Creato da: lightfantasy il 12/10/2006
Il cantuccio della mia passione

Tag

 

Area personale

 

Cesare

 

Creative Commons License 
Le foto e i testi
di questo blog
sono pubblicati
sotto una
Licenza Creative Commons.

 

FACEBOOK

 
 

tracker

 

Skype: cesare_lightfantasy

 

Ultime visite al Blog

a.pareschiibiscusrosadotaodANy60jackDONNADISTRADApierousa1unamamma1laformadellesseremtomasspiumarossa70giuseppinameolamarcoroma12hugopatdacia0mad.venditti.41
 

F. Guccini

ADDIO!

io dico addio a tutte le vostre cazzate infinite,
riflettori e paillettes delle televisioni,
alle urla scomposte di politicanti professionisti,
a quelle vostre glorie vuote da coglioni...
E dico addio al mondo inventato del villaggio globale,
alle diete per mantenersi in forma smagliante
a chi parla sempre di un futuro trionfale
e ad ogni impresa di questo secolo trionfante,
alle magie di moda delle religioni orientali
che da noi nascondono soltanto vuoti di pensiero,
ai personaggi cicaleggianti dei talk-show
che squittiscono ad ogni ora un nuovo "vero"
alle futilità pettegole sui calciatori miliardari,
alle loro modelle senza umanità
alle sempiterne belle in gara sui calendari,
a chi dimentica o ignora l'umiltà...
Io dico addio a chi si nasconde con protervia dietro a un dito,
a chi non sceglie, non prende parte, non si sbilancia
o sceglie a caso per i tiramenti del momento
curando però sempre di riempirsi la pancia
e dico addio alle commedie tragiche dei sepolcri imbiancati,
ai ceroni ed ai parrucchini per signore,
alle lampade e tinture degli eterni non invecchiati,
al mondo fatto di ruffiani e di puttane a ore,
a chi si dichiara di sinistra e democratico
però è amico di tutti perché non si sa mai,
e poi anche chi è di destra ha i suoi pregi e gli è simpatico
ed è anche fondamentalista per evitare guai
a questo orizzonte di affaristi e d'imbroglioni
fatto di nebbia, pieno di sembrare,
ricolmo di nani, ballerine e canzoni,
di lotterie, l'unica fede il cui sperare...

Nell'anno '99 di nostra vita
io, giullare da niente, ma indignato,
anch'io qui canto con parola sfinita,
con un ruggito che diventa belato,
ma a te dedico queste parole da poco
che sottendono solo un vizio antico
sperando però che tu non le prenda come un gioco,
tu, ipocrita uditore, mio simile...
mio amico...

 

Tina... una fragil vida

 

immagine

 

Edward Weston

immagine
 

HCB

immagine

 

Minor White

immagine
 
Citazioni nei Blog Amici: 17
 

Ultimi commenti

Complimenti! Proprio un bel angolo di web. Felice Vita da...
Inviato da: dorino1
il 29/03/2009 alle 16:29
 
Ehi, maquando torni, grande orso?! ;-))
Inviato da: mahamata
il 16/12/2008 alle 19:20
 
Torna presto!ciao
Inviato da: laformadellessere
il 26/06/2008 alle 02:04
 
premio dieci e lode da parte mia perchè sei:fotografo...
Inviato da: principessapersiana
il 04/06/2008 alle 22:50
 
che colori questa foto!!
Inviato da: SKYLABB
il 02/06/2008 alle 22:13
 
 

"Quando tu sarai..."

Quando tu sarai vecchia e grigia,
col capo tentennante
ed accanto al fuoco starai assonnata,
prenderai questo libro.
E lentamente lo leggerai, ricorderai sognando
dello sguardo che i tuoi occhi ebbero allora,
delle loro profonde ombre.
Di quanti amarono la grazia felice
di quei tuoi momenti
e, d'amore falso o a volte sincero,
amarono la tua bellezza.
Ma uno solo di te amò l'anima irrequieta,
uno solo allora amò le pene del volto tuo che muta.
E tu, chinandoti verso le braci, sarai un poco triste,
in un mormorio d'amore dirai,
di come se ne volò via...
passò volando oltre il confine di questi alti monti
e per sempre poi il suo volto nascose
in una folla di stelle.

 

Branduardi canta Wiliam Butler Yeats

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

 

 
« Messaggio #137Messaggio #139 »

Post N° 138

Post n°138 pubblicato il 06 Ottobre 2007 da lightfantasy

AMOR
"ner core"

Foto: cesare

Ho gli occhi sempre colmi di stupore quando torno nella mia città, eppure ci son cresciuto tra quelle mura antiche, che da millenni si stagliano orgogliose contro il cielo. Ma ancora riesco ad emozionarmi... ad ammirare... come quando ero bambino e da bambini, si sà, tutto sembra più grande, maestoso... inarrivabile...

Foto: cesare

...e mi domando per quale inspiegabile miracolo, tanta bellezza sia radunata assieme, che non basterebbe una vita per gustarla tutta,
una bellezza che anche le statue non possono far a meno di ammirare, sembra piuttosto, che alcune di loro siano in realtà viandanti rimasti impietriti alla sua vista...

Foto: cesare

...all'ombra dei suoi pini mi son fermato spesso, accarezzato da una nota brezza, per riposare un poco tutti i sensi, per le ore di cammino e di visioni...

Foto: cesare

...ma non c'è pace per gli occhi nella mia città
non c'è un posto che non ti commuove,
specie quando lo spettacolo dell'arte si mesce in quel della natura...

Foto: alessio

...Eterna e affascinante, nei cromosomi...
inaspettatamente
cadrai preda ...del suo richiamo.


...E allora capirai che quella pena
non viene solo delle tue radici,
e anche se lo senti così forte
non assomiglia a un canto di sirena,

è un coro millenario d' anime, è un Gloria,
che sembra di parole dirne molte
a te che ora le senti, a te che dici
...che quella sua è
la voce della storia.
cesare

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog