Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraCostanzabeforesunseturlodifarfallaandcp0luise7studio.siarcQuartoProvvisorioMIJAGIornella63.ocmarco3dgl9mattia.101aramar1959martellodgl13bacla0legrin2
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 09/05/2022

L'ombra di Achille nell'acciaieria.

Post n°2083 pubblicato il 09 Maggio 2022 da fedechiara
 

L'ombra di Achille nell'acciaieria.

'La porta del mondo è stata divelta ed è uscita dai suoi cardini – e che io sia dannato se farò in modo che vi sia riportata e torni a chiudersi.' - Parafrasi atto V scena I

In questa lenta discesa agli Inferi dell'anno terzo della seconda decade del terzo millennio entrante constatiamo che il mondo ha una bocca infernale aperta, un suo modesto buco nero lentamente roteante all'ingiù e che inghiotte a fatica i suoi accadimenti tragici quotidiani e i flash di luce degli ologrammi di nefaste apparizioni delle post moderne Furie.
Primo flash e subito buio. L'ingresso di un cunicolo dell'acciaieria Azovstahl. Clangori di catene, lamenti, scoppi formidabili all'esterno. Correre di soldati piegati in avanti che scivolano ancora più giù nelle buie curve dei tunnel rischiarati dal lampo delle esplosioni. Brevi grida, canti sommessi di sottofondo dei feriti. Capitano! Capitano! Andate avanti! Trovate rifugio nel fondo del cunicolo! Siate forti! L'ora nostra è giunta, soldati! Il sacrificio estremo sta per compiersi, viva l'Ucraina libera e integra!
Beva questo, Capitano. E' più acqua sporca che caffè. Non è rimasto più nulla da bere e da mangiare.
Le ombre di Ugolino e dei suoi figli si stagliano sullo sfondo della stretta torre. In un suo estremo rantolo il conte dalla lunghissima barba incolta dice: '… e poscia morto, dir non è mestieri.' Scompare.
Appare l'ombra di Achille : 'Come osa(s)te scendere nell'Ade, dove fantasmi
privi di mente han dimora, parvenze d'uomini morte?

Ecco. Questi sono i lacerti confusi , i brandelli sanguinosi del mio sogno di stanotte. Accompagnati da un ritornello cinematografico: 'Gli eroi immortali sono tutti morti.' Parvenze d'uomini morte.
E le lapidi dei caduti della Grande Guerra nei silenziosi sacrari e i loro sussurri trasportati dal vento del Tempo e le grida di morte dei feriti nelle trincee.
«Non abbellirmi, illustre Odisseo, la morte! / Vorrei da bracciante servire un altro uomo, / un uomo senza podere che non ha molta roba; / piuttosto che dominare tra tutti i morti defunti.
Buio, scoppi sempre più frequenti che squassano il palco, grida di moribondi.
Flash cinematografici della ritirata italiana di Russia e della battaglia di El Alamein.
Ancora il ritornello che si fa sussurro a spegnersi : 'Gli eroi immortali sono tutti morti.'
Buio.

Il mondo è fuori dai suoi cardini. Ed è un dannato scherzo della sorte ch'io sia nato per riportarlo in sesto. Amleto Atto I scena V
Potrebbe essere un'illustrazione

 
 
 

Polarizzazioni e guerre per procura.

Post n°2082 pubblicato il 09 Maggio 2022 da fedechiara
 

Ci stiamo un po' tutti 'polarizzando'. Solo che i poli oggi in questione sono l'est e l'ovest di un mondo che si è fatto sbilenco come le nostre vite. Di questo passo, finirà per cambiare anche l'asse magnetico terrestre e dovremo tutti ricalibrare i bisogni, le abitudini alimentari e forse reinventare le tecnologie – se è vero quel che scrivono gli esperti: che l'Europa, prona e succube e con il capo girato ad ovest del nuovo asse bellico terrestre e in feroce contesa con la Russia, è carente delle materie prime essenziali che abbondano, invece, ad est. Carente perfino di quelle 'terre rare' che sono alla base delle tecnologie ultime della comunicazione globale.
Come ridisegnare il futuro prossimo allora, in questa sospensione temporale bellica che ci impaura per tema delle esplosioni termonucleari che si minacciano ad est e ad ovest del pianeta?
Avremmo dovuto ripensare per tempo alle nostre sudditanze passive che ci hanno visto schiavi politici dell'America (la nostra penisola è, da nord a sud, una vera e propria 'portaerei' della Nato) e della sua arrogante organizzazione militare sedicente difensiva.
Avremmo dovuto aggiornare nel corso dei decenni democristiani e pentapartitici i troppo vincolanti trattati che abbiamo stipulato dopo la seconda guerra mondiale e distaccarci progressivamente dalle pelose 'riconoscenze' verso lo scomodo alleato e continuare a fare come il Craxi di Sigonella – che ha rivendicato la piena sovranità del paese ospitante e sancito le differenze politiche del caso con l'ingombrante convivente.
Ma di uomini politici di quella fatta (le note corruzioni a parte) non ne nascono molti in un secolo e oggi ci ritroviamo in pieno e asfittico dibattito su come toglierci dall'incomoda posizione di vaso di coccio tra due vasi di ferro che cozzano rumorosamente l'uno contro l'altro.
E non c'è verso di separare i due contendenti che se le danno di santa ragione (e, da ieri, senza più nascondersi dietro la foglia di fico della 'libertà dell'Ucraina', Stoltenberg dixit) e uno dei due leaders in competizione bellica furiosa cadrà. Speriamo presto e senza troppe conseguenze drammatiche per la pavida Europa politicamente inadeguata e succube.
Ma, alla fine di questa guerra furiosa, come si presenterà il pianeta politico: di una Cina e la Russia unite da uno stretto legame economico, insieme all'India e gli altri paesi dell' ex 'terzo mondo'?
Torneremo, noi cittadini dell'ovest pacificato, a 'fare affari' reciprocamente vantaggiosi con l'est del mondo ricco di materie prime o i rancori presenti per le sudditanze belliche e le stupide sanzioni proclamate al seguito di uno scomodo alleato avranno strascichi lunghi e penosi?
Per l'intanto prepariamoci a 'pagare caro, pagare tutto' delle cattive scelte politiche del presente s-governo degli infami partiti che hanno votato il decreto di aiuti ed armamenti ad un paese in guerra (fama di lor il mondo esser non lassa). E, in autunno, tornerà, implacabile il 'caro bollette' e le aziende che, conseguentemente, chiuderanno i battenti - e noi per casa in tuta di 'pile' avvolti nelle coperte a sbuffare nuvolette di vapore e ad improvvisare le corsette di riscaldamento dal salotto alla camera da letto.
Ma ci resterà la consolazione di esserci battuti come leoni per la pretesa 'libertà dell'Ucraina' a cui la Nato, per bocca del suo attuale segretario-Stranamore, nega il diritto di riconoscere la giurisdizione russa sulla Crimea quale base di una possibile trattativa di pace.
Correva l'anno...