nei pettorali dei sommi sacerdoti.

Sebbene i cristalli e le gemme, una volta lucidati siano bellissimi, venivano usati nel mondo antico e vengono usati ancora oggi da coloro che hanno un orientamento spirituale per connettersi con i regni eterei e per ottenere calma, guarigione, protezione e per attirare i risultati necessari (problemi familiari, abbondanza economica, obiettivi di carriera, ecc.).

Nel sentiero spirituale più antico, il “Sanatana Dharma” (“Sentiero eterno”), vengono suggerite particolari sostanze per i “malas”, a seconda di ciò che si cerca di ottenere dai numerosi aspetti del Divino Assoluto, conosciuti come “Devis” e “Devas” – entrambe le parole si traducono come “Esseri splendenti” e “Esseri di luce” – altrimenti noti in epoche successive come “Angeli”.

La parola “Angelo” deriva dal termine sanscrito “Anjali”, che si traduce con “Offerta” e “Pregare”.

Pertanto, quando rivolgiamo una petizione a un aspetto specifico della SORGENTE stiamo facendo un'”offerta di preghiera”.

 

I “mala” più antichi e tradizionali hanno 108 perline regolari con una 109esima perlina centrale chiamata “Guru” o “Meru”.

Mala Tibetano

Il numero “108” rappresenta diverse cose: i 9 pianeti originariamente conosciuti moltiplicati per i 12 segni zodiacali originariamente conosciuti, il fatto che il nostro Sole è 108 volte la circonferenza del nostro pianeta e i 108 testi sacri più importanti dell’UPANISHAD (“Sedersi con saggezza”), di cui ne esistono in totale 1008. Tutto questo è stato divinamente rivelato agli antichi “Rishis” (“Saggi”).

Oltre alle perline regolari, a volte c’è una perlina chiamata “perlina marcatrice” che separa ogni serie di 27 perline regolari e a volte ci sono anche due serie di “perline contatrici” posizionate su ogni lato del “mala” su un piccolo cordoncino, in modo che mentre si recita un “mantra” (“strumento della mente”), il devoto possa tenere traccia di quanti mantra sono stati recitati.

Le “perline marcatrici” e le “perline contatrici” non sono assolutamente necessarie su un “mala”, purché il “mala” abbia 108 perline regolari e la 109a perlina Guru o Meru, che di solito è più grande delle perline regolari e spesso di una sostanza diversa.

I “mala” più antichi erano fatti di ambra, semi di Boddhi, semi di loto, rudraksha e legno di sandalo. In tempi successivi ma considerati ancora antichi, i “mala” venivano realizzati in amazzonite, crisocolla, turchese e altri cristalli e pietre preziose.

Affinché un “mala” sia correttamente “seminato” è necessario eseguire un rituale chiamato “Prana Prathista” che si traduce come “Forza vitale installata”.

Questo richiede che uno specifico mantra venga cantato su ogni perlina per 40 giorni consecutivi.

Naturalmente, il mala inizia a funzionare quando il devoto lo canta per la prima volta ma il suo potere diventa più pronunciato dopo 40 giorni. Quando viene ricevuto per la prima volta, tuttavia, il “mala” deve essere prima pulito e benedetto.

Questo può essere fatto da un “Guru” o da un “Acharya” o dal devoto stesso se è stato adeguatamente addestrato.

Quando il devoto è pronto per iniziare il canto, deve essere seduto con calma su una sedia o a terra su un cuscino. Tenendo il “mala” tra i palmi delle mani, si recita per 7 volte il mantra di “apertura della coscienza”: “AUM RUTSIRA MANI PRAWA TAYA HUM” (“Oh, Divino, vieni fuori come un fulmine sul respiro e purifica!”).

Mala Di Semi Boddhi

Poi il devoto soffia delicatamente il suo respiro sul mala.

Successivamente, alcuni devoti recitano il potente Ganesh (“Rimuovi ostacoli”) per sradicare tutto ciò che potrebbe interferire con la sessione di canto e con ciò che si sta pregando di far sorgere: “AUM GUM GUNIPUTAYEH NAMAHA” (“Oh, Divino, mi inchino al Rimuovitore di ostacoli”).

Poi, con il pollice e l’indice della mano destra che toccano ogni perlina, si recita il mantra specifico iniziando dalla perlina che si trova alla destra della perlina “Guru”.

Il mantra viene recitato ad alta voce, ma poi il respiro deve diventare sempre più basso fino a quando il mantra viene recitato silenziosamente nel cuore. Quando le dita hanno toccato in successione ogni perlina intorno al “mala” e quando si raggiunge la perlina “Guru”, questa non viene toccata perché rappresenta la SORGENTE “STESSA”.

A questo punto, il devoto recita “AUM SHANTI SHANTI SHANTI” (“Oh, Divino, Pace Pace Pace”), quindi recita ancora una volta il mantra specifico ad alta voce e poi porta la perlina “Guru” al suo terzo occhio.

Questo simboleggia l’essere benedetti dalla SORGENTE.

Mala Di Semi Rudraska

Il mala è ora pronto per essere indossato o per essere messo in un astuccio speciale e portato con sé.

Dovrebbe essere oliato periodicamente con olio di sandalo per mantenerlo non solo lucido, ma anche per mantenere fiorente la sua energia.

Il “mala” può essere un meraviglioso tesoro sacro durante il cambiamento di quest’epoca, quando i venti solari, le eruzioni solari, le particelle di plasma, il conteggio dei neutroni e altro ancora, si intensificano e si diffondono nel nostro regno planetario. Può essere un’ancora nel “MARE DELLA SORGENTE”.

 

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: childchild
Data di creazione: 08/02/2011
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

childchilda_valentino1956clatra.ccassetta2acer.250marcobriendaisy.2008benveantDesert.69gryllo73enrico.m70antsalv70triwexpioggiadestate7river_cross
 

ULTIMI COMMENTI

Ecco perche'!!!
Inviato da: childchild
il 12/08/2022 alle 18:53
 
OGGI SONO TRE MESI...CIAO
Inviato da: childchild
il 03/08/2022 alle 16:25
 
GIA'...E IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE!!!!
Inviato da: childchild
il 19/07/2022 alle 11:42
 
doveva finire prima o poi
Inviato da: cassetta2
il 19/07/2022 alle 11:08
 
TENERSI PRONTE...CONTINUARE CON LE SCORTE ALIMENTARI E...
Inviato da: childchild
il 04/07/2022 alle 19:00
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom