Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

abc234ABC234fedechiaraluciopegoraroonivodQuartoProvvisoriodomenico5826projectecnologie2010lucignolo7777777icavallidirossgerardoamendolav.pastoree_d_e_l_w_e_i_s_sDott.Ficcagliamadia1990worlord
 

Ultimi commenti

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Zuzzerelloni e 'risvegl...Quel mitico 'impasto di... »

A latere di ogni guerra.

Post n°2076 pubblicato il 03 Maggio 2022 da fedechiara
 

 

Il papa non ha molte divisioni militari con relativi panzer, come chiedeva preoccupato Stalin ai suoi, bensì ha un capitale diplomatico non indifferente da far valere – considerato che agisce in nome e per conto di Colui che tutto è Amore.

E Colui-che-tanto-ci-ama non vuole che i suoi Figli se le suonino di santa ragione con i migliori 'sistemi d'arma' in circolazione e si commettano, a latere di ogni guerra, gli atrocissimi crimini che impegneranno i bis nipoti dei giudici di Norimberga fino a tutto il 2050.

E l'attuale papa è simpatico e facondo, ma non sempre lucidissimo nelle sue analisi – e sono certo che il suo entourage di 'esperti di cose militari e politiche' preferirebbe che si contenesse e lasciasse fare a loro: la mitica 'diplomazia vaticana' gesuitica che agisce nell'ombra.

 

Ma tant'è. Francesco non lo imbriglia nessuno – fin dal tempo in cui minacciava di 'dare un pugno' a tutti coloro che si permettono di canzonare con disegni e vignette irrispettose le religioni del Libro, come avevano fatto i redattori di Charlie Hebdo. E lo diceva ai giornalisti con foga e senza troppo preoccuparsi delle conseguenze, a cadaveri ancora caldi e distesi sul pavimento nel luogo della orribile mattanza islamo-radicale.

 

E anche adesso, nel corso di una guerra ucraina fattasi 'devastante' e 'totale' (e, più avanti, forse 'nucleare'), dopo otto e più anni di latenza e di conflitto di bassa intensità che non trovava spazio sui giornali e nei telegiornali, il nostro Francesco si lascia andare a commenti poco misurati e parla di una Nato che 'abbaia' contro la Russia.

Una Nato, leggiamo tra le righe, corresponsabile di interessate istigazioni e di guerra per procura allo storico nemico russo e i suoi istruttori militari che addestrano i resistenti per 'indebolire e scalzare Putin'.

Tutti elementi che non favoriscono il pontefice nell'azione di pace clamorosa che vorrebbe lanciare recandosi a Mosca e pregando a mani giunte il Putin di fermare i suoi generali e di accettare la sua proposta di pace.

 

E l'immagine che resterà più a lungo nei pensieri nostri di lettori è proprio quell'abbaiare di un cane fastidioso e 'strarompi' che pretende di difendere il perimetro domestico latrando furiosamente contro chiunque transiti nella pubblica via. La perfetta fotografia della Nato aggressiva nei confronti della Russia che pretende di aggregare tutti i paesi della cintura ex sovietica e di piazzare i suoi missili puntati ad est, verso lo storico nemico.

 

Pollice verso ed occhio alle testate multiple termonucleari. Estote parati. Qui si fa la pace o si muore. Tutti, nessuno escluso, in una gigantesca fiammata che sale al cielo e lo oscura.

 

https://ilmanifesto.it/quante-sono-le-divisioni-del-papa

 

Carta di Laura Canali , 2017

 

 

 

 

https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/05/03/ucraina-il-papa-non-andro-a-kiev-ma-ho-chiesto-incontro-a-putin-la-sua-ira-facilitata-dallabbaiare-della-nato-alle-porte-della-russia/6578210/

 

Can che abbaia...La sindrome di Stranamore. 
CORRIERE.IT
L’economista Sachs: «Il grande errore degli Stati Uniti è credere che la Nato sconfiggerà la Russia»

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog