Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

la.cozzaDesert.69immobiliare.grassodomenico.disantosimona_77rmanmicupramarittimafedechiaraLemans83galloceramiche.1997ITALIANOinATTESAmonellaccio19karma580valentinac10Sono44gattinfilax6.2
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Del pugnare e menar fend...Dell'esprimere i propri voti »

La matematica di Facebook.

Post n°1356 pubblicato il 20 Settembre 2020 da fedechiara
 

La matematica di Facebook.
Ci sono equazioni per ogni matematica e, se volessimo cercarle, ne troveremmo anche nella matematica nascosta di Facebook – con tutto quel ruotare insensato e che stordisce di persone-astri che stanno a guardare, come le stelle del noto romanzo di A. Cronin.
E quelle equazioni ci aiuterebbero a capire se quella massa (di persone) produce energia e al quadrato di quale velocità oppure se quell'universo è statico e noioso e, dopo un po', ci stufiamo un po' tutti di guardare le stelle che ci stanno a guardare e chi è amico di quale altro amico e cosa gli piace e come evolve la sua pretesa (o effettiva) intelligenza e chi s'è visto s'è visto.
E nel guardare le foto di un matrimonio recente mi è venuto da pensare al quadrato della distanza cosmica che si è venuta a creare tra me e le mie orbite celesti e le orbite un amico che non è più amico, ma lo resta nell'universo parallelo di un Facebook quantistico dove la particelle non trovano confine temporale e vi è costante simmetria tra passato e presente.
Perché è di questo che parleremo nel futuro, perfino al di là di 'sora nostra morte corporale' – che, come dice Parmenide, è una illusione e l'Essere è di là del Tempo; oppure è nel tempo quantistico dove le sliding doors degli eventi si aprono e si chiudono a sorpresa su fatti lontani del nostro passato che fatichiamo a riconoscere nostri, mannaggia.
Mi sa che farò una capatina nell'Ade a cercare l'Ombra Vagante di Einstein e gli chiederò lumi in proposito. Poi torno e vi sorprendo tutti con una nuova, elegantissima equazione risolutiva – e la pubblicherò sul mio profilo.

 

  • L'immagine può contenere: testo

 
 
 
Vai alla Home Page del blog