Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiarau2simonegioacchinoruoccoGinevra_2021drilly69edilmaremillye58soloxte79alodacesarecanepuccia123stefaniazamponisandrino_inoElsa_Gipponisurfinia60
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Medie comparatePasque (basse) di ieri »

Del cambiare scuola e mondo.

Post n°1583 pubblicato il 17 Aprile 2021 da fedechiara
 

Del cambiare scuola e mondo.
Ho scoperto, con sommo dispiacere, che non potrei esercitare il nobilissimo mestiere delle intelligenze da scoprire e formare nelle scuole di ogni ordine e grado. Di certo non nelle scuole delle 'banlieues' parigine e/o nei dintorni di Moellenbeck, l'enclave islamica di Bruxelles famosa per essere stata grembo e tana degli assassini di seconda generazione 'radicalizzati sul web' negli anni tragici 2015/16 e serpi in seno di Europa, madre troppo accogliente e incapace di integrare e assimilare le diverse culture di importazione.
A dirmelo è stata la visione del bel film 'Il professore cambia scuola', (ieri su rai3). Un film davvero realistico, a parte l'agiografico e speranzoso finale, nel quale ben si descrivono le riottosità e i rifiuti dei programmi scolastici di quel melting pot umano apparentemente ingovernabile che esce a fiumi dalle periferie urbane delle città di Francia.
Non potrei/saprei accettare la mancanza di rispetto per 'i prof' come si mostra nel film, non riuscirei ad esprimere la necessaria empatia verso allievi sciatti e volgari e perfino animosi e pronti allo scontro, fin fisico, con il docente incattivito.
Tutto questo è ben descritto nel film citato e non molto diversamente, credo, si descriverebbe in un film di uguale sceneggiatura che ci parlasse delle difficoltà che hanno 'i prof' americani nelle loro periferie violente.
E' un tragico quadro epocale quello che ci viene da quelle sceneggiature cinematografiche, una descrizione e relativa predizione di tutto quanto può accadere e accadrà in un futuro molto prossimo nell'Europa e nell'America delle troppe cronache di rivolta e di violenta contrapposizione ideologica e culturale.
L'ingovernabilità di un auspicato 'ordine pubblico' è la vera cifra del futuro, vuoi per i virus pandemici che fermano le economie che per quelle 'viralità' maledette che erompono dal cuore di tenebra degli uomini e delle donne figli di un mondo rotto e profughi e clandestini a milioni di difficilissima integrazione e assimilazione.
Fermate il mondo voglio scendere.Su Rai 3 Il professore cambia scuola, commedia drammatica sull'istruzione in periferia

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog