Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiarasofia112_2008QuartoProvvisorioenzo.segretarioraffi0brisighellapaolomaxcost1draculoossimoravilborg.dalessio64devidemanueWhite.White.Moonm19643orchidea.tiziana
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Perigliose traversate de...Verità, tragica dea. »

Pretese voci divine

Post n°1148 pubblicato il 14 Febbraio 2020 da fedechiara
 

Vox populi, vox dei?

L'esaltazione dell'idea di popolo e la sua 'sacralizzazione' data dalla Rivoluzione Francese. 
Il popolo che dà l'assalto alla Bastiglia e proclama l'uguaglianza, la fratellanza, la libertà quali valori universali e apodittici. Il popolo che uccide un re, ma più l'idea della sua sacralità e discendenza divina e la sostituisce con la propria. Vox populi, vox dei.

E quell'idea di sacralità e di 'infallibilità' del verbo popolare in politica passa attraverso il fuoco della seconda Rivoluzione, quella russa, quella della carrozzina che si rovescia sulla scalinata della 'Corazzata Potemkin e 'tutto il potere ai Soviet' – salvo constatare, qualche decennio più tardi, che i Soviet erano manipolati da un pugno di intellettuali e valenti oratori che passarono il testimone al famigerato 'Comitato Centrale' delle purghe staliniane e dell'assassinio di Trotsky.

Da allora è stata una continua china discendente. La democrazia rappresentativa, vincente sui soviet e sulle 'assemblee popolari', ha mantenuto viva l'idea del 'popolo sovrano' ma l'ha relegata nel gesto effimero e minimo dell'urna elettorale e delle statistiche e dei sondaggi. E all'elezione al parlamento possono partecipare i peggiori figuri della vita pubblica e comprarsi il voto col denaro e colle vane promesse che non sapranno/potranno mantenere.

E sappiamo che 'il popolo' è anche quello che ha sostenuto i nefasti di Peron e della sua bella che elargiva le briciole ai suoi 'descamisados' (e, per questo, la dicevano 'santa subito') e che una quantità di 'camicie rosse' popolari hanno fatto le barricate nel centro di Bangkok e versato per le strade litri di sangue, - così sostenendo una figura porca di loro leader politico che assomiglia tanto al nostro tycoon nazionale, Sua Infamia il Cavaliere Inesausto e 'perseguitato' dai giudici per le mille corruzioni della sua carriera di imprenditore rotto a tutte le peggiori alleanze 'politiche'.

E la statua de 'Il Popolo' -che sempre si deve rispettare perché 'sovrano' e investito della sacralità che fu dei re che ha defenestrato e ucciso- cade miseramente nella polvere dei suoi stessi delitti e delle sue infamie post rivoluzionarie e dei suoi errori marchiani ed erronee e miserabili scelte 'democratiche' - e non sorprende che il dipinto di Delacroix che effigia il popolo sulle barricate della Rivoluzione (notizia di ieri) sia stato offeso dalla scritta di una tale che ha inteso denigrarlo e ferirne l'immagine sacrale.

Perchè 'il Popolo' è anche quello che, vociante sulle piazze, dice libero (ed eleggibile al parlamento) un Barabba e manda morte un Gesù.

L'immagine può contenere: il seguente testo "VOX DOPULI VOX DEI 2"

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Nebbieedintorni/trackback.php?msg=14784152

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento