Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

Arianna1921fedechiaraChevalier54_ZArtalekneveleggiadra0vololowCavalieraErranteossimoraloveforever90QuartoProvvisoriofranz609Princejoint6stefanochiari666animasugVIOLA_DIMARZO
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Savonarola è tornato.Il ritorno del Corona virus. »

A settembre.

Post n°2789 pubblicato il 22 Settembre 2023 da fedechiara
 

Settembre, andiamo. 21 settembre 2020

Dovremmo smetterla di predire autunni caldi e perfino 'bollenti', come fanno i giornalisti da decenni a questa parte in tivù e sui giornali - che abbiamo smesso di comprare per la loro faziosa illeggibilità.
Quelli non sono gli autunni delle stagioni che incedono con discreta lentezza per lasciarci assaporare il buono di ognuna.
Quelli sono gli autunni degli uomini: di gente conflittuale e aggressiva, incasinata, riottosa e noncurante delle leggi e dei divieti che disciplinano il molto di cattivo che abbiamo dentro e ipotizzano un fondo di buono (il buon selvaggio) che, però, fatichiamo a far emergere.
E l'autunno che voglio, che cerco, è quello delle foglie che si colorano poco a poco e del clima frizzantino delle giornate brevi che annunciano il freddo che ricongelerà (per poco, d'accordo) i ghiacciai e terrà a bada i maledetti incendi, quasi sempre dolosi.
Lasciate stare il mio autunno e tenetevi i vostri, televisivi e giornalistici, caldi e bollenti e chissà che ne siate scottati e vi diate finalmente una calmata, come dopo ogni immane catastrofe.
Il mio autunno è quello che 'incede con lentezza indicibile', ma non ci 'dice addio', bensì: 'Levate gli occhi verso le chiome degli alberi che ingialliscono e arrossiscono poco a poco e lasciano spazio alla visione dei cieli d'inverno.'
Perché sono gli sguardi levati in alto quelli che ci riscattano e ci assolvono dalle nostre miserabili rissosità sociali e di branco e fazione.
Settembre, andiamo, è tempo di transumanze e visioni celesti.
  • Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963