Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

ing.lisenaghenscia61greggiomassimofedechiaramilinidinosumma2201Mimmina2000abc234ABC234luciopegoraroonivodQuartoProvvisoriodomenico5826projectecnologie2010lucignolo7777777icavallidiross
 

Ultimi commenti

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Lampioni e rane.Pensieri tristi che si ballano. »

Tutto ben tenuto. Viaggi della memoria. (2)

Post n°2099 pubblicato il 25 Maggio 2022 da fedechiara
 

Tutto ben tenuto. Viaggi della memoria. (2)

E, se prendi il lago a sinistra in direzione di Chievolis dovrebbe, a un certo slargo della valle mostrarsi la punta del campanile del villaggio sommerso al tempo della costruzione della diga, ma stranamente, forse per serbare l'acqua in caso di ostinato protrarsi della siccità, niente affiora, nemmeno la croce sulla sommità a causa del livello metrico dell'invaso.
E la strada, valicato il torrente ridotto a un rivolo, mostra due ponti in ferro dall'ampia arcata che sono un inno ingegneristico alla forza dell'arco sottostante che li sostiene, ma si restringe, poi, fino alle dimensioni di una ciclabile, sospesa chissà come alla cengia che la sostiene precariamente sull'abisso.
Ed evito di guardare in giù perché una tale strada sembra un miracolo del precario permanere delle cose e l'augurio è che nessuno mi fronteggi perché, a marcia indietro, con lo sterzo da aggiustare ad ogni centimetro, cadere nella voragine è un grido lungo 500 metri ed uno schianto, ma quando arrivo allo slargo delle frazioni di Van e Clauz mi rendo conto che quel rischio non c'era.
Abbandono. Un pugno di case chiuse e vuote di vita. Ballatoi sospesi di vecchie case che sono la fotografia virata in seppia delle mie colonie montane di settanta e più anni fa, tra le quali, però, la vegetazione ancora non ha ancora ripreso il suo spazio prorompente di foresta ricca di verzure diversissime e la ragione la vengo a sapere da una signora del paese prossimo.
'Tutto chiuso e case vuote a Van. Un villaggio fantasma.' le dico, affacciato al finestrino della macchina. Mi guarda in tralice e risponde piccata: 'Si, ma tutto ben tenuto.'
Come se la salvezza sul Tempo che tutto si mangia e svuota le case e riempie le tombe fosse contenuta in quel suo distico friulano di ostinata cura di quanto sopravvive: 'Tutto ben tenuto.'
L'eternità degli avi nostri, avrebbe scritto Pier Paolo.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante natura
  • 'Tutto ben tenuto'.
    Potrebbe essere un'immagine raffigurante natura e albero

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Nebbieedintorni/trackback.php?msg=16306129

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento