**TEST**
Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

iza26QuartoProvvisoriofedechiaramichele_soriavalpamrtmatcarletto060iamsalvo2016Joker_Jolly2012il_tempo_che_verragrabriel62hlafenicedgl12madda290lordjim2006ARTEABLU
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Non tutto è perduto. In ...Verità in tasca che esondano »

Brevità indiscutibili.

Post n°1117 pubblicato il 19 Gennaio 2020 da fedechiara
 

 

E' ben vero che facebook è il luogo dei 'pensieri corti' e un filo asfittici, ma meno di twitter – che obbliga ai 140 caratteri: elogio della massima brevità e dell'assioma apodittico dei politici di professione con quei loro 'hashtag' cretini da tre palle un soldo (ma sarebbero più adatti i cachi molto maturi).

E, tra i 'pensieri corti' e asfittici presi a prestito da qualcuno più bravo di noi a costruire immagini e didascalie e a pubblicarle per averne i 'mi piace' a milioni, noto un vecchio bianco per antico pelo che ponza una sua riflessione zen da mente profonda e dice: 'Non sempre chi tace acconsente. Talvolta è che non ho voglia di discutere con degli idioti.' 
Proposito lodevolissimo e condivisibile, che ci suscita la curiosità di sapere chi sono gli idioti in questione e per quali ragioni occulte e messaggi trasversali quel link appaia su profili dove non si legge uno straccio di dibattito o di polemica civile o di opposti pareri politici e/o sociali, bensì le ridevoli e giocose cose di buontemponi/e allegroni/e il cui cervello è 'in tutt'altre faccende affaccendato' - come scriveva il Giusti - 'e a queste cose morto e sotterrato'.

Ma, si sa, una battuta ad effetto e un'invettiva urbi et orbi e malandrina non si nega a nessuno e, se tanto basta a metter quei dessi in pace con la loro fragile e piccolissima coscienza civile: 'Chi sono io per giudicare?' - come si interrogava sui gay l'ottimo Francesco-santo subito prima che i suoi vescovi gli giocassero il tiro mancino di plaudire al 'Family day' contro la legge-Cirinna. Trullalà.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog