Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraLalla3672bagio590amabed_2016ginowaQuartoProvvisorioMichepgadrianotessavirginio.fustinonipagotto.carnifioreoresteassociazioneaniopafedele.belcastrogunsmoke1lady_violablu
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Al servizio della cittàChi vivrà vedrà (3) »

Si accettano collaborazioni alla stesura finale

Post n°411 pubblicato il 26 Settembre 2017 da fedechiara
 

Radio tre, l’ammiraglia culturale della Rai-radiotelevisione italiana a cui resto legato malgrado le derive da centro sociale di alcune sue trasmissioni, manda in onda, in veloce sequenza, lo psicodramma di molti radioascoltatori orfani delle sicurezze su una linea di continuità dell’affluenza immigratoria già spezzata da Minniti – e, oggi, dal successo elettorale dell’Afd. Segue una interessante trasmissione sui viaggi spaziali e sul programma Mars1, a cui ci si può ancora iscrivere (carenza di vocazioni) se si desidera emigrare colà senza prospettive di ritorno.
E la mente va al bel film di fantascienza di un regista norvegese che sceneggiava il viaggio di un ‘barcone’ spaziale di ben cinquemila persone che si risvegliano troppo presto – e ne nasce il dramma e noleggiatelo e guardatelo con interesse fino alla fine, il futuro è appena cominciato.
E, sempre sulla falsariga narrativa di quel film, potremmo ipotizzare una soluzione alla possente spinta immigratoria che ci affligge deviando verso un programma spaziale innovativo gli aiuti che diamo alla Libia e agli altri stati africani che arginano canagliescamente le partenze dei barconi – così iniziando una promettente colonizzazione del cosmo e le simulazioni di una vita possibile in altri pianeti.
E’ vero che, così facendo, si rischia di consegnare all’islam dei migranti spaziali la colonizzazione dell’universo, ma vedi mai che, responsabilizzandoli, quei dessi non ci consegnino un futuro impero galattico depurato degli imbecilli ‘allah u akbar’ responsabili di tante morti e assassinii in Europa e nel mondo violento della presente era in cui ci è dato di vivere.
Tranquilli, miei adorati buonisti immaginari, è solo una ipotesi narrativa con parecchie difficoltà di intreccio. Si accettano collaborazioni alla stesura finale della sceneggiatura.

Un film di Morten Tyldum con Jennifer Lawrence, Chris…

 
 
 
Vai alla Home Page del blog