Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiarasurfinia60QuartoProvvisorioKevinYaoing.canalegaspareossimorasportautomotoaracnoid.999labrunetteflorence0AliNasir.386bubriskacassetta2StefanoP.74geom.massimobracco
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 25/02/2024

I folli bellicisti Nato e gli Stranamore americani.

Post n°3034 pubblicato il 25 Febbraio 2024 da fedechiara
 

Illusioni pie ed esplosioni annunciate. 25 febbraio 2023

Isolato e in controcanto con il coro dei folli bellicisti filo Nato, il titolo de 'il Fatto Quotidiano' di oggi (vedi sotto) fotografa con nitidezza lo stato delle cose sul fronte della guerra per procura che la Nato combatte in Ucraina per interposto esercito indigeno+ i volontari internazionalisti delle cause perse.
Chi ha letto il piano di pace proposto dai diplomatici cinesi e pubblicato sui giornali e sui siti internet si stupisce che a respingerlo sia proprio il fronte degli Stranamore americani ed europei alla loro prima crociata termonucleare che affermano con rodata faccia di tolla di voler la pace, si, ma da ottenersi con la prosecuzione della guerra e con la sconfitta sul campo del 'maledetto dittatore' Putin.
Quanto sia realistica questa illusione pia di sconfiggere la superpotenza militare sul campo di battaglia è chiaro anche ad un bambino un po' tardo e forse è per questo che ogni e tutti i capi militari e di stato uniti nella crociata Nato continuano nel loro imbonimento televisivo e di stampa embedded e ripetono fino allo stordimento: 'Vincere! E vinceremo!'
Una menzogna e una stupidaggine ripetute fino allo sfinimento, si sa, finiscono per apparire una mezza verità alle orecchie del mitico 'popolo bove' – e la guerra che conducono i capi militari e politici filo Nato insieme al capo comico Zelensky (bravissimo a sfruttare mediaticamente le defaillances dei suoi alleati) è solo e tutta mediatica e lo sbocco ultimo – se Putin dovesse soccombere sul terreno – sarà inevitabilmente termonucleare, con buona pace di tutti i fuori di testa filo armamenti all'Ucraina che si ostinano a negare quest'esito annunciato.
Ricordate la 'legge' di Murphy? «Se ci sono due o più modi di fare una cosa, e uno di questi modi può condurre a una catastrofe, allora qualcuno la farà in quel modo.»
Stay tuned. Vedere dal vivo una o più esplosioni termonucleari e i relativi, enormi funghi di polveri radiottive che si innalzano nel cielo è una cosa che poche generazioni possono affermare di aver veduto. La nostra è in lista di attesa e mancano meno di novanta minuti all'ora X.
Estote parati.
Legge di Murphy - Wikipedia
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 7 persone, persone in piedi e testo
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 2 persone e il seguente testo "Mi armi? Si! Ma quanto mi armi? Tantissimo! E mi armerai per sempre? Finché me dicono de fallo..."

 
 
 

Olocausti nucleari annunciati.

Post n°3033 pubblicato il 25 Febbraio 2024 da fedechiara
 

Olocausti nucleari e dintorni. 25/02/2022

Conviene tenere gli occhi ben fissi sulle esplosioni ucraine di oggi e dei giorni a venire e continuare a sviluppare le complicate sinapsi che ne conseguono se vogliamo capire il nuovo della Storia.
Che sembra ripetersi, ma è come i virus che sviluppano le loro micidiali varianti per sopravvivere.
Se quello che ci spaventa dell'aggressione militare dei russi è il ricordo ancora vivo del caporale Hitler che invadeva la Polonia con la passiva condiscendenza e gli errori politici dei paesi a lui intorno – e il seguito dell'espansione militare tedesca fino all'Olocausto finale - è una buona sinapsi, ma trascura le varianti virali della complessità della vita sul pianeta Terra.
Di Hitler ce n'è uno solo nella Storia, tutti gli altri sono suoi pallidi imitatori – pur se a capo di una nazione ben più vasta e solida della nazione tedesca di allora e dotati delle mille diavolerie missilistiche a testata atomica che ci fanno tremar le vene ai polsi per l'ampiezza dell'area distruttiva che comportano e include le nostre case e quelle dei parenti e degli amici.
Ed ecco la prima variante. L'equilibrio del terrore atomico ancora tiene e terrà per qualche settimana e relega nella fantapolitica i vaneggiamenti del dottor Stranamore (il bel film di Kubrik, andate su internet a vedervelo, è istruttivo). Quindi niente truppe Nato ingaggiate sul terreno e sullo spazio aereo ucraino.
Ma i brividi che provammo all'epoca dell'uscita del film nelle sale – di un missile (o un bombardiere della classe Stealth) che sfugge ai radar russi e punta veloce, troppo veloce su Mosca, e i due presidenti che si fronteggiano telefonicamente e patteggiano la punizione del reciproco sacrificio atomico di alcune città americane quale giusta rivalsa – quei brividi, dicevo, sono di oggi perché basta una frase di troppo (delle troppe e sciocche di pretesi leaders quali ci riferiscono i tiggi embedded) e un qualche capo di stato dell'alleanza Nato che ama mostrare i muscoli e spinge per una punizione severa che vada oltre le inefficaci, mitiche 'sanzioni' (Biden?) e la china discendente dei pulsanti rossi militari e dei codici che avviano l'olocausto nucleare verrà scandito in diretta dai giornalisti nel corso dei loro abborracciati tiggi di guerra.
Dieci, nove, otto, sette, sei – come quando stiamo con le bottiglie di spumante in mano in esaltata attesa dell'anno nuovo, che mai è veramente nuovo e diverso.
Noi speriamo che ce la caviamo. Ripetiamolo in coro facendo gli scongiuri di rito, perché se davvero i toni e gli stupidi fronteggiamenti verbali del Baiden, presidente inadeguato, non si attenueranno e qualche saggio consigliere non lo convincerà che Putin non è il 'nemico' da annientare, bensì il leader politico con il quale venire a patti e disegnare insieme il futuro delle sfere di influenza e l'arretramento della cintura militare della Nato dalle attuali posizioni allora è il tempo delle preghiere.
Che Dio ci aiuti, come si dice e si dirà mentre il mondo si fa evanescente nelle sue nebbie belliche e l'odore delle polveri atomiche ci brucia i polmoni.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 

Il caos delle stelle danzanti.

Post n°3032 pubblicato il 25 Febbraio 2024 da fedechiara
 

 Cronache dalla nuova peste. Part four. 25/02/2020

Se è vera la formidabile intuizione del filosofo tedesco - poi ripresa in una bella canzone - che '...bisogna avere molto caos dentro di sé per poter vedere una stella danzante' ebbene, in questi giorni di corona virus scatenato e trionfante, dovremmo vederne intere costellazioni: impegnate in un samba infernale per sfuggire all'attrazione gravitazionale di un gigantesco buco nero economico.
Dalla clausura in cui mi aggiro meditabondo e 'solo e pensoso i più diserti calli' calpestando di una campagna struggentemente bella nelle sue ataviche solitudini trovo drammatica conferma di quei miei pensieri d'antan che dicono la società in cui viviamo una 'cage aux fous', - una 'cheba de mati', dove basta gridare 'allah u akbar' in un pubblico convegno per scatenare il fuggi-fuggi in cui si calpestano impietosamente i caduti, e dire 'corona virus' due volte per vedere formarsi file lunghissime davanti ai super mercati e gli scaffali d'un subito vuoti e le merci chissà quando e se nuovamente sui camions degli approvvigionamenti.
E la lettura delle puntuali descrizioni di Albert Camus della peste che dilaga in tutti i quartieri della sua Orano di fantasia prigioniera del contagio e dei fenomeni di impazzimento collettivo che ne conseguono forse avrebbe aiutato i governatori delle regioni al centro del nostro dramma nazionale e Conte, il deus ex machina dei provvedimenti emergenziali (invero macchinosi e pochissimo divini), a dire parole più assennate e impedire che il virus di una influenza di ceppo nuovo e mutato potesse fare più danni (economici) della peste veneziana di cui alla famosa basilica a cui rivolgiamo collettivamente le preci.
Ed ecco a voi il dispiegarsi della follia piena del 'si salvi chi può', gridato da tutti contro tutti: non tanto per l'espansione del contagio dai numeri, tutto sommato, gestibili – che se non si fosse fatto nessun tampone quei contagiati sarebbero iscritti nel novero delle normali influenze stagionali (e il tasso di mortalità é parecchio bassino e limitato alla fascia dei 70/80enni male in arnese), bensì per le conseguenze del panico che ha esaurito in pochi minuti le mascherine nelle farmacie e l'amuchina sugli scaffali dei supermercati, neanche respirassimo l'aria fetida di un lazzaretto stracolmo di morituri senza poter uscire '...a riveder le stelle'.
A' dda passà 'a nuttata. Ne avremo per un mesetto di sofferenza estrema, ma lo scoppiare della primavera dovrebbe aiutarci – e il primo che si azzarda a cantare le str...... di stelle danzanti per via del suo allegro caos interiore è meglio che cambi strada, se per caso mi incontra lungo i viottoli della campagna. Fanc...
Nessuna descrizione della foto disponibile.
'Per le strade di Pechino (e di Wuhan) ...non si scherzava a raccogliere ortiche.'https://youtu.be/0XW9XN_vDaA
Franco Battiato - Centro di gravità permanente
YOUTUBE.COM
Franco Battiato - Centro di gravità permanente
Franco Battiato - Centro di gravità permanente
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Zucchero - Baila Morena
YOUTUBE.COM
Zucchero - Baila Morena
Zucchero - Baila Morena
LASTAMPA.IT
Il governo alla prova della crisi da coronavirus e la sindrome da lavatrice impazzita - La Stampa

LASTAMPA.IT
Peste nera, la storia si ripete. Vengono dal Medioevo le nostre reazioni al virus - La Stampa

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963