Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

ing.canalegasparefedechiaraQuartoProvvisorioossimorasportautomotoaracnoid.999labrunetteflorence0AliNasir.386bubriskacassetta2StefanoP.74geom.massimobraccoArianna1921giovanni.panichellinorise1
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 17/02/2024

La sindrome del 'nemico a prescindere' ed il 'legittimo dubbio'.

Post n°3017 pubblicato il 17 Febbraio 2024 da fedechiara
 

La sindrome del 'nemico a prescindere' ed il 'legittimo dubbio'.

Fosse accaduto in un paese occidentale – che un detenuto morisse a 47 anni improvvisamente e senza precedenti di salute che aiutassero a formulare la diagnosi – si sarebbe ipotizzato l'infarto e si sarebbe data parola al medico legale per averne conferma.
Ma il detenuto era Navalny – il noto oppositore politico – e il paese è la Russia, additata come nemico pubblico occidentale da una campagna di stampa di regime (sedicente democratico) che mai ha voluto prendere in considerazione le ragioni del nemico e provare a sedersi al tavolo di trattativa di un 'cessate il fuoco' per verificare se esistono spiragli di una pace possibile.
No, mai, guerra-guerra-guerra fino all'ultimo soldato. La Russia deve cadere, ci hanno detto e ripetuto con pervicacia degna di miglior causa i folli Stranamore d'Oltreatlantico e i loro servi europei al seguito.
'Le ragioni del nemico' è il grande assente sulla scena mondiale di questo terzo millennio maledetto di guerre termonucleari annunciate e ogni spunto è buono per caricare la mitraglia degli epiteti fioriti sparati contro Putin, il nuovo Male del mondo, l'Hitler redivivo, l'uccisore della democrazia e assassino seriale degli oppositori.
Che potrebbe anche essere, il sospetto è venuto anche a me, condizionato come tutti voi dalle narrative occidentali sul polonio somministrato agli oppositori dagli agenti segreti in missione omicida – la Russia è il nemico dell'Occidente a prescindere, ricordate?
E non si tiene in nessun conto la parentesi Gorbaciov e la dissoluzione dei paesi satelliti della ex Urss post muro di Berlino in macerie – ma il dubbio, (uno solo!) che Navalny sia morto per infarto, come accade ad un discreto numero di esseri umani all over the world, non lo trovate in nessun foglio di giornale, in nessun report televisivo, in nessuna conferenza stampa di uomo politico qual che sia di questo Occidente servo sciocco di un'America che va lancia in resta contro i mulini a vento del suo inarrestabile declino geo strategico e ci prospetta perfino l'uso delle bombe atomiche quale corollario di un intervento diretto Nato nel contesto ucraino.
'Tanto va la gatta al lardo (bellico), che alla fine ce lo schiaccia il pulsantino (nucleare)'.
Maledetti Stranamore di un finis Terrae annunciato.
E il 'legittimo dubbio' delle democrazie occidentali e delle giurisdizioni relative che lo riconoscono perfino ai peggiori delinquenti, ai peggiori assassini conclamati nel momento del giudizio – e gli garantiscono un avvocato d'ufficio che difenda quella fragile parvenza di 'miglior sistema di governo' (o il 'meno peggio') riconosciuto alle democrazie, che fine miseranda ha fatto il legittimo dubbio dei tanti telefilms americani incentrati sul dibattito processuale?
Non una voce, una sola voce si è levata e si leva per sollevarlo, questo dubbio salutare, questo machiavello giuridico che ci salva dal precipitare tutti insieme nel regime di stampa che condanna 'a priori' e 'a prescindere' il nemico russo, e quel figlio del diavolo di Putin della retorica bellica occidentale.
Tornare al 'J'accuse' di Zola nel caso Dreyfus (che quel dubbio sollevava, mutatis mutandi) ce n'est pas question, in questi nostri tempi di infamia politica massima e spaventoso obnubilamento delle coscienze.
La Storia che va con il passo del gambero (un passo avanti e due indietro) ci consegna quest'altro 'taci, il nemico ti ascolta' del silenzio imposto quando la guerra si fa dura e i duri Stranamore cominciano a lanciare i loro missili a testata multipla termonucleare – e i mitici civili vaporizzati di sotto come a Dresda, come ad Hiroshima.
La sola igiene del mondo, il trionfo della logica del 'nemico a prescindere' e il deserto delle post esplosioni termonucleari chiamato 'pace' - e neanche un legittimo dubbio che un finale diverso possa essere scritto – come ci implorava Brecht in una sua pièce teatrale dimenticata, ahinoi.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 5 persone
J'accuse - Wikipedia
IT.WIKIPEDIA.ORG
J'accuse - Wikipedia

