Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaramarettina1958Stratocoverschampagnedgl3luigidonniciaquilablu80vita.perezflashgordon262ghedo.ghedogabriella.tamburellojjdgl18rifbluforddissechepierluigi64pcfc.calligaro
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Il sipario necessarioViaggi ed altri viaggi. »

Barabba e le streghe

Post n°1589 pubblicato il 22 Aprile 2021 da fedechiara
 

Non c'è solo il rischio di vedere mandato assolto Barabba e condannato Gesù.
C'è il rischio – che rischio non è bensì narrazione quotidiana delle cronache – che i giudici e le giurie vengano pesantemente condizionati dal 'sentire popolare' e/o dalla 'narrazione dominante' o 'clima sociale', chiamatelo come vi pare, avete inteso la sostanza.
E, se oggi la narrazione dominante ha carattere 'buonista' e a difesa delle clamanti minoranze e delle donne, ieri mandava al rogo le supposte streghe per malanimo personale dei vicini e il sentito dire di pozioni e calderoni e amplessi con il diavolo - ricordiamoci il processo alle streghe di Salem, per citarne uno.
Un giudice che emette sentenza di condanna sotto schiaffo dell'opinione pubblica non è un buon giudice, ne converrete. Di certo non vorreste essere voi gli imputati di un fatto che non avete commesso, ma, fuori dalle aule di giustizia si alzano chiari i cori di 'Crucifige! Crucifige!' e Pilato se ne lavò le mani e così i giudici americani sotto schiaffo delle manifestazioni – sempre violente se la sentenza è avversa o non sufficientemente punitiva.
E Grillo ha sbottato e sbracato in video e in voce, d'accordo, e il suo Movimento ci ha deluso per il suo stringere i patti del diavolo con il pd di s-governo, ma guai a comminargli la pena che colpirà suo figlio innocente (per i tre gradi del giudizio, ricordate?), se nelle aule di giustizia in cui verrà giudicato si giudicherà sotto schiaffo del sentire buonista e del pregiudizio, oggi dominante, che vuole ogni donna accusatrice dire il vero e il suo stupratore e' sempre colpevole a prescindere.
Nelle aule di giustizia si analizzano i fatti, si ascoltano i testimoni, si ascoltano le arringhe difensive e quelle dell'accusa e il nostro cruccio è che, ciò malgrado, la verità è spessissimo denegata e negletta da giudici non all'altezza del loro compito di 'fare giustizia' – rivedetevi il film delle 'stragi di stato', giusto per rinfrescare le stanche memorie.
Ma guai a cedere sui principi di una antica (e fragile) civiltà giuridica, guai a far entrare il sentire politico nelle aule di giustizia, guai a gridare 'Crucifige!' sui social perché Grillo lo detestiamo - e a pagare sarà quello sventato del figlio.
Siete (quasi tutti) genitori, mettetevi nei suoi panni e recitate il suo dramma personale come fosse il vostro. Forse non userete toni diversi e migliori.
Processo alle streghe di Salem - Wikipedia
Processo alle streghe di Salem - Wikipedia

 
 
 
Vai alla Home Page del blog