Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

QuartoProvvisoriosalvo_costanzolorenzobortonegppearkdeluciamartellodgl13fedechiaraechesopasqualesamiautovetturedora.dorissportactionfratellieliamell88ivri98ilia.tambonemassimilianogra1976
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Pescato di stagione.Scuole di pensiero. »

Rivisitare le fiabe.

Post n°2327 pubblicato il 22 Novembre 2022 da fedechiara
 

Fiabe rivedute e corrette. La cicala e la formica: nuova versione.
(Ogni riferimento a fatti e persone realmente esistiti è puramente casuale.)
-Ecco la versione classica.
La formica lavora sodo tutta l'estate: si costruisce una casa e prepara le provviste per l'inverno. La cicala pensa che la formica sia una stupida: lei ride, balla e canta tutta l'estate. Una volta arrivato l'inverno, la formica è al caldo e ben nutrita. La cicala non ha né cibo né riparo e muore.
- Ecco la versione riveduta.
La formica lavora sodo tutta l'estate: si costruisce una casa e prepara le provviste per l'inverno. la cicala pensa che la formica sia stupida e ride, balla e canta tutta l'estate. Arrivato l'inverno, la formica è al caldo e ben nutrita. La cicala tremante di freddo organizza una conferenza stampa e chiede come mai la formica abbia diritto di stare al caldo mentre gli altri, meno fortunati, hanno freddo e fame. La tv mostra in diretta la cicala tremante di freddo e la formica nella sua casa confortevole. La gente è colpita dal fatto che in un Paese così ricco si lasci soffrire la povera cicala mentre altri vivono nell'abbondanza. Le associazioni contro la povertà manifestano davanti alla casa della formica. I giornalisti chiedono come mai la formica sia diventata ricca alle spalle della cicala e fanno interpellanze al governo perché aumenti le tasse della formica in modo che paghi la “sua giusta parte”. In risposta ai sondaggi, il governo fa una legge sull'eguaglianza economica e una legge (retroattiva all'estate) antidiscriminazione. La formica si vede aumentare le tasse e riceve anche una multa per non aver assunto la cicala come apprendista. La casa è messa sotto sequestro perché la formica non ha ormai più denaro a sufficienza per pagare la multa e le tasse. La formica lascia il paese e si stabilisce felicemente in Svizzera La tv mostra la cicala ingrassata mentre sta finendo le ultime provviste della formica. La casa della formica è ora divenuta alloggio sociale per la cicala ma sta andando in malora perché non viene fatta la manutenzione. Si rinfaccia al governo la carenza di mezzi. Si istituisce una commissione d'inchiesta che costerà 10 milioni di euro. La cicala muore di overdose: I giornali parlano di fallimento del governo a risolvere seriamente il problema delle ineguaglianze sociali. La casa viene occupata da una banda di ragni immigrati: il governo si felicita della diversità multiculturale del paese. I ragni organizzano un traffico di marijuana e terrorizzano la comunità.
(...poi venne il reddito di cittadinanza e, più avanti, la Meloni...)
Cicale&formiche 2012 | IL BLOG DI MANLIO COLLINO

 
 
 
Vai alla Home Page del blog