Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaramarettina1958Stratocoverschampagnedgl3luigidonniciaquilablu80vita.perezflashgordon262ghedo.ghedogabriella.tamburellojjdgl18rifbluforddissechepierluigi64pcfc.calligaro
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Viaggi di ieri.Fermate il mondo voglio ... »

S'avessi io l'ale...

Post n°1605 pubblicato il 04 Maggio 2021 da fedechiara
 

San Antonio de los Cobres - 28 marzo 2019
E il 'tren de las nubes' poteva diventare percorso ferroviario altrettanto mitico quanto la transiberiana, ma il progetto si è arenato sui costi da sostenere per estendere il viaggio fino alle vette coloratissime di questi altopiani delle meraviglie e per costruire gli alberghi per il pernottamento – e forse è stata una grazia fattaci dagli dei del paesaggio; quegli dei che gli avi individuavano nelle grotte e nei pertugi dove il vento canta, come avveniva ai marinai di Ulisse dentro alle grotte marine e le popolavano di ninfe e Nereidi e ne nutrivano i sogni mentre la nave dondolava sul mare azzurrissimo e trasparente e fitto di coralli fossili.
E il villaggio di san Antonio de los Cobres è meta di un turismo asfissiante e provo a immaginarmi che cosa avvenga e quanta gente vi si raccolga tra queste basse case e il mercato di carabattole tipiche il primo di agosto, quando vi si festeggia la 'Pachamama', fantasiosa divinità della tartassata Madreterra, asfissiata dai sette e passa miliardi di androidi turisti che siamo e che viaggiamo e modifichiamo i paesaggi e ci facciamo i selfie che sostituiscono le offerte alle divinità ormai scomparse e dimenticate.
E tuttavia la luna bussa ancora sopra i monti e sopra gli affanni e le miserie degli uomini e delle donne e, quando torreggia piena sopra il monte, fa la sua porca figura di grande satellite capace di influenzare le maree e di dare specialissimo segnale ai coralli di riprodursi con nubi di uova e sperma che imbiancano il blu notte abissale.
E, forse, la Luna influenza anche i sogni – non solo quelli dei licantropi - e ci ricorda quanto siamo piccoli e insensatamente formicanti sopra un pianeta che non meritiamo di abitare.
E viene in mente il finale del Canto di pastore errante per l'Asia:
Forse s'avess'io l'ale
Da volar su le nubi,
E noverar le stelle ad una ad una,
O come il tuono errar di giogo in giogo,
Più felice sarei, dolce mia greggia,
Più felice sarei, candida luna.
O forse erra dal vero,
Mirando all'altrui sorte, il mio pensiero:
Forse in qual forma, in quale
Stato che sia, dentro covile o cuna,
E' funesto a chi nasce il dì natale.
Funesto? Beh, dai, Giacomo, non esageriamo. Qualcosa di buono riusciamo sempre a cavarci da questo nostro transito mortale, al di là delle guerre, le malattie, le carestie e le migrazioni di massa.
Pensa al cibo, all'amore e, perchè no? all'infinito viaggiare.


 
 
 
Vai alla Home Page del blog