 
 
 

La città strana (e apparentemente viva).

Post n°3016 pubblicato il 17 Febbraio 2024 da fedechiara
 

La città strana (2) - 16 febbraio 2016

C'è vita in questa città. La gente si agita, freme di indignazione, riempie i ponti e le calli (il 'Calatrava', l'altr'ieri, ha tremato per le troppe presenze) e strepita perché i loro figli, poveri cari, vanno a scuola in luoghi sporchi – e la 'spending review' degli enti locali ha castigato anche le imprese di pulizia. Ma di organizzarsi in squadre di volontari (studenti inclusi) e 'mettere mano' a ramazze e strofinacci, no eh, cari i miei genitori – con tutto il tempo che ci regala la disoccupazione e il volontariato della 'protezione civile' che trabocca di offerta di nonni giovanili e ancora vigorosi. Offro le mie braccia alla bisogna (i cessi inclusi) acciocchè non si dica che predico bene e razzolo male.
Ascoltavo, mesi fa, una trasmissione radiofonica fatta di pezzi storici – ed era il dopoguerra e un maestro di scuola annotava in un suo diario quanto freddo faceva in quelle aule in cui si insegnava e si apprendeva coi guanti e il cappotto indosso. E mancavano i gessi per le lavagne e l'inchiostro in cui intingere i pennini e quel bravo maestro e i suoi allievi si industriavano a comprimere il 'pongo' sulle cornici delle finestre per fissarne i vetri ed era tutto un 'lavorare' - nelle scuole e nelle case e per le strade - perché iniziava 'lo sviluppo' e si avviava 'la rinascita' del paese.
Forse dovremmo tornare a quel lontano 'spirito dei tempi' e accettare l'idea che questa crisi globale che ci affanna sia una sorta di guerra che possiamo vincere con un 'ritorno al futuro' e un 'rimboccarsi le maniche' - e la stanchezza serale di un tale, esemplare 'volontariato civile' lascerebbe poco margine ai giovani che vi si impiegassero per le oscene 'movide' e gozzoviglie alcoliche serali e notturne che tolgono il sonno ai residenti e insudiciano la città.
E per restare sulla 'città strana' dove accadono le cose che 'voi umani neanche immaginate' è degno di nota quest'altro 'sdegno' degli abitanti e delle varie associazioni (perfino il F.a.i.! Che sia una questione estetica?): un bengalese, di quelli che lanciano in aria le trottole luminose e schiacciano a terra le 'facce' di plastica molle e vendono le rose ai turisti e ai beoti vaganti in piazza san Marco, ha osato formulare la frase folle: 'Questo è il nostro territorio', rivolto a un cameriere dello storico caffè Quadri che forniva un cliente di stivali per l'acqua alta. Gangs of Venice?
La tolleranza, da parte del sindaco e delle forze dell'ordine, dell'osceno commercio abusivo è causa del suo dilagare ovunque in città - e lo stupido gioco a 'guardia e ladri' delle pattuglie che fingono di non vedere, quando decidono finalmente di intervenire è causa di un 'fuggi fuggi' che manda all'ospedale le vecchiette bocciate dagli atletici neri in fuga.
Forse non sarebbe male suggerire al caro sindaco e ai vertici delle forze dell'ordine un viaggio-studio a Vienna per vedere e apprendere come si amministra una storica e nobile città e vi si risolvono i problemi con l'efficienza e l'eleganza che spetta ai 'salotti dell'Europa'. Mi dico pronto fin d'ora a versare il mio obolo per una colletta a questo fine – se per caso mancassero i fondi.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963