Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraidrotermicaeimpiantimagdalene57cassetta2surfinia60Lalla3672albertotonuccibeppe.sirmuLuigi.AnziniShirelLevimartellodgl13spalmierosnonnoinpensioneArianna1921pinacus
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Nuovi portali per le chi...Misteriosi accadimenti... »

Finchè la barca (e la nave) va...

Post n°2314 pubblicato il 14 Novembre 2022 da fedechiara
 

Finchè la barca (e la nave) va...

...e la nave delle nostre vite mortali va, traversando le molte tempeste e ristando beata a galleggiare nel sole riflesso dal mare delle isole tropicali.
Fuor di metafora, cari voi, un po' ce la siamo cercata questa tempesta ultima e 'perfetta'.
Definizione, quest'ultima, che piace tanto ai giornalisti 'mainstream' - per quanto l'adagio popolare ricordi loro che 'nessuno (e niente) è perfetto', men che meno le tempeste, che sono lo scatenamento distruttivo delle forze della natura e un vortice impazzito di aria ed acqua.
Ce la siamo cercata perché nessun metaforico dottore ci aveva ordinato di schierarci come un sol uomo a lato di Stoltenberg (nome omen), personificazione dell'arroganza bellicista della Nato, o di votare la Meloni forzatamente atlantista e attenta, troppo attenta agli equilibri internazionali, quando avevamo a disposizione, nelle urne, una rivoluzionaria Italexit di Gianluigi Paragone decisa a tirarci fuori dal manicomio Europa che ha votato le sanzioni contro la Russia con la stessa devozione di quel tale che, sull'incudine (metaforica) si martellava gli zedebei - e godeva come un riccio quando sbagliava il colpo.
Perché, vedete, questo nostro essere prudenti e rispettosi del negozio di cristalli in cui ci hanno rinchiuso è la causa prima del malessere che ci vede prudenti e spaventati nel regolare il termostato di casa a 18 gradi piuttosto che 19/20 per tema delle bollette stratosferiche – e fortuna vuole che il clima del pianeta, così sregolato e impazzito, a detta della Greta e dei suoi gretini, ce li mantenga in miracoloso equilibrio, quei pochi gradi, e ci basti un maglione, un pile e/o una coperta sulle spalle per sopravvivere in questa stagione all'inferno di una guerra internazionale per procura che stiamo eroicamente combattendo.
Della serie: 'Andate avanti voi, mitici combattenti delle cause perse, che a me mi vien da ridere.'
Chi vivrà vedrà e saprà se 'andavano per lottare, ma eran morti', come si recita nell'Orlando furioso.
E ci sarebbe anche l'esempio politico virtuoso di un Orban, leader ungherese, che si barcamena (torna le metafora 'nave' come vedete, e la nota canzoncina scema della Orietta Berti) a dirci che si può contrastare questa Europa di dementi politici con qualche deciso distinguo e il chiamarsi fuori dalle stringenti sanzioni che ci penalizzano e i troppi 'migranti' dell'affanno europeo pluridecennale fatti convinti – con i muri alle frontiere e la polizia che vigila severa – che 'tornare a casa' è verbo di pura sensatezza che accomuna Kamala Harris in visita (semi)presidenziale in Messico con il summenzionato Orban e con i leaders australiani che applicano in casa loro una severissima ed efficace politica di respingimenti e restano parte dell'Occidente ciò malgrado.
Exempla ed altri exempla. Il distinguo è sul 'volere' (che è potere) di una diversa politica.
Con il che si conclude che restare a galla timorosi, come fa il presente s-governo della Meloni Giorgia (che il Cielo ce la conservi), non ci mette al riparo dalle tempeste che verranno e che il moderatismo in politica non paga, non sempre, e che un'altra, più efficace, politica è possibile per questo paese di storica infamia politica e servaggi indebiti e non petiti.
Correva l'anno...
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog