Creato da delego.in.te il 13/10/2012

Lamine sovrapposte

Flusso laminare - Flusso il cui comportamento è determinato dalle forze di attrito interno. Nel flusso laminare, a differenza del flusso turbolento, gli strati infinitesimi di fluido scorrono dolcemente uno sopra l’altro, senza che avvenga alcun rimescolamento, neanche a livello microscopico. (treccani)

 

ULTIMI COMMENTI

What weather today,Weather forecast, Weather, Wetter,...
Inviato da: What weather today
il 12/04/2022 alle 15:57
 
What weather today,Weather forecast, Weather, Wetter,...
Inviato da: Weather
il 12/04/2022 alle 15:57
 
What weather today,Weather forecast, Weather, Wetter,...
Inviato da: Weather now
il 12/04/2022 alle 15:57
 
Letto e risposto, ciao.
Inviato da: delego.in.te
il 05/05/2021 alle 21:00
 
Hai un messaggio in mail, ciao:)
Inviato da: misteropagano
il 30/04/2021 alle 19:35
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 

AMICI DEL BLOG

Amici del blog[ger]

cricetodoc

donnacamminante

gaza64

     

Fanny_Wilmot

Less.is.more

misteropagano

     

Narcysse

Sbelerch

sciarconazzi

 

 

 

sofiaa7

 

 

 

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

 

« Corsi e ricorsiO muori di tumore o muor... »

Gli eroi normali

Post n°83 pubblicato il 15 Maggio 2013 da delego.in.te
 

''L'Italia fu ferocemente colpita nelle persone di suoi servitori eccezionali, di grandi magistrati, di autentici eroi che sacrificarono la loro vita a difesa della legalita' e della democrazia. La battaglia e l'esempio di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino diedero i loro frutti'' Le parole del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in un messaggio inviato a Maria Falcone, Presidente della Fondazione ''Giovanni e Francesca Falcone'' in occasione del XXI anniversario della strage di Capaci. (ansa)

Che Falcone e Borsellino siano stati dei grandi magistrati sono d'accordo, soprattutto Falcone era una delle intelligenze più brillanti nella scienza delle investigazioni. Che fossero servitori dell'Italia sono d'accordo. Che abbiano sacrificato la loro vita a difesa della legalità e della democrazia sono d'accordo. Non sono d'accordo, però considerarli degli "autentici eroi".

Se tali sono stati, certamente lo hanno fatto a loro insaputa. Un magistrato antimafia fa un lavoro che  ha una priorità, ovvero quella di combattere la mafia. Più che una priorità direi che è un dovere. Sono stati massacrati non mentre combattevano isul campo di battaglia, ma mentre svolgevano il loro lavoro che è fatto di indagini e di processi.

Dicendo che loro sono eroi solo perchè facevano il proprio dovere, implica un ulteriore definizione: "Tutti i magistrati antimafia che fanno il loro dovere, oltre che ad essere onesti, sono degli eroi. Così come i magistrati antimafia che non dovessero svolgere il proprio dovere, oltre che disonesti, non sono degli eroi. La stessa cosa vale per i politici e altre figure delle Istituzioni che hanno fatto parte della famosa trattativa Stato-mafia e della quale non si sa mai abbastanza.

Cosa voglio dire con questo ragionamento? Sarà anche suggestivo definire eroi degli uomini che vengono ammazzati per aver fatto il loro dovere, ma li rende come qualcosa di speciale. Significa dire che solo le persone speciali (eroi) fanno il proprio dovere ovvero che chi fa il proprio dovere è un eroe. Questo potrebbe essere una sorta di alibi per chi non lo fa, ritenendosi una persona normale.

Io sarei più propenso nel dire che tutti quelli che fanno sempre il proprio dovere sono delle persone oneste e virtuose. Quelli che non lo fanno, quelli che si considerano furbi, sono disonesti, spregevoli e spesso delinquenti.

Vi sembro esagerato?

Commenti al Post:
Odile_Genet
Odile_Genet il 23/05/13 alle 17:41 via WEB
No. Gli eroi sono coloro condannati a vivere una vita che non avrebbero voluto.
 
 
delego.in.te
delego.in.te il 24/05/13 alle 12:46 via WEB
Io penso che ci siano "eroi", a parte quelli mitologici, che compiono delle azioni in situazioni particolari, senza averle previste. Prendi ad esempio uno che in una situazione particolare si tuffa in mare per salvare una persona in difficoltà e poi magari muore, perché non era preparato per queste azioni (una volta è capitato anche a me, fortunatamente, dopo sono stato salvato anch'io). In casi come questi uno fa dei gesti dettati dall'emergenza, dall'incoscienza, dal coraggio o dall'abnegazione. Nel caso delle forze dell'ordine o dei soldati volontari si tratta di un lavoro che piace fatto il più delle volte per scelta, un po' rischioso perché hanno a che fare con le armi, ma credo che sia voluto. Lo stesso si può dire per i magistrati. Quelli condannati a vivere una vita non voluta, forse sono gli operai costretti a lavorare senza misure di sicurezza, gli schiavi, i rifugiati politici, i carcerati innocenti...
 
   
Odile_Genet
Odile_Genet il 24/05/13 alle 14:17 via WEB
Questa è una vecchia questione, ad esempio quando si parla dei caduti in Afghanistan, beh parliamo di gente che si è arruolata volontariamente e che oltretutto percepisce qualcosa di più a livello economico proprio perché si conoscono i rischi cui queste persone sono soggette ; ma guai a dirlo ai diretti interessati! se invece un operaio muore fulminato su un cavo dell'alta tensione, pazienza, l'incidente viene liquidato come pura fatalità.
 
     
delego.in.te
delego.in.te il 25/05/13 alle 11:30 via WEB
Ieri ho parlato con un ragazzo di 23 anni che è nell'esercito, per poi fare il concorso nella Guardia di Finanza. Non so che tipo di passaggi sono. Mi diceva che lui è andato in missione in Afghanistan, ma non è che lui ci volesse andare a tutti i costi, anzi, ma se si fosse rifiutato, non avrebbe più potuto rincorrere il suo obiettivo che è quello di passare alla GdF e restare in Italia. Non la sapevo questa cosa. Ci sono anche persone che lo fanno per arrivare al famoso posto fisso.
 
     
Odile_Genet
Odile_Genet il 25/05/13 alle 14:34 via WEB
Quelle le posso capire, c'è un prezzo da pagare per ogni cosa.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Presentata al contest sul blog GRAPHIC_U'