Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

lippoconiglioandrea.bonucciZu_CaloLady_Burtonpentacooperativamats692amariorigfedechiaradavid2600Sinceraf9assia1946antecristo3f.calioannabellamainiNoRiKo564
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 02/09/2020

Candele che si spengono e voltagabbana

Post n°1342 pubblicato il 02 Settembre 2020 da fedechiara
 


2 settembre 2019 · A settembre

Spengiti, spengiti breve candela! La vita non è che un'ombra che cammina, un povero commediante che si pavoneggia e si agita, sulla scena del mondo, per la sua ora, e poi non se ne parla più; una favola raccontata da un idiota, piena di rumore e di furore, che non significa nulla.
Macbeth: atto V, scena V

E sarà perché, al volgere di settembre, la nostra mente registra il cambiamento e il diverso orizzonte di futuro (settembre, andiamo, è tempo di migrare) che i miei pensieri ristanno sul nulla che si fa in questo paese malato di indecisione e prossimo al coma - e gli incubi immigratori che perdurano e l'Europa con le sue stelle stampate sulla banderuola che 'sta a guardare'; e uno che è passato da destra e sinistra in dodici secondi netti con gli sconci ammiccamenti al pd in pubblico parlamento può dire: 'Non sono un uomo per tutte le stagioni.' senza che una risata colossale lo travolga e volino pomodori marci e uova al suo indirizzo?

E, ad ascoltare i tiggi e i resoconti di stampa che danno per scontato lo s-governo fortissimamente voluto dalla Merkel e dal Grillo rinnegato - che teme di vedere la sua creatura scomparire nei gorghi delle elezioni prossime venture - ti coglie quel conato di pensiero shakespiriano che afferma che tutto è: 'Rumore e furore che non significano niente.'

E mi aggiro per le stanze riordinando il troppo di tutto che offre il mondo nel suo orbitare intorno alla stella fissa del Caos e mi passano per le mani i depliants delle mostre d'arte e delle esposizioni e dei films che si presentano sul 'red carpet' – e gli attori famosi che fanno ciao-ciao, e le mossette e i sorrisini sapienti, e le stanche tette sospinte all'insù dai corpetti e reggiseni e gli spacchi vertiginosi – e ancora quel pensiero-meteora che ti attraversa la mente: 'Rumore e furore...'

Settembre, andiamo, è tempo di migrare.

L'immagine può contenere: cielo, nuvola, spazio all'aperto e natura