Creato da delego.in.te il 13/10/2012

Lamine sovrapposte

Flusso laminare - Flusso il cui comportamento è determinato dalle forze di attrito interno. Nel flusso laminare, a differenza del flusso turbolento, gli strati infinitesimi di fluido scorrono dolcemente uno sopra l’altro, senza che avvenga alcun rimescolamento, neanche a livello microscopico. (treccani)

 

ULTIMI COMMENTI

What weather today,Weather forecast, Weather, Wetter,...
Inviato da: What weather today
il 12/04/2022 alle 15:57
 
What weather today,Weather forecast, Weather, Wetter,...
Inviato da: Weather
il 12/04/2022 alle 15:57
 
What weather today,Weather forecast, Weather, Wetter,...
Inviato da: Weather now
il 12/04/2022 alle 15:57
 
Letto e risposto, ciao.
Inviato da: delego.in.te
il 05/05/2021 alle 21:00
 
Hai un messaggio in mail, ciao:)
Inviato da: misteropagano
il 30/04/2021 alle 19:35
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 

AMICI DEL BLOG

Amici del blog[ger]

cricetodoc

donnacamminante

gaza64

     

Fanny_Wilmot

Less.is.more

misteropagano

     

Narcysse

Sbelerch

sciarconazzi

 

 

 

sofiaa7

 

 

 

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

 

« Quando i partiti rischia...Stone Roberts »

Ristorante a Tradate aperto a tutti gli stranieri

Post n°60 pubblicato il 25 Marzo 2013 da delego.in.te
 


Musica: Fausto Leali - Angelo negro

A Tradate,  cittadina in provincia di Varese, sui volantini e le locandine di una griglieria è stampata la frase:

 “Si accettano tutti gli stranieri”.

 Il ristoratore, siciliano, spiega: “Nel mio ristorante gli stranieri sono i benvenuti, troveranno ottimo cibo a un prezzo accessibile a tutti”.

Prosegue: “Io in zona ci sono da tanti anni e mi capita spesso di ricevere lamentele da parte di stranieri che mi chiedono se possono entrare, facendomi capire che altrove hanno ricevuto dei rifiuti. E perché non dovrei farli entrare? Il locale è mio, i prezzi li faccio io e le regole anche. Quindi ho semplicemente messo nero su bianco una cosa che sento”.

La trovata pubblicitaria ha acceso il dibattito nella cittadina. Molti quelli si domandano se effettivamente vi siano locali che non consentono l’accesso agli stranieri, il ristoratore assicura: “Ce ne sono tanti, gli stranieri non li vuole nessuno. Quando entrano dicono che non hanno posto anche quando magari non hanno tavoli prenotati, perché c’è pregiudizio”.

 Negli altri ristoranti e nei bar della cittá allargano tutti le braccia e alzano gli occhi al cielo garantendo che gli stranieri entrano ovunque e che nessuno si è mai messo a fare questioni sulla provenienza dei clienti.
Fonte: Il Fatto Quotidiano

La pubblicità in questione, mi mi può sembrare esagerata in un paese civile, mi ricorda un po', con le dovute differenze, quei negozi che, spesso al nord, hanno scritto sulla porta: “Entrata libera”. Dovrebbe essere ovvio che in un negozio si possa entrare liberamente, eppure lo scrivono.

Credo che la scritta della pubblicità, per quanto strana, non faccia del male a nessuno. Decideranno gli stranieri se boicottare o frequentare il locale. 

La concorrenza potrebbe spingere anche gli altri a scrivere la stessa frase e rendere tutti i locali aperti a tutti.

In Italia, purtroppo, le cose ovvie e di buon senso bisogna ribadirle sempre.

Vedi il nostro Parlamento.  Ci dovrebbero essere le persone più oneste che diano l'esempio ai cittadini, ma alcuni di loro appena non vengono eletti, passano dalla Camera alla camera di sicurezza.

Ci vorrebbe una legge che sancisca il principio:

"si accettano solo parlamentari onesti".

 Integrazione al post

In seguito al commento di cricetodoc, aggiungo questa immagine:

 


Torino anni '70

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Presentata al contest sul blog GRAPHIC_U'