Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraOsservatoreSaggioCC200043tempestadamore_1967deliaemmeprefazione09GirlWithSecretnortermarco_1962_mcostalibromassimiliano650misteropaganoletizia_arcuriQuartoProvvisorio
 

Ultimi commenti

Grazie. :-(
Inviato da: fedechiara
il 13/09/2021 alle 16:42
 
Avrei voluto leggere anche questo articolo tra i tanti. I...
Inviato da: misteropagano
il 11/09/2021 alle 13:39
 
La tenerezza, al pari della gentilezza, dovremmo sempre...
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 11/08/2021 alle 12:52
 
Era una domanda retorica, mia brava Fanny, ci siamo...
Inviato da: fedechiara
il 11/08/2021 alle 11:34
 
"Io donna" č un buon settimanale, gli...
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 11/08/2021 alle 09:11
 
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Ragione e sentimento.Difficili tecniche socra... »

Difficili tecniche socratiche.

Post n°1758 pubblicato il 14 Settembre 2021 da fedechiara
 

Difficili tecniche socratiche.
Convincere è la cosa più difficile del mondo. Significa 'portare a sé', dalla propria parte, - politica o anche solo il prendere fazione su di un semplice argomento specifico - chi ci è avverso.
E non c'è modo, neanche ricorrendo alle tecniche retoriche di Socrate, di trovare i percorsi, individuare i complessi percorsi neuronali e le laboriosi sinapsi, che hanno portato il tuo interlocutore a fissarsi su una tesi, una politica, un partito che, sulla scena pubblica, 'ne combina di tutti i colori' (arcobaleno), incurante delle conseguenze – a volte devastanti – sulla vita sociale.
Mi è capitato di 'incrociare i ferri', di recente, con una amica di lunga data – con la quale, peraltro, in anni lontani, avevo un 'idem sentire' su molte questioni di mala politica del nostro vivere associati - ed ero sorpreso che, sulla questione tragicissima dei cosiddetti 'profughi' e 'richiedenti asilo' che usano del grimaldello di una indebita pietas, organizzando scientemente i propri naufragi e pagando somme pazzesche ai criminali scafisti che li stipano nei gommoni o negli scafi che imbarcano acqua, la sua posizione fosse quella di una acquiescenza tranquilla, uno scontato acconsentire al durare di questa piaga biblica degli arrembaggi dei 'popoli del mare' di post moderno conio e disgrazia.
Organizzare il proprio naufragio. E' questo il concetto su cui si discute – si dovrebbe discutere animatamente e prendere posizione e stigmatizzarlo quale azione criminale che, se organizzata da me, da voi per un qualche recondito fine sarebbe oggetto di attenzione giudiziaria.
Ma se, a rovescio, lo fanno baldanti giovani tunisini di cui alla lettera aperta qui sotto indirizzata alla silente ministra Lamorgese nessuno si sogna di additarlo quale crimine e i soggetti in questione godono del costosissimo apparato italico di 'accoglienza' e assistenza sanitaria e libera migrazione tra le frontiere-Schengen, come è capitato al somalo dal coltello facile che non ha esitato a colpire un bimbo di sei anni, tra le altre sue vittime incolpevoli. (segue)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog