Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiarasurfinia60QuartoProvvisorioKevinYaoing.canalegaspareossimorasportautomotoaracnoid.999labrunetteflorence0AliNasir.386bubriskacassetta2StefanoP.74geom.massimobracco
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 07/12/2023

Il vento della collera.

Post n°2907 pubblicato il 07 Dicembre 2023 da fedechiara
 

Il vento della collera. - 07 dicembre 2015

Aux armes, citoyens! L'esortazione rabbiosa e militaresca della Marsigliese è stata la colonna sonora della 'débacle' parigina del 13 novembre appena scorso e oggi viene rilanciata in cronaca dalla notizia che 'il vento della collera' ha prodotto il suo primo risultato elettorale di gran peso: la nettissima affermazione, alle amministrative, del 'Front National' capeggiato dalla famiglia Le Pen: nonno, figlia e nipote – tre generazioni a confronto e un futuro, nazionale ed europeo, davvero nebbioso e di 'malaise' e 'étourdissement' diffusi e nessun segno, a parte i tardivi blitz dell'antiterrorismo nei covi degli jiahdisti, che la nostra bella Europa tornerà presto a specchiarsi nell'Inno alla Gioia delle sue origini.
Aux armes, citoyens. E davvero il Front National, dopo quel 13 novembre assassino, sembra essere una 'arma impropria', un bastone e una picca impugnati da quel popolo che sprezzavamo delle 'chiacchiere da bar' scambiate davanti a un 'Pastis' (e le dovremo rivalutare e tenere, da oggi in poi, nella debita considerazione) nei bar e nelle osterie dei piccoli paesi e delle cittadine sonnacchiose della 'douce France' che guardano alla capitale stordita e offesa e blindata come a un tradimento, un abbandono dei valori fondanti la 'Republique', un corpaccione sempre più estraneo – con tutte quelle 'banlieues' fuori controllo e la polizia che preferisce non metterci piede se non a stragi avvenute e l'emergenza sempre inseguita e mai prevenuta.
E i partiti della destra moderata e la sinistra dei socialisti al lumicino pensano già di 'fare argine' al ballottaggio e allearsi - una malata e indifendibile 'santa alleanza' - per impedire la consacrazione del Front National quale 'partito di governo' e la speranza è che falliscano e che il bastone, l'arma impropria impugnata dal popolo scenda pesante su quelle teste malate, su quegli inetti uomini di s-governo che solo le stragi ripetute – Charlie, Copenhagen, il Bardo - hanno 'risvegliato' dal torpore.
E, ad ascoltare la cronaca del conduttore di 'Prima pagina' di oggi mi avvilivo e scuotevo la testa al risuonare delle parole asfittiche che pronunciava e ai particolari in cronaca che evidenziava il giornalista de 'la Stampa'. Un giornalista 'di sinistra' dai neuroni refrattari agli antibiotici del comune buonsenso che azzardava una vera e propria arrampicata sugli specchi e insisteva a voler segnalare agli ascoltatori, dall'alto della sua spocchia, che il Front National è un partito fascista, un pericolo per la democrazia - ma non osava dirlo perché l'etichetta della trasmissione glielo impediva e, a denti stretti, teneva a freno la sua imbelle faziosità e il suo disappunto per quella vittoria largamente annunciata.
Gli dei che accecano chi vuol perdere e, da molto tempo ormai, hanno 'perso il lume della ragione' e del buonsenso comune posti di fronte a un mondo rotto ed esploso che scaglia le sue schegge impazzite dentro i confini di Schengen - e le sue frontiere sud ridotte a un colabrodo e milioni di profughi che vi premono per entrare e i governanti che pagano miliardi di euro ad un autocrate islamico per arginare la piena che essi stessi hanno favorito e incoraggiato.
Tutti a casa. Un'altra politica è possibile ed urgente.

 
 
 

Dance with me. Passati di cottura.

Post n°2906 pubblicato il 07 Dicembre 2023 da fedechiara
 

Diario in pubblico. Passati di cottura. L'ultimo vals a Venezia. 07 dicembre 2020

Il tempo che tutto muta e disfa fa il suo lavoro sporco e, se qualche anno fa qualcuno mi diceva che somigliavo vagamente al vecchio Nicholson, oggi lo specchio - complice un taglio di capelli infelice - mi rimanda l'immagine di un Mao Zedong grigio e imbolsito e pronto per l'imbalsamazione rituale.
E il Covid ci mette del suo, col rinchiuderci ai domiciliari e farci passare la voglia di darci una ripassata e rifilare le barbe e i baffi e spalmare un filo di crema sui visi giusto per spianare le rughe e presentarsi nelle milonghe appena passabili per un ultimo vals.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963