Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaradr.emmeallen5031bisou_fatalg1b9Arianna1921Riamy55maremontycassetta2norise1mariasen1dronedjibaldolondrafrescaselvaamorino11
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Il peggio che mai muore.Distanze fatali. »

Smargiassate termonucleari.

Post n°2840 pubblicato il 23 Ottobre 2023 da fedechiara
 

La smargiassata di Kamenei di voler colpire Israele se non smette di bombardare Gaza non meriterebbe commenti se non fosse per l'evidenza della sproporzione dei mezzi militari Israele più U.S.A. in confronto all'armamento complessivo dell'Iran. L'Iran ha messo a punto la Bomba? Forse, chissà.
E' questo che lo spinge a mostrare i muscoli rachitici di piccola potenza regionale e a fare il gradasso?
Si suppone che le intelligence americana e israeliana abbiamo individuato da tempo i siti e i luoghi degli armamenti dei pretoni islamici in foia bellica che abbaiano alla Luna e che le azioni militari di risposta saranno chirurgiche e ridurranno subito al silenzio gli schiamazzanti sciiti.
Ma è ragionevole supporre anche che l'abbaiare alla Luna del cagnolino Iran abbia un altro scopo. Mi prendo io il carico da novanta di una guerra devastante per il mio paese sicuro come sono che, un attimo dopo, scenderanno in campo i mastini della Russia e della Cina nel fantasmagorico inizio della terza guerra mondiale. Termonucleare.
La prima e la seconda guerra mondiale ai loro inizi, al confronto, erano più 'gestibili' dalle diplomazie di quanto lo sia questo nuovo inizio bellico d'autunno. Prepariamoci, quindi.
La discesa agli Inferi mostra sempre l'incertezza del passo iniziale del protagonista sullo scalino che mena all'abisso e la giornata ottobrina è soleggiata e cantano i passeri sui rami, distogliendoci dai pensieri del cupio disolvi, ma gli scoppi laggiù, nel b... del c... del mondo che è il Medio Oriente, sono quotidiani e uno tira l'altro fino al Maggiore concatenante.
Tutto può cambiare in un attimo fatale, estote parati.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963