Creato da stefan.o il 29/11/2006
Pensieri ed immagini
 

Area personale

 

Tag

 

FACEBOOK

 
 

LAZZARONE

LAZZARONE

 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

NAPOLI ....

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

DISCLAIMER

ALCUNE IMMAGINI INSERITE IN QUESTO BLOG SONO TRATTE DALLA RETE.  QUALORA LA LORO PUBBLICAZIONE VIOLASSE IL  DIRITTO D' AUTORE, CONTATTATEMI. SARANNO SUBITO RIMOSSE. GRAZIE

 

COPYRIGHT

I testi e le poesie pubblicati

sono depositati e

 tutelati dal diritto d' autore.

Un uso non autorizzato

ne costituisce violazione

 

Francesco Saviano

"La poesia di Napoli "

 

Ultime visite al Blog

cassetta2mareblu.rpodioquelgiornolisian92minarossi82stefan.osexydamilleeunanottemariateresa.savinorabdomentebvbtendeomerostdmedusaurticantelumil_0stefano65fortepsicologiaforense
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

NAPOLI

 

 

« BUON COMPLEANNOOTTO MARZO, GIORNATA DELLA DONNA »

Dedicata a tutti i bambini scomparsi

Post n°739 pubblicato il 26 Febbraio 2012 da stefan.o
 

FIABA

Da un libro di fiabe un giorno di giugno

scappò dal suo foglio sulla montagna

un orco gigante e nascose il suo grugno

tra gli alberi fitti nella boscaglia.

Coprì con il manto la luna, fu notte.

Nell’ ombra staccò la tenera  gemma

sul ramo lasciò ferite d’ amore,

sparì nel mistero in fondo alla grotta.

 

Angela aveva le trecce di sole,

la pelle di luna, gli occhi del cielo,

un viso d’ incanto, un cuore di bimba,

Angela era la primavera.

 

Vagò nella notte l’ orco malvagio,

cercò il sentiero per fare ritorno

sul foglio del libro dov’ era la fiaba,

tra gli alberi folti  nella boscaglia.

Il libro era chiuso, steso per terra,

la porta del foglio già era sbarrata

la fiaba da un pezzo era finita.

 

Angela aveva le trecce di sole,

la pelle di luna, gli occhi del cielo,

un viso d’ incanto, un cuore di bimba,

Angela era l’ ingenuità.

 

Bussò alla porta con tocco feroce,

nel libro dormiva l’intera tribù.

Nemmeno il guardiano  potè  più sentire

la voce dell’ orco sempre più fioca.

Scappò  tra i monti senza una meta,

stringendo la rosa tra le sue mani.

Trovò nella grotta un antro profondo,

sparì con il fiore dentro il mistero.

 

 

Angela aveva le trecce di sole,

la pelle di luna, gli occhi del cielo,

un viso d’ incanto, un cuore di bimba,

Angela era  fresca rugiada.

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog