Tag

 

attualmente qui:

cernusco


 

 
 

cooperazione internazionale

da aprile del 2006 a marzo 2007 ho avuto la possibilità di lavorare con un'associazione dominicana, Oné Respe, che opera nelle baraccopoli di Santiago e di Haina in Repubblica Dominicana. Durante questo periodo ho scritto su questo blog ciò che vedevo e osservavo, qui trovi i post più rilevanti in ordine cronologico.
LEGGI TUTTI I POST
 

116 blog contro il decreto anti-ambiente

116 blog si sono incatenati qui ed hanno vinto: l'articolo 29 del decreto anti-crisi è stato stravolto e sono tornate le detrazioni del 55% per chi realizza lavori di ristrutturazione a favore dell'efficienza energetica! Grazie a tutti.
 

Ultime visite al Blog

attrezzista1elenabasso2005martinopironeealisa47drissa52elianapeperoniarcoflexcoach.11rendering3HAIMSARAgagost01anna.delillamarco.corletofabiovernelligraz.maramaon
 
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 42
 

sto leggendo

el tiempo de las mariposas

 

 
 

chi mi visita?

Locations of visitors to this page

Do you want to read this blog en English? Try here

 

io sto con loro:

immagine

 

 

 

 

 

 

 

 
Creato da: kudablog il 27/10/2005
note armoniche di composizione

 

 
« INSSE la storia di un'i...Espropria parchi: brutte nuove »

Duro colpo alle rinnovabili nel milleproroghe

Post n°1129 pubblicato il 12 Febbraio 2009 da kudablog
 

Catena di blog per chiedere la reintroduzione della norma che obbliga a fornire tutti i nuovi edifici di pannelli solariE' incredibile non si capisce con quale logica il Governo Berlusconi tenti colpi continui contro l'industria delle energie rinnovabili, dopo il tentativo, fallito, di affossare le detrazioni per l'efficienza energetica, oggi, nascosto nel decreto milleproroghe viene tolto l'obbligo per i nuovo edifici di avere, almeno in parte, energia prodotta da fonti rinnovabili.

Nella finanziaria del 2008 il Governo Prodi aveva introdotto, a decorrere dal 10 gennaio 2009, l'obbligo per gli edifici di nuova costruzione, ai fini del rilascio del permesso di costruire, l'installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, in modo tale da garantire una produzione energetica non inferiore a 1 kW per ciascuna unità abitativa, compatibilmente con la realizzabilità tecnica dell'intervento.

Il governo italiano persiste con questo atteggiamento miope, arretrato e irragionevole e non perde occasione per portare avanti una malcelata battaglia contro la difesa ambientale. Fortunatamente alcuni comuni hanno già introdotto l'obbligo, ma le sostanze nocive non si fermano ai confini comunali. Chiediamo a gran voce che l'obbligo venga re-introdotto alla Camera.

Qui parte una nuova catena di blog perchè LE RINNOVABILI NON SONO PIù UN'ALTERNATIVA, SONO UN OBBLIGO!

contatore blog: 65
ilKuda, CernuscoTV, Osservatorio sul Razzismo in Italia, Zadig, Follonica, Marcella Zappaterra, Alessandro Ronchi, Verdi Forlì-Cesena, Verdi Emilia Romagna, BaseVerde, Blog del Giorno, Letizia Palmisano, LETIZIA'S BLOG, Fiore Blog, Verdi di Ferrara, il Derviscio, Ciwati, PD Cogliate, Sale del mondo, Informazione senza filtro, Ladri di marmellate, Resistenza civile, Life in Italy, Ma'pe iabbu, Maurizio Baruffi, Dea Maltea, Eco, Sciura Pina, SpreadRSS, Tau2 Zero, BlogEko, Marcello Saponaro, Amico Fragile, Ambiental..mente, Pd Vedano, Writer, Voglio il fotovoltaico, No alla turbogas a pontinia, agorambiente, laStanzaDelBarone, Opinioni e Benessere, il Filo di Arianna, Maxso's blog, Jacopo Fo, Evil Genius, Gianluca Aiello, YourPage, AttivAzione, Sostenibilitalia, Orlandi Energie, Verdi Treviglio, IlFerdinando, Grilli e Cicale di Latina, Giudo Elettrico, La Parola, Riciard's, la Tana del Mostro, Fonte Live, the Wistleblower, Appunti e Virgole, Al massimo dell'energia, Pollodellavaldichianna, Agoravox, Nuclearenograzie, Solarenews, Ultras Cernùsk.

(metti nel tuo blog un post sull'argomento, e il link a questo post, se puoi metti tutti gli anelli della catena, per essere più forti, e segnalalo nei commenti)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/KudaBlog/trackback.php?msg=6497572

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
indiscipline
indiscipline il 12/02/09 alle 02:24 via WEB
Fatto: http://zadig.ilcannocchiale.it/2009/02/12/governo_berlusconi_nuovo_colpo.html
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Follonica il 12/02/09 alle 02:36 via WEB
Eccomi: http://follonica.ilcannocchiale.it/2009/02/12/governo_berlusconi_nuovo_colpo.html
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
yanfry il 12/02/09 alle 08:29 via WEB
Aderire è davvero il minino, grazie http://marcellazappaterra.wordpress.com/2009/02/12/energie-rinnovabili-il-governo-contro-la-difesa-ambientale/
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Alessandro Ronchi il 12/02/09 alle 09:07 via WEB
Ho inserito l'adesione su 4 blog, che vi prego di aggiungere alla catena: Alessandro Ronchi Verdi Emilia Romagna Verdi Forlì-Cesena Baseverde.org
(Rispondi)
 
 
kudablog
kudablog il 12/02/09 alle 09:10 via WEB
fatto!
(Rispondi)
 
rigitans
rigitans il 12/02/09 alle 10:05 via WEB
farò al piu' presto la mia parte, ovviamente
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Leonardo Fiorentini il 12/02/09 alle 10:07 via WEB
Aderisco, ovviamente http://fiore.iworks.it/blog/2009/02/12/ennesimo-blitz-contro-le-rinnovabili-ennesima-catena/
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Verdi di Ferrara il 12/02/09 alle 10:23 via WEB
Anche i Verdi di Ferrara aderiscono alla catena: http://www.verdi.ferrara.it/sito/2009/02/12/tutto-pur-di-bruciare-fossili/ Ciao!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Il Derviscio il 12/02/09 alle 10:31 via WEB
inserito
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
giulia il 12/02/09 alle 11:09 via WEB
Postato anche su: http://pdcogliate.blogspot.com/
(Rispondi)
 
joiyce
joiyce il 12/02/09 alle 12:16 via WEB
SALE DEL MONDO, presente!
(Rispondi)
 
rigitans
rigitans il 12/02/09 alle 13:29 via WEB
mi aggiungo. bravo kuda, sempre pronto!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Pennywise il 12/02/09 alle 15:32 via WEB
presente e incatenato alla catena ;)
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
dangp il 12/02/09 alle 16:04 via WEB
Ci sono anch'io.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Sharon il 12/02/09 alle 16:10 via WEB (Rispondi)
 
sinemoiaquai
sinemoiaquai il 12/02/09 alle 17:40 via WEB
Ci sono anch'io. Una curiosità : il libro di Allende lo leggi in lingua originale ?
(Rispondi)
 
 
kudablog
kudablog il 12/02/09 alle 18:40 via WEB
si, li ho letti quasi tutti in spagnolo
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
massimo marino ECO b il 12/02/09 alle 18:58 via WEB
incateniamoci contro il ritorno al medioevo!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
tauzero il 12/02/09 alle 23:08 via WEB
Parafrasando l'Eroe dei due mondi: Aderisco!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
pino s. il 13/02/09 alle 10:07 via WEB
noi abbiamo aderito http://pdvedano.blogspot.com/2009/02/il-governo-non-rinnova-le-rinnovabili.html
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Archimede il 13/02/09 alle 10:13 via WEB
Presente! http://voglioilfotovoltaico.blogspot.com/2009/02/comincia-unaltra-battaglia.html
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
luca il 13/02/09 alle 10:17 via WEB
ciao roby, aderisce anche il mio piccolo blog!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Alessandro il 13/02/09 alle 10:19 via WEB
Aderiamo anche noi di Ambiental...mente: http://menteambiente.blog.tiscali.it/ Ciao
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
patch87 il 13/02/09 alle 11:29 via WEB
Ecco la mia partecipazione! :D
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Ilaria D\'Aprile il 13/02/09 alle 12:22 via WEB
Condividiamo e diffondiamo
(Rispondi)
 
falco58dgl
falco58dgl il 13/02/09 alle 12:37 via WEB
Aderisco nuovamente. E' proprio attraverso questo stillicidio di misure irresponsabili o liberticide che il governo sta portando il pèaese alla rovina. ciao. Writer.
(Rispondi)
 
falco58dgl
falco58dgl il 13/02/09 alle 13:08 via WEB
Trovi il mio post al seguente permalink http://blog.libero.it/AltreLatitudini/6506688.html
(Rispondi)
 
falco58dgl
falco58dgl il 13/02/09 alle 13:09 via WEB
Mi correggo: http://blog.libero.it/AltreLatitudini/6058250.html
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
marcello saponaro il 13/02/09 alle 13:49 via WEB
Incatenato! http://www.marcellosaponaro.it/blog/2009/02/13/una-nuova-catena-solare-perche-ci-riprovano/ ciao Marcello
(Rispondi)
 
maxsof1
maxsof1 il 13/02/09 alle 14:59 via WEB
Ho inserito il banner in un box. Saluti.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
martino sacchi il 13/02/09 alle 15:38 via WEB
sono assolutamente d'accordo. Però voglio anche portare a conoscenza di tutti una notizia positiva: il Liceo Giordano Bruno di Melzo, all'interno di un programma gestito dalla Provincia di Milano, da qualche giorno è dotato di una batteria di pannelli fotovoltaici che forniscono la corrente necessaria al funzionamento. per ulteriori dettagli, scrivere al preside franco gallo preside@liceo-melzocassano.it
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
No Turbogas Pontinia il 13/02/09 alle 16:33 via WEB
Incatenato! http://noturbogaspontinia.blogspot.com/2009/02/salva-il-solare.html
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Ila il 13/02/09 alle 17:11 via WEB
Agorambiente.it aderisce. Questo è il link con il messaggio http://agorambiente.it/portale/index.php?option=com_content&task=view&id=313&Itemid=201
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Evilgenius il 13/02/09 alle 17:47 via WEB
Evilgenius c'è. http://evilgenius.splinder.com/post/19840007/Le+Rinnovabili+e+la+%22grande%22+B
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Marco Frattola il 13/02/09 alle 19:59 via WEB
incatenato: http://www.attivazione.org/wp/2009/02/13/una-catena-rinnovabile/
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
NO TURBOGAS PONTINIA il 15/02/09 alle 20:43 via WEB
Ciao stiamo crescendo sempre di più! Diffondiamo questa catena per tutto il web! Il lavoro che hai fatto è ammirevole! Complimenti! Volevo riportarti umilmente l'errore, inserito nella catena. Il nome del mio blog è: NO ALLA TURBOGAS A PONTINIA. Grazie Per qualsiasi cosa puoi contare sempre su i NO TURBOGASATI!
(Rispondi)
 
 
kudablog
kudablog il 16/02/09 alle 08:32 via WEB
corretto, ciao
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Meetup grilli&cicale il 15/02/09 alle 20:45 via WEB
I Grilli e le cicale di Latina aderiscono alla catena informativa. http://www.meetup.com/beppegrillo-256/it/messages/boards/thread/2842350/200/#25281876
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Guido Elettrico il 16/02/09 alle 12:47 via WEB
Presente! http://www.guidoelettrico.com/fonti-energetiche/660/colpo-alle-rinnovabili-rimandati-gli-obblighi-per-i-nuovi-edifici/
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Riciard il 16/02/09 alle 18:44 via WEB
Ciao a tutti, ho aderito con un post appena ho potuto, lo trovate qui: http://riciardengo.blogspot.com/2009/02/obama-parla-di-fonti-rinnovabili.html Riciard's ha proposto anche una iniziativa che non tardo a segnalarvi: Lascio l'auto a piedi! http://riciardengo.blogspot.com/2009/01/lascio-lauto-piedi.html che ha avuto fino ad oggi numerose adesioni... Partecipate anche voi! Riccardo, di Riciard's
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Gianluca Aiello il 17/02/09 alle 15:18 via WEB
Agganciato anche io!!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
MOnSTEr il 18/02/09 alle 16:28 via WEB
Ciao, aderisco volentieri. Sarebbe utile però mettere dei riferimenti all'articolo di legge in discussione; io ho trovato questo, se è questo tuttavia non riesco a trovare la parte "incriminata". Nel contempo, a pag. 26 mi pare di vedere una bella "sanatoria" per le affissioni elettorali abusive... ma forse sono solo malfidato.
(Rispondi)
 
 
kudablog
kudablog il 18/02/09 alle 18:57 via WEB
L'articolo 29, comma 1-octies, del disegno di legge di conversione del DL n. 207 del 30 dicembre 2008
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Diego il 19/02/09 alle 15:57 via WEB
Tutti i teti del mondo dovrebbero avere un impianto fotovoltaico, domani sarà l'unica soluzione energetica possibile. Se non ci fosse la politica a frenare lo sviluppo per arraffare soldi, saremmo molto piu avanti. La vedo dura, il popolo delle veline e dei telefonini è numeroso, è ormai democraticamente vincente finchè questa tv e informazione continuerà a manganellare dolcemente.
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Fonte Live il 19/02/09 alle 15:59 via WEB
Tutti i tetti del mondo, compreso il cupolone di San Pietro.
(Rispondi)
 
kudablog
kudablog il 19/02/09 alle 17:08 via WEB
Ciao, purtroppo la nostra catena non è stata ascoltata, il Governo ha posto la fiducia sul Milleproroghe, ma non è il caso di abbatterci, propongo di passare dalla protesta alla proposta e tirare fuori le nostre idee di legge qui: http://gold.libero.it/KudaBlog/6541144.html
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Renzo Riva il 24/02/09 alle 00:31 via WEB
Ho inviato la presente lettera a "Il Gazzettino" perché a tutt'oggi il quotidiano "La Repubblica" ha ritenuto di non pubblicarla. Mandi, Renzo Riva 349.3464656 Dare i numeri purché corretti Siccome un giornale nazionale ritiene "non importante dare una rettifica" ad una lettera pubblicata, dove un lettore dà letteralmente i "numeri", chiedo di potere con la presente raggiungere almeno i lettori del Triveneto con le doverose correzioni. Al lettore del giornale del Gruppo Caracciolo, Luca Scalia di Palermo, che nella sua lettera del giorno 19 c.m. ha "dato dei numeri" scambiando energia con potenza, corre l'obbligo di "dare i numeri" corretti affinché i lettori del suo testo non prendano il suo dire per valido quando valido non è. Egli confonde e scambia il dato percentuale della potenza eolica installata in Spagna, rispetto al totale, con la percentuale dell'energia eolica prodotta sul totale dell'intero sistema elettrico. La verità è che la Spagna ha una potenza eolica installata di 16 GW pari sì al 25% ma della potenza totale installatata del sistema elettrico (16.000 turbine eoliche!), che però produce meno del 9% del totale del fabbisogno elettrico spagnolo. La Spagna ha raggiunto sì un record per quanto riguarda la produzione di energia eolica: alle 19.44 del 22 gennaio, secondo quanto riferito dal portale della Ree (l'operatore di rete elettrica del paese iberico) la potenza istantanea generata dagli impianti eolici ha raggiunto quota 11.175 Mw. Ciò significa che in quel momento particolare i 16.000 aerogeneratori erano sfruttati al 70% della loro massima potenza installata. Quando il vento non soffia le turbine eoliche danno lo 0% della potenza richiesta dalla rete ed in questo caso dove va la Ree a prendere l'energia che gli utilizzatori richedono? E appunto questo è il momento in cui si può dire la tipica frase: "e qui casca l'asino". Ricordo che 7 GW da nucleare (appena 9 reattori) producono il 20% del totale del fabbisogno elettrico spagnolo, sempre; sia quando il vento non c'è sia, per i pannelli fotovoltaici, quando non c'è il sole: di notte e quando il tempo è brutto. Una nota a margine: la potenza si esprime e si misura in kW (1.000 Watt) o GW (1 miliardo di Watt oppure un milione di kW) mentre l'energia si esprime e si misura in kWh o con suoi multipli o sottomultipli; non comprendere appieno tale differenza porta al marchiano errore commesso dal lettore di Palermo. Per non parlare poi del costo del kWh prodotto con il vento, o con il Sole, che a molti piace sottolineare siano "gratis"; peccato che aerogeneratori, pannelli fotovoltaici e relative apparecchiature non lo siano affatto. Renzo Riva renzoriva@libero.it Buja-UD Ecco la lettera pubblicata dal giornale nazionale "La Repubblica" il giorno 19 c.m. Le mani della mafia sugli impianti eolici Luca Scalia Palermo VITTORIO Sgarbi, da quando è sindaco di Salemi, denuncia collusioni mafiose di politici locali per il rilascio di autorizzazioni alla costruzione di impianti eolici inutili nel territorio tra Palermo e Trapani. Da siciliano non riuscivo però a capire come mai l'eolico in Spagna copre il 25% del fabbisogno energetico e in Italia il 3,3%. Come mai? Eppure gli impianti ci sono, si continuano a progettare e costruire, ma restiamo al 3,3%. Incredibili a dirsi, ma non ci sono gli elettrodotti per collegarli alla rete di distribuzione. Continuiamo a costruirli perché la Cee finanzia con milioni di euro questi impianti. L'Italia inoltre paga 200 euro per ogni megawatt prodotto da energia pulita, contro gli 80 euro di Spagna o Francia. Chissà come mai i nostri politici triplicano l'incentivo a costruire questi impianti. Forse perché ogni impianto porta soldoni alle casse dei comuni che ne autorizzano la costruzione e ai mafiosi che controllano il consiglio comunale e che forniscono con le loro aziende la manodopera locale. Quando mi chiedono di dove sono, subito rispondono «Ah, Mafia». Già...sono io il mafioso.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Massimo il 24/02/09 alle 13:17 via WEB
Anche al Massimo dell'Energia si incatena con questo post
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Walter il 24/02/09 alle 15:02 via WEB
Mi pare si faccia un p' di confusione, si metta tutto in un calderone, si dia una bella mischiata e via...siamo tutti ecologisti, buoni e bravi. I cattivi sono quelli che non fanno ciò che noi, molto spesso per sentito dire, crediamo sia giusto fare. Premetto che sono un ingegnere, non sono un fan di Berlusconi e sono assolutamente un ecologista. Con questo non presterò il finco per campagne politiche "a priori", contro qualunque cosa faccia Berlusconi. Le detrazioni del 55% sono incentivi per il risparmio energetico, non per le "energie rinnovabili". Capisco che molti non sappiano nenche di cosa si stia parlando, ma allora, per favore, evitiamo di parlarne, anzi di sparlarne. le detrazioni del 55% sono un buon provvedimento, ma da addetto ai lavori vi dico che sono moltissi ad imbrogliare, la reale utilità del provvedimento è scarsa senza controlli. Ma in Italia dire controlli significa suscitare un sentimento di antilibertà,censura, regime e quant'altro, quindi siamo il paese con più norme e le meno rispettate in europa. E noi continuiamo a fare norme, così la nostra coscienza di uomini buoni di sinistra è apposto, individuando anche i cattivi, in quelli che non le rispettano...perfetto! Per informazione vi riporto che a seguito dell'obbligo di produrre un po' di energia nelle nuove costruzioni da fonti rinnovabili, si sono solo arrichhiti ancora di più i costruttori, sono saliti i prezzi delle case e poche strutture risultano davvero in grado di produrre quanto dichiarato. tanto funziona con una dichiarazione, nessun controllo. Quindi efficienze ridicole (il mio lavoro è proprio fare questo tipo di verifiche), prezzi più alti per gli acquirenti ed efficienze degli involucri ridicole, perchè il vero problema è il rinvio dell'obbligatorietà della CERTIFICAZIONE ENERGETICA, non i due pannellini sul tetto messi in ombra ed assolutamente privi di qualsiasi forma di verifica seria. Ma il rivio di tale obbligo è stato fatto dal governo Prodi...e quindi, visto che i buoni non possono essere mai contestati, parliamo di Berlusconi e di ciò che non ha fatto, togliere le detrazioni del 55%. Bene.
(Rispondi)
 
 
kudablog
kudablog il 24/02/09 alle 16:18 via WEB
infatti nel post c'è scritto: "dopo il tentativo, fallito, di affossare le detrazioni per l'efficienza energetica" cioè le detrazioni del 55%.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
tiziano il 24/02/09 alle 16:21 via WEB
Prima di strapparsi le vesti e incatenarsi sarebbe meglio informarsi: Lo scorso 12 febbraio il Senato ha approvato il disegno di legge n. 1305 "Conversione in legge del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 207, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni finanziarie urgenti". Il D.L. 207/2008, pubblicato sulla G.U. n. 304 del 31 Dicembre 2008 e più noto come Milleproroghe, durante la conversione, ha subito alcune modifiche che riguardano, tra l'altro, l'obbligo di installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Il Testo Unico dell'Edilizia (D.P.R. 380/2001), all'articolo 4,comma 1-bis, prevede: <> L'art. 27 comma 1 octies del disegno di legge di conversione appena approvato al Senato rinvia al 1° gennaio 2010 l'entrata in vigore delle citate disposizioni dell'art. 4 comma 1-bis T.U. I Comuni avranno quindi ancora a disposizione l'anno 2009 per adeguare i regolamenti edilizi. Si tratta quindi di un provvedimento che consente alla maggioranza dei Comuni inadempienti di rientrare nella legalità. Pochi infatti sono stati i Comuni che hanno adeguato il Regolamento edilizio. E questo non è certo colpa del governo attuale. Semmai, chi ha emanato questa norma, non poteva immaginare quello che sarebbe successo mettendola in capo ai Comuni? La levata di scudi di questa scadente opposizione, ancora convinta di quadagnare consensi screditando l'avversario, fa un po' pena. Mi stupisco che ci sono ancora tanti che ci cascano
(Rispondi)
 
 
kudablog
kudablog il 24/02/09 alle 16:49 via WEB
sappiamo bene che l'unico modo per far attuare una norma è quella di rendere sicura la pena nel caso in cui questa non venga applicata. La finanziaria 2008 ha dato un intero anno ai Comuni per adeguarsi, se non l'hanno fatto, gli amministratori avrebbero dovuto rendere conto ai propri elettori del fatto che il Comune si doveva assumere l'onere di una multa (o della pena prevista). Spostare il limite di un anno non fa altro che giustificare i comuni ritardatari e penalizzare quelli che sono in regola con la legge. Le deroghe dovrebbero essere utilizzate con estrema cura per non rendere vane le scadenze legislative. (spero di non essermi troppo incasinato con i tempi verbali) ciao
(Rispondi)
 
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
tiziano il 25/02/09 alle 10:19 via WEB
I Comuni non si sono attivati, più che per scarsa sensibilità, per non far dispiacere proprio ai propri cittadini. (se faccio la casa non ho più soldi per il FV). Io lo ho messo, ma non tutti possono permessersi la spesa. Aspettare un anno per me va bene (il rendimento migliora e i costi del FV sono in calo)
(Rispondi)
 
 
 
 
kudablog
kudablog il 25/02/09 alle 18:40 via WEB
proprio per questo deve essere lo stato ad imporre la normativa
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Andy Martesana il 05/03/09 alle 14:50 via WEB
Ghe sèmm!!
(Rispondi)
 
renzoslabar
renzoslabar il 13/03/09 alle 14:14 via WEB
Pubblicato in data Giovedì 12 Marzo 2009 Messaggero Veneto Messaggero di Udine Pagina XX Rubrica: Per posta e per e-mail NUCLEARE Più potente la lobby di gas e petrolio Ricordo al lettore, di cui alla lettera “Dal referendum un esito chiaro” pubblicata il 3 marzo scorso, che sciorina i risultati dei referendum, e qualora lo desideri, che egli potrà promuovere un referendum abrogativo per il nucleare prossimo venturo. La sera del 27 febbraio scorso, Bruno Vespa alla trasmissione Rai “Porta a porta” discuteva del ritorno al nucleare con l’onorevole Pierferdinando Casini, il ministro Claudio Scajola e l’autorità per l’energia e il gas ingegnere Alessandro Ortis. Nell’occasione ricordò quello che successe nel 1987 durante la campagna antinucleare; disse che fu l’unico referendum nella storia della Repubblica dove la Rai impedì un vero e proprio dibattito. Vespa, i giorni successivi al referendum, fece uno speciale che parlava appunto dei risultati; dette la parola a un ingegnere dell’Enel, di cui non citò il nome, che spiegò tutte le vergognose bugie dette i mesi precedenti e in studio qualcuno obiettò: «Perché queste cose non le avete dette prima?». E l’ingegnere: «Non ci è stato possibile». Gli ambientalisti più ottusi affermano che la lobby nucleare è potentissima. Non è, forse, che la lobby del gas e petrolio è molto più potente di quella del nucleare? Al tempo del referendum votai tre volte no e feci una dura considerazione durante un’assemblea del Psi a Majano dicendo: «Compagni, non capite che stiamo esportando le nostre contrad­dizioni all’estero?». Al che, a tanti che non comprendevano e chiesero di spiegarmi meglio, dissi: «Voler chiudere al nucleare in Italia e continuare ad acquistare l’energia prodotta col nucleare dai Paesi contermini, per la maggior parte dalla Francia - il 18% del fabbisogno elettrico del tempo-, è o non è una contraddizione insanabile?». Ricordo che gli esiti di un referendum possono essere rimessi in discussione dopo 5 anni e pertanto il Parlamento può, e lo ritiene, introdurre dalla porta ciò che era stato scaraventato dalla finestra. Non paia strano, ma in questo Paese si andò oltre il dettato referendario. L’Italia, unico Paese al mondo. Nemmeno l’Urss in Ucraina, dopo Chernobyl, chiuse le centrali nucleari da poco entrate in funzione e la riconversione per quella di Montalto di Castro, in fase di costruzione avanzata. Questa decisione pusillanime del mondo politico d’allora ci costò, e continua tutt’oggi a costarci, 200.000 miliardi di lire e l’effetto indotto sull’economia altri 300.000 miliardi di lire negli ultimi 20 anni. Però è ancora più strano che invece i referendum sulla responsabilità civile dei magistrati -disatteso-, sul finanziamento pubblico ai partiti e sull’abolizione del ministero dell’agricoltura siano stati vanificati da provvedimenti sostitutivi che praticamente li disattendevano. Per ultimo si sottolinea che l’importazione di energia prodotta con il nucleare, attualmente il 13% del fabbisogno elettrico nazionale, calmiera il prezzo del kWh nel mercato italiano che altrimenti sarebbe più caro. Renzo Riva Comitato italiano rilancio nucleare - Fvg
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

Roberto Codazzi - nuovo sito

Caricamento...
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 
.
Discuti con noi le norme da proporre in Parlamento per dare il via ad una Rivoluzione Verde Italiana!
.
Cernusco sul Naviglio ha la sua televisione: www.cernuscotv.com
----------------------
se ti piace questo blog vota con OK su OkNotizie, così altre persone potranno conoscerlo:
------------------
 
ultimi post su www.kuda.tk
 
 

Area personale

 

Osservatorio sul Razzismo in Italia

Caricamento...
 

Peacereporter

Caricamento...
 

Petizione per abbassare il costo della metro

firma la petizione, diffondi l'iniziativa e linka al sito: www.atmgratis.tk

Inutilità dell'Ecopass:
guarda i dati di concentrazione del PM10 a Milano e Limito prima e dopo l'introduzione della tassa.
 

metereologia:

immagine

 Santiago de los Caballeros
Repubblica Dominicana
Click for Santiago, Dominican Republic Forecast 
Cernusco sul Naviglio
Italia
Click for Milan, Italy Forecast 

 
 
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom