Creato da italianofile il 29/04/2007

ItalianoSOS

Il dubbio è la base della sapienza

 

 

Funzione della lingua            

Post n°7 pubblicato il 12 Maggio 2007 da italianofile

In linguistica il termine funzione assume usi e significati diversi. 
C'è un ruolo tradizionale, quello grammaticale, che riguarda la relazione fra i vari elementi della frase, e ci sono altri ruoli che hanno lo scopo di identificare e classificare gli usi della lingua per il raggiungimento di un detreminato scopo comunicativo, la funzione intellettiva, quella comunicativa, e poi lquellaa poetica, appellativa, presentativa, rappresentativa, associativa, distintiva, culminativa, delimitativa e chi più ne ha ne metta...

Come comportarsi?  Come in ogni altra cosa della vita anche qui bisogna sempre ricordare
di  non assumere le cognizioni in modo rigido  e passivo: spesso
infatti nella realtà le varie funzioni linguistiche si presentano
commiste fra loro ...

Cerchiamo di semplificare  attraverso una tabella:


immagine


Prossimamente scriveremo più specificamente dei linguaggi settoriali.

Buona lettura,
                                                             le italianofile

 
 
 

L'accento giusto al posto giusto!!!

Post n°6 pubblicato il 06 Maggio 2007 da italianofile

L’accento è la particolare intensità di voce che, nel pronunciare una parola, si pone su una vocale.

 Proprio perché dà intonazione alla voce si chiama accento tonico e la vocale su cui cade si dice tonica, così come la sillaba cui appartiene la vocale.

L’accento può essere variamente posizionato:

a)       se cade sull’ultima sillaba, la parola si dice tronca (cit-tà, vir-tù)

b)       se cade sulla penultima sillaba, la parola è piana (li-bro, let-tu-ra)

c)       se è sulla terzultima sillaba, la parola è sdrucciola (ta-vo-la, i-nu-ti-le)

d)       se è sulla quartultima sillaba, la parola si dice bisdrucciola (an-da-te-ve-ne).

 

Nella scrittura, l’accento si pone sopra la vocale tonica ma, considerando che le vocali e ed o possono avere il suono aperto e il suono chiuso, si adopera il segno ` (accento grave)  per indicare il suono aperto (caffè, portò) mentre si adopera il segno ´ (accento acuto) per indicare il suono aperto (perché, pésca – come attività del pescare). I simboli ` ed ´ indicano, quindi,  contemporaneamente sia l’accento tonico, perché indicano la vocale tonica, sia l’accento fonico perché segnalano un suono aperto o chiuso.

 

Per le vocali a, i, u, che hanno suono unico, convenzionalmente si adopera l’accento grave.

 

In passato era usato anche l’accento circonflesso ^ (il risultato dell’unione di un accento acuto e di uno grave) per indicare che la i finale nel plurale di parole uscenti al singolare in –io è la contrazione di –ii ( serio – serî, studio – studî).

 

In quest’epoca di “distrazione linguistica” molto spesso l’uso dell’accento passa nel dimenticatoio dello scrivente.

Alcuni casi, invece, richiederebbero tassativamente l’uso dell’accento. Vediamoli insieme.

  1. Sulle parole tronche: verità, perché, tribù.

  2. Sui monosillabi formati da dittongo che ha l’accento sulla seconda vocale: già, può, più. In questo caso fanno eccezione qui e qua, che si scrivono senza accento.

  3. Su alcuni monosillabi, perché siano distinti da altri monosillabi che hanno significato diverso. Di seguito una utile tabella:

 

immagine

 

Resta facoltativo l’uso di segnare l’accento su quelle parole che hanno stessa grafia ma significato diverso secondo la pronuncia, ma sarebbe consigliabile nei casi in cui ci sono possibilità di equivoci, come ad esempio: subito, avverbio – subìto, participio passato del verbo subire;  nel plurale dei nomi in –io, per distinguerlo da altri plurali con la stessa grafia: principi, plurale di principe – princìpi, plurale di principio.

 

Buona lettura,

le italianofile

 
 
 

In buona sostanza:

Post n°3 pubblicato il 01 Maggio 2007 da italianofile

Va' --> vuole solo l'apostrofo (elisione) e solo se è imperativo: "Va' a casa!", ed è considerato un'elisione, perchè in tal caso si elide (si elimna) la "i "di "vai".
Va --> Per indicare che, invece, "Andrea va a casa", come si vede, non è necessario alcun accento, nè alcun apostrofo, in quanto esprime solo la terza persona singolare del verbo andare al modo indicativo (egli va).

Po' --> anche qui abbiamo un caso di elisione, in quanto si è verificato un troncamento della parola "poco". Ad es.: "Guarda un po', cosa hai fatto". Per cui è considerato errore accentarlo (pò).

Nè --> Nella sua accezione negativa, deve essere sempre accentato. Errore grave non farlo (non si capirebbe il senso della frase, o lo si capirebbe a fatica). Ad es.: "Non voglio il gelato, nè la pizza", "Non so niente, nè dell'uno, nè dell'altro"
Ne --> Non si accenta mai in tutti gli altri casi, ad es.: "Non ne ho voglia", "Che ne so?", "Ne ho abbastanza".

Alla prossima e buon blog a tutti,
le italianofile

 
 
 

Qui, Quo, Qua…

Post n°2 pubblicato il 30 Aprile 2007 da italianofile
Foto di italianofile

Chi non ricorda le avventure degli odiati/amati nipoti di Paperino? Sempre con la soluzione giusta al momento giusto… Il Manuale delle Giovani Marmotte, utile fonte di soccorso per mille e una peripezie, la maggior parte delle quali provocate da quello zio combina guai…

E quante volte anche noi vorremmo un soccorso quando siamo alle prese con qui e qua nel loro uso come avverbi di luogo… Si accenteranno o no?

No, qui e qua non si accentano!

E’ vero che sono monosillabi ma non si possono confondere con niente altro, il loro significato è unico.

Diversamente, invece, avviene per lì e là. In qualità di avverbi vanno accentati per non essere confusi con il pronome (li ho visti, li ho sentiti, eccecc) o con la nota musicale (la) o con l’articolo determinativo (la mamma, la scarpa).

Dicevano le maestre ai bimbi: “Su qui e qua l’accento non ci va, su lì e là l’accento ci va”.

L’uso degli accenti è quasi caduto in disuso in Italia ma prossimamente torneremo sull’argomento perché, spesso, il loro uso è fondamentale per la comprensione del testo.

Buon blog a tutti,

le italianofile

 
 
 

 e fu l'inizio...

Post n°1 pubblicato il 30 Aprile 2007 da italianofile

Quante volte ci siamo trovati nel dubbio se usare l’accento o l’apostrofo?

Oppure se abbiamo costruito una frase nel modo corretto?

O, ancora, se abbiamo usato il tempo ed il modo giusti di un verbo?

 Intanto, diciamo subito che questo blog è soltanto un gradevole passatempo che noi, patite della lingua italiana, vogliamo sperimentare con il solo scopo di sciogliere alcuni dubbi che, purtroppo, tendono a venire a galla soprattutto nei momenti meno opportuni. Val la pena di precisare che non si ha la pretesa, qui, d’insegnare una lingua che, in tutta franchezza, dovrebbe appartenerci già per il solo fatto di essere italiani e di risiedere in Italia.
Ad asservire allo scopo siamo sicure ci siano già le scuole e i testi di grammatica a fare il giusto dovere in tal senso.
Quello che ci proponiamo è, invece, soltanto un tentativo di cercare insieme gli errori più comuni e frequenti che, se da una parte ci possono far sorridere, dall’altra possono creare seri imbarazzi. L’idea nasce, infatti, proprio dalla lettura di alcuni testi, purtroppo non privi di errori madornali, grazie ai quali veniva spontaneo chiedersi chi fosse nel giusto, se noi o l’autore… perché, come disse qualcuno, ‘il dubbio è la condizione senza la quale la conoscenza non potrebbe neppure esistere’.
Ecco allora farsi strada il progetto comune di aprire un blog che riportasse stralci di scritture ‘scorrette’: perché siamo convinte che anche dagli errori sia possibile imparare qualcosa.

Il blog è aperto a tutti *coloro che vogliono confrontarsi in tal senso, con dubbi, suggerimenti, proposte e, perché no, anche precisazioni: perché crediamo fermamente nella morale di Seneca a Lucillo: ‘mentre si insegna, si impara’. Il vantaggio, dunque, è reciproco.

Una sola avvertenza: non mancheranno spunti per farsi anche due sane risate. Così, anche mentre ridiamo, impariamo, no?

Buon blog a tutti,

le italianofile

 ps…* chi lo desidera può partecipare, inviando alla nostra casella di posta di libero, eventuali, frasi, brani, stralci eccecc su cui sono stati  rilevati errori grammaticali.

 

 
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

IL DUBBIO

immagine

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lucafantini1966aurora.cristeToniaMUAlibertario15Dott.ssaBondimadavveroantonelliximaerikadiomaiutaa.albanesefllifezzasrlsonylizArel_Stormragebiagio.giulianiarsvicenzakith_straworth
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom