Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

Va.nyg1b9deborahdr.borgoc.mazzella_1935soldani2009fedechiaraguido121giuseppe_centanniReveSportyDogsmassalilianafabiomalboannalisavanni1Terzo_Blog.Giusatapogiornis
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Elmi e cilindri. Stringi...Mitiche iconografie obsolete »

Trascendenze e dintorni

Post n°492 pubblicato il 15 Maggio 2018 da fedechiara
 

 

 

 

Ieri accadeva 15 maggio 2017

Giulio Verne ce lo ha insegnato: laddove esistono fantasie e narrazioni di '20000 leghe sotto i mari' e/o 'Dalla Terra alla Luna', di lì a poco avremo i sommergibili a propulsione atomica e 'il primo uomo sulla Luna' che vi pianta la bandiera degli Stati Uniti d'America. E la prossima missione spaziale ci dirà se quella bandiera davvero è stata infissa nel terreno lunare o se – come sostengono i complottisti di internet – è stato tutto confezionato negli 'studios' cinematografici di Hollywood per contrastare miseramente la supremazia dell'Unione sovietica nelle conquiste spaziali.

Ma quanto mi interessa farvi notare è che, se 'Trascendence', - il film con J. Deep andato in onda ieri sera su rai movie – oggi ci parla di intelligenza artificiale che fa aggio sulla nostra morte corporale prossima ventura, quelle fantasie narrative preludono, di qui a breve, a cose che noi umani del presente preistorico solo faticosamente e confusamente immaginiamo, ma saranno realtà concrete e vivibili di eternità e sopravvivenze virtuali quali le leggende religiose più spinte non hanno saputo realisticamente immaginare e predire. 
Il film naufraga, nel finale, nei soliti stereotipi cinematografici di buoni contro cattivi e timori panici di 'grandi fratelli' - sempre loro - che prendono tutto il potere, e ci aspettavamo di più di tanta melensaggine e storia d'amore strappalacrime in un film che ipotizzava e basava la sua narrazione primaria su un futuro di tecnologie avanzatissime capaci di maneggiare nanotecnologie in grado di inverare quelle cose che oggi diciamo 'miracoli' - e ne diamo piena ed esclusiva gestione ai papi e ai cardinali e ai preti delle benedizioni e santificazioni di Lourdes e di Fatima, che tristezza!

Ma la cosa positiva è che la Storia è 'galantuoma' e, seppure mescola bassezze e stupidaggini preistoriche nel presente caos che ci avvolge - e nel quale fatichiamo a districare le cose vere e buone e giuste dal miserabile impasto di menzogne e cretinerie da sacrestia – alla fine ci consegna le narrazioni giuste e vere dei sommergibili a propulsione nucleare e i missili e le stazioni spaziali orbitanti e le spedizioni spaziali sulla Luna o su Marte e chissà dove. 
Peccato non esserci e nutrire legittimi dubbi su una mitica resurrezione virtuale i cui particolare realistici e realizzabili ancora ci sfuggono – e meglio sarebbe stato farne un documentario scientifico piuttosto che un film dal nome pretensioso di 'Trascendence'.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